pensieri, viaggi e idee/ Senza categoria

Una mattinata con Alce Nero e l’olio extravergine d’oliva

image_pdfimage_print
 

Giusto una settimana fa, insieme alla mia mamma pasticciona preferita, ho avuto il piacere di partecipare ad un evento davvero molto interessante, svoltosi a Milano dal tema: “l’olio extravergine d’oliva, un alimento che nutre bene e con gusto”.
Il tutto è iniziato con una validissima conferenza che si è aperta con l’intervento del presidente del CNO, consorzio nazionale degli olivicoltori.
Successivamente è intervenuta la dottoressa Alleva, specialista in scienza dell’alimentazione e ricercatrice, che ci ha fatto un interessantissimo quadro dell’olio d’oliva, con le sue caratteristiche nutrizionali e salutari: è stato interessantissimo anche scoprire la Nutrigenomica (io era la prima volta che ne sentivo parlare!), la scienza che studia l’interazione fra nutrizione e Dna, ossia come il cibo che ingeriamo influenza i nostri geni.

La nutrigenomica e l’epigenetica hanno aperto un campo di
ricerca importante, ossia lo studio delle interazioni tra geni e alimenti.
Grazie alla nutrigenomica, sappiamo che gli alimenti contengono molte molecole
bioattive in grado di interagire e modificare l’espressione genica, mentre l’epigenetica
ci spiega come un alimento, o parte di esso possa modificare soltanto l’aspetto
del gene senza alterarne la struttura, e tali modifiche sono reversibili. 
Nasce
cosi il concetto di alimento nutraceutico,
ossia in grado di apportare modifiche tali da esercitare un effetto preventivo
e assicurare uno stato di salute ottimale. 
Tra gli alimenti nutraceutici tipici
della dieta mediterranea, l’olio extravergine di oliva (EVO) è uno dei più
importanti, per la sua complessità, essendo ricco di antiossidanti (polifenoli,
tocoferoli) che esercitano potenti azioni antimicrobiche ed antiinfiammatorie e
 di acido oleico, circa il 70%, che svolge
un ruolo fondamentale anche nella composizione delle membrane cellulari. 

E’
noto che per funzionare correttamente, una cellula deve avere una composizione
lipidica di membrana ottimale, che consiste nel non avere troppi grassi saturi, (che irrigidirebbero troppo la struttura di membrana) e non troppi polinsaturi in
quanto a causa dei doppi legami sarebbero più suscettibili ai radicali liberi
dell’ossigeno e alla perossidazione lipidica con importanti modifiche  nella funzionalità. 
In un recente studio effettuato
su 50 soggetti, in cui abbiamo valutato i consumi di EVO e consumi di grassi
vegetali,  (prevalentemente olio di
palma) mediante un Food Frequency Questionnaire in relazione a parametri
ematici, quali Colesterolