contest/ pensieri, viaggi e idee

“Adotta una Guglia”, con G.Cova & C. e la Veneranda Fabbrica del Duomo

image_pdfimage_print

Il Natale si avvicina…qualcuno mi dirà, ma Simo daiiii…siamo ancora in Novembre,non mettertici anche tu a far volare il tempo, eh!!
Si lo so, avete ragione, ma quello che vi devo dire oggi è davvero molto importante, e, visto che presto sarà ora di pensare ai regali, non potete non fare un piccolo pensierino su quello che vi racconterò.
Come sapete bene la Simo è Lombarda doc, molto attaccata alle tradizioni della propria regione, prima fra tutte quella di gustare a Natale l’immancabile dolce della tradizione, ovvero il signor Panettone, diffidando da tutte le varianti possibili ed immaginabili (pur buonissime, eh?! Intendiamoci bene….) che ultimamente sono uscite sul mercato…il Panetun l’è il Panetun, così come Milan l’è un gran Milan!
Qualche tempo fa sono stata invitata ad uno splendido evento, in una luminosa mattinata di sole, nella mitica e famosissima pasticceria G.Cova & C di via Cusani in centro a Milano, per scoprire qualcosa di più in merito alla bella iniziativa che da qualche anno questo Brand sostiene, insieme alla Veneranda Fabbrica del Duomo, ovvero: “Adotta una Guglia”.
Cosa significa?
Significa che in pratica, uniti, vogliono sostenere la raccolta fondi nata per la salvaguardia e la tutela del Monumento simbolo della città nel mondo, a noi milanesi tanto caro: il nostro Duomo, “el Domm de Milan”.

 

Una sinergia importante, attivata con questa secolare istituzione che da oltre 600 anni si prende cura della cattedrale, nata dalla volontà di diffondere gli straordinari tesori di storia, arte e fede del Duomo di Milano attraverso il restauro delle sue 135 meravigliose guglie.

 

dig

 

Il “nostro Duomo” è bellissimo ed ha una storia meravigliosa…la sua costruzione ha inizio nel 1386 sull’area in cui sorgono le antiche basiliche di Santa Tecla e Santa Maria Maggiore, abbattute in tempi successivi. Dedicato a Maria Nascente, è voluto da Gian Galeazzo Visconti, con un duplice intento: rinnovare, con un imponente piano edilizio, i siti di culto nel cuore di Milano e celebrare la signoria viscontea e la sua ambiziosa politica espansionistica.
Il Duomo di Milano è il più grande e complesso edificio gotico d’Italia, realizzato in marmo bianco rosato proveniente dalle cave di Candoglia, in Val D’Ossola. Ha una lunghezza di 157 metri e si estende su una superficie di 11.700 metri quadrati. La guglia maggiore raggiunge un’altezza di 108,5 metri; sulla cima di quest’ultima è posta nell’ottobre 1774, la statua dorata della Madonnina (alta 4,16 metri), opera dello scultore Giuseppe Perego.
I lavori di costruzione si protraggono per cinque secoli e durante questo periodo architetti, scultori, artisti e maestranze, sia locali sia provenienti da tutta Europa, si avvicendano nella Fabbrica del Duomo; il risultato del loro lavoro è un’architettura unica, una fusione tra lo stile gotico d’oltralpe e la tradizione lombarda.

 

 

cof

 

Aneddoti e curiosità:

Nella teca sopra il coro, segnalata da una luce rossa, è conservato un chiodo che si ritiene provenga della croce di Gesù.

Nei secoli i milanesi fanno a gara nel donare ciò che possono affinché i lavori del Duomo continuino. Ancora oggi è possibile effettuare delle donazioni, che sono registrate nell’Albo Donatori conservato nell’archivio della Fabbrica del Duomo.

I blocchi di marmo necessari alla costruzione arrivavano al “laghetto” – un piccolo bacino artificiale collocato vicino alla chiesa di Santo Stefano – dal Lago Maggiore attraverso il Ticino, il Naviglio Grande e la fossa interna dei navigli.

Durante la Seconda Guerra mondiale, per evitare che i riflessi di luce sulla superficie dorata servano da punto di riferimento per i bombardieri alleati, i milanesi coprono la statua della Madonnina di stracci.

Un’espressione tipica del dialetto lombardo, a uf (gratis, senza spesa), sembra in qualche modo riconducibile al Duomo di Milano. Infatti, secondo la tradizione, sarebbe riferita alla scritta “AUF – Ad Usum Fabricae”, che probabilmente consentiva a chi trasportava i blocchi di marmo destinati alla cattedrale di non pagare i dazi. La tradizione non è però confermata dagli studiosi, che sostengono cha “a ufo” abbia etimo ignoto.

È la prima cattedrale al mondo con le vetrate illuminate dall’interno così che di notte, dall’esterno, si possono vedere le immagini sacre. Per conoscere in anticipo le occasioni speciali, prevalentemente legate alle principali feste religiose, in cui la cattedrale è illuminata, si può visitare il sito duomomilano.it.

(Queste informazioni che vi ho riportato, le ho prese dal sito www.turismo.milano.it)

 

 

cof

 

In una bella mattina quindi d’ottobre, al Bistrot G.Cova & C., sono stata invitata per una bella colazione dove, davanti ad una meravigliosa fetta di goloso panettone ed un buon tè, ho potuto vedere e scoprire tutto il progetto di cui vi ho parlato sopra…si, proprio così, acquistando uno dei tanti loro panettoni, pandori buonissimi, contribuirete al sostegno ed al restauro delle guglie del nostro Duomo.

 

 

cof

 

Per celebrare questa comunione di intenti, G.Cova & C. ha creato appositamente la Linea Duomo, una collezione esclusiva di panettoni e pandori prodotti secondo l’antico sapere e con i migliori ingredienti freschi, per far assaporare il gusto originale del più tipico dolce delle Feste.
La Linea Duomo si ispira al simbolo del capoluogo lombardo che, come leggenda vuole, è legato al tradizionale dolce natalizio fin da quando, nel XV secolo, nacque la ricetta del “Panetùn”, che divenne ben presto l’emblema della pasticceria milanese nel mondo.
Otto ricette accompagnate da suggestivi incarti, dove è il colore, pieno e brillante a definire il gusto e l’unicità di ogni referenza; incarti fatti a mano, confezioni regalo, raffinate scatole di latta che racchiudono, nella loro eleganza, un messaggio di amore verso la cultura, fatta di arte ma anche di gusto.
Ogni confezione della Linea Duomo custodisce, al proprio interno, una pubblicazione esclusiva realizzata proprio dalla Veneranda Fabbrica, dove scoprire, attraverso racconti unici e immagini suggestive, la storia e i segreti del Duomo di Milano.
L’edizione speciale a tiratura limitata, disponibile in italiano e inglese, è stata pensata non solo per promuovere la conoscenza della grande Cattedrale milanese ma anche per diffondere in tutto il mondo la campagna di raccolta fondi “Adotta una Guglia” a cui sarà possibile aderire con piccole e grandi donazioni.

 

 

cof

 

 

Quindi, se non sapete cosa regalare quest’anno…beh, fateci un pensierino…
Sarà un regalo assolutamente gradito, oltre che benefico per un progetto importante (che alla sottoscritta poi sta tanto a cuore 😉 ).
Volete scegliere un particolare accostamento? Preferite la tradizione? Correte a fare visita qui, al sito www.panettonigcovaec.it, e troverete tutte le info e le risposte che cercate.
Mi raccomando!

Buon sabato a tutti

Simona

You Might Also Like

4 Comments

  • Reply
    Laura De Vincentis
    28 novembre 2016 at 8:10

    Il “mio” Duomo… la “mia” Milano… il panettone di Cova, un classico a Natale! Bellissima iniziativa! Grazie per averla divulgata! Un bacio

    • Reply
      pensieriepasticci
      28 novembre 2016 at 8:21

      Grazie a te cara Laura per essere sempre vicina a queste belle iniziative…le tue radici non mentono, eheheheh 😉
      Bacione e buon lunedì!

  • Reply
    Ivana
    27 novembre 2016 at 13:54

    Ma che bella iniziativa…. poi il nostro Duomo è veramente stupendo, ogni volta che lo vedo mi suscita un’emozione.
    Ottima idea per un pensiero natalizio, complimenti

    • Reply
      pensieriepasticci
      28 novembre 2016 at 8:19

      Verissimo cara, è davvero una bellissima iniziativa e noi lombardi non possiamo che esserne fieri e aderire dove si può per salvaguardare il nostro Duomo!
      Baciotto e buona giornata

    Leave a Reply