libri che ho letto/ pensieri, viaggi e idee

Le mie ultime letture

Jerusalem Ottolenghi
image_pdfimage_print

Buongiorno amici ed amiche, mi sono resa conto che da un po’ non vi aggiorno sulle mie ultime letture…come sapete amo tantissimo leggere, è praticamente la mia seconda passione oltre alla cucina, ed appena posso non rinuncio alla compagnia di un buon libro, soprattutto la sera prima di dormire (non amo molto la tele, fra l’altro quello che propongono ultimamente è davvero poco interessante, a parer mio!).
Gli ultimi libri che ho letto sono tanti e tutti interessantissimi a parer mio…alcuni sono di cucina, altri di narrativa, romanzi, insomma mi piace spaziare per imparare sempre cose nuove ed interessanti, allargare i miei orizzonti e trascorrere del prezioso tempo facendo ciò che mi piace, mi rilassa e mi fa stare bene, dopo aver adempiuto a faccende e doveri 😉 .
Inizio a a parlarvi del primo libro, quello che compare anche nella foto in evidenza del post…un libro che desideravo da tantissimo e che mio marito mi ha regalato per Natale, facendomi felice.
E’ un libro di cucina ma non solo…è meraviglioso con le sue immagini che ti catapultano a Gerusalemme e nella Palestina, luoghi che ho sempre desiderato visitare e che hanno sempre esercitato su di me un interesse particolare. Non solo cucina fra le sue pagine quindi, ma cultura, storia, religione…sapori ed odori di una città che gli autori hanno vissuto ed amato nella loro infanzia.
Jerusalem e gli altri non sono semplici libri di ricette: sono un viaggio sensoriale che ci trasporta tra i suoni dei mercati, gli odori delle cucine, gli appunti storico-culturali e i racconti che spiegano un cibo e il suo contesto, i passaggi dettagliati di esecuzione, i colori dei piatti che fanno di ogni ricetta un microcosmo di vita.”
Da La gazzetta del gusto.it, Francesca Vassallo

 

Qui una breve descrizione…

Ci sono ricette di verdure, legumi e cereali, zuppe e minestre, ripieni, condimenti, carni, pesce, sfoglie salate, dolci: tutto ciò è reso speciale dall’uso di profumate erbe, spezie, miscele aromatiche saporite….il tutto poi rappresentato da foto meravigliose che fanno venir voglia di entrare nelle pagine per assaporarle.
A me è piaciuto tantissimo, le ricette sono particolari ma fattibili e replicabilissime…Io ancora non ho realizzato nulla da mostrarvi, anche se spesso le vedo realizzate dalla mia amica Dauly, che adora questo libro, questa cucina e l’autore of course 😉 !!
Pensate che Dauly, all’autore Ottolenghi, ha dedicato pure una pagina del suo blog, e, se volete avere un’anteprima del tipo di cucina narrata nelle pagine di Jerusalem, potete sbirciare qui…lei è bravissima, fidatevi.
La prima ricetta che io sperimenterò e che ho adocchiato sia sul libro che da lei, è quella di un orzotto saporitissimo con feta e pomodoro…ma non voglio dirvi oltre, lo scoprirete presto!
L’unico neo, se vogliamo trovarne uno, di questo libro è il prezzo…ammetto però che vale tutti i soldi che costa, almeno per me.

 

 

la mia cucina sana di Lorraine Pascale

 

Altro libro di cucina che mi sono regalata qualche mesetto fa (ero un po’ giù, avevo bisogno di nuovi stimoli per il blog e la mia cucina…) è stato questo di Lorraine Pascale, La mia cucina sana.
Adoro Lorraine, è così bella ed affascinante anche davanti ai fornelli…l’ho subito seguita da quando anni fa è comparsa col su bel viso simpatico e rassicurante sugli schermi di Gambero Rosso Channel, insieme alle sue ricette semplici e veloci, ricche di gusto e sapore, ma con quel qualcosa in più che fa la differenza.
Ultimamente Lorraine si è avvicinata, come tipologia di piatti, ad una cucina sana e consapevole, senza dimenticare però il gusto e la presentazione dei piatti…
Questo libro è un tripudio di colore, profumo, spezie e chi più ne ha più ne metta….ammetto che qualche ricetta per me è un po’ troppo, però molte sono fattibilissime (si, spesso c’è il rischio che, acquistando libri di autori stranieri si faccia fatica a trovare qualche ingrediente, o magari si fatichi anche a tollerare qualche particolare gusto o abbinamento).
La carta è opaca e piacevole al tatto, le foto coloratissime e molto belle, ed è suddiviso in vari capitoli: il primo è un po’ un’introduzione sul concetto di Lorraine in merito al cucinare sano; successivamente troviamo il capitolo sulla colazione, pranzi leggeri, cene della settimana, brunch pigri, cucina per gli amici, ricette per il dopo film ;), pranzi della domenica e dolci per tutti i gusti.
Qui potete trovare anche un’anteprima, in modo da rendervi conto di quello che vi sto raccontando!

 

 

mio fratello rincorre i dinosauri

 

…e per finire, una lettura bellissima che non c’entra nulla con la cucina, ma che mi ha commosso, divertito e fatto tanto riflettere.
Non vi dico altro…dovete leggerlo, e farlo leggere anche ai vostri figli adolescenti.
Lascio spazio alla sinossi che trovate sul sito di Amazon…dice tutto, senza bisogno di aggiungere nulla.

Hai cinque anni, due sorelle e desidereresti tanto un fratellino per fare con lui giochi da maschio. Una sera i tuoi genitori ti annunciano che lo avrai, questo fratello, e che sarà speciale. Tu sei felicissimo: speciale, per te, vuol dire «supereroe». Gli scegli pure il nome: Giovanni. Poi lui nasce, e a poco a poco capisci che sí, è diverso dagli altri, ma i superpoteri non li ha. Alla fine scopri la parola Down, e il tuo entusiasmo si trasforma in rifiuto, addirittura in vergogna. Dovrai attraversare l’adolescenza per accorgerti che la tua idea iniziale non era cosí sbagliata. Lasciarti travolgere dalla vitalità di Giovanni per concludere che forse, un supereroe, lui lo è davvero. E che in ogni caso è il tuo migliore amico. ”

Con Mio fratello rincorre i dinosauri Giacomo Mazzariol ha scritto un romanzo di formazione in cui non ha avuto bisogno di inventare nulla. Un libro che stupisce, commuove, diverte e fa riflettere.

“Insomma, è la storia di Giovanni, questa.
Giovanni che ha tredici anni e un sorriso piú largo dei suoi occhiali. Che ruba il cappello a un barbone e scappa via; che ama i dinosauri e il rosso; che va al cinema con una compagna, torna a casa e annuncia: «Mi sono sposato». Giovanni che balla in mezzo alla piazza, da solo, al ritmo della musica di un artista di strada, e uno dopo l’altro i passanti si sciolgono e cominciano a imitarlo: Giovanni è uno che fa ballare le piazze. Giovanni che il tempo sono sempre venti minuti, mai piú di venti minuti: se uno va in vacanza per un mese, è stato via venti minuti. Giovanni che sa essere estenuante, logorante, che ogni giorno va in giardino e porta un fiore alle sorelle. E se è inverno e non lo trova, porta loro foglie secche. Giovanni è mio fratello. E questa è anche la mia storia. Io di anni ne ho diciannove, mi chiamo Giacomo.”

Guardate questo video, bellissimo: “The simple Interview” e scoprirete chi è Giovanni 🙂

Ringrazio la mia quattordicenne nipote Martina per avermelo consigliato <3

Ora vi lascio augurandovi un sereno venerdì e promettendovi che farò il possibile per realizzare qualche post in più di questo genere, so che in molti amate leggere e qualche consiglio, confronto e parere è sempre ben accetto.
Piuttosto…avete voi qualche libro da consigliarmi?
Scrivetemelo nei commenti 😉
Un abbraccio

 

You Might Also Like

18 Comments

  • Reply
    Luisa Napolitano
    28 gennaio 2018 at 16:43

    pesantuccio per me

    • Reply
      Simona Milani
      28 gennaio 2018 at 18:47

      Scusami ma non capisco a cosa ti riferisci…

  • Reply
    zia Consu
    26 gennaio 2018 at 20:31

    Che meravigliose letture Simo 🙂 Il primo libro ce l’ho anch’io e devo trovare il tempo di leggermelo con cura.
    Buon we <3

    • Reply
      Simona Milani
      26 gennaio 2018 at 20:43

      IO lo sto leggendo piano piano e me ne sono letteralmente innamorata….che bell0o sarebbe fare un viaggio in quelle zone!
      Buon we anche a te, un grande abbraccio 🙂

  • Reply
    Pippi
    26 gennaio 2018 at 16:00

    Simo che bei libri hai recensito anche per me la lettura è un piacere a cui non posso rinunciare, ogni tanto compro un libro mi metto comoda comoda sul divano e mi immergo nelle foto o nei racconti. Non c’è viaggio più bello che quello con la fantasia 😉

    Passa un sereno week end e torna presto con le tue proposte!
    un bacione
    Pippi

    • Reply
      Simona Milani
      26 gennaio 2018 at 16:20

      Grazie per essere passata amica mia, presto comprerò anche il tuo ultimo lavoro che deve essere bellissimo 😉
      Di questi che ho “recensito”, beh…te li consiglio tutti e tre 😉
      Bacio grande e buon week end anche a te

  • Reply
    Elena
    26 gennaio 2018 at 15:57

    Li ho tutti!!!! Ma ti sembra strano eh? 🙂 e tutti tutti bellissimi, la storia di Giovanni poi mi ha commosso profondamente ma devo dire anche che suo fratello è davvero un grande!!!!! Per gli altri due devo ancora sperimentare ma sono libri favolosi!!!! Buon w.e. amica mia!

    • Reply
      Simona Milani
      26 gennaio 2018 at 16:15

      ….ma nooooooooo
      Non è strano! Lo so che tu in fatto di libri non hai nulla da invidiare a nessuno, ehehehehe 😉
      la storia di Giovanni è bellissima, dovrebbero leggerla anche tanti ragazzi adolescenti…altro che! Per non parlare del video “the simple interview”…Aury ha pianto come una fontana.
      Buon week end anche a te, un bacio

  • Reply
    marina riccitelli
    26 gennaio 2018 at 14:41

    mio marito a Natale mi ha regalato Plenty, è bellissimo!! ho già provato due-tre ricette molto buone, diciamo che ho scelto le più semplici anche per una questione di reperimento ingredienti… Anche gli altri libri sono belli, grazie per la segnalazione. Un bacio

    • Reply
      Simona Milani
      26 gennaio 2018 at 16:13

      Io Plenty l’ho scaricato sul Kindle da poco, e presto lo leggerò, deve essere favoloso anche lui!
      Proviamo insieme dai, e poi ci confrontiamo 😉
      Un abbraccio e buonissima giornata

  • Reply
    Dauliana
    26 gennaio 2018 at 13:22

    Grazie mille, la venerazione che ho per questo chef spero contagi anche te <3
    Riguardo il costo, ehm, ma hai visto certi libri di perfetti sconosciuti quanto costano?;-)
    Bacione e ancora grazie!

    • Reply
      Simona Milani
      26 gennaio 2018 at 16:07

      Grazie cara, uno dei motivi che mi hanno incuriosito tanto e che mi hanno fatto scoprire qualcosa in più di questo chef, sono state le tue ricette e le tue recensioni! Quindi aspetta che mi metta all’opera e poi, ahahahah ne vedremo delle belle 😉
      Bacio e buon pomeriggio

  • Reply
    Lara
    26 gennaio 2018 at 13:01

    l’ultimo l’ho appena ordinato, stavo proprio cercando qualcosa di diverso da leggere che fosse anche un arricchimento, grazie!

    • Reply
      Simona Milani
      26 gennaio 2018 at 16:02

      Lara, hai fatto benissimo e ti consiglio vivamente di vedere il video e di far leggere il libro al tuo figliolo grande, credimi…
      <3 un bacio amica

  • Reply
    Susanna
    26 gennaio 2018 at 11:00

    Grazie cara Simo delle letture che ci presenti, ti mando un grande abbraccio e buon fine settimana
    Susanna

    • Reply
      Simo
      26 gennaio 2018 at 12:53

      Grazie amica cara, buon fine settimana anche a te <3

  • Reply
    Ivana
    26 gennaio 2018 at 10:27

    I tuoi consigli sulle letture, sono sempre preziosi e molto utili, sono in linea con te,condivido i tuoi “gusti letterari”, grande Simo… Grazie , un mega bacione grandissimo, ciao bella stella

    • Reply
      Simo
      26 gennaio 2018 at 12:58

      Grazie mia cara amica, ti consiglio di leggere davvero il libro di narrativa…è toccante e bellissimo, merita davvero.
      E non perderti il video!
      Bacio e buon week end

    Leave a Reply

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.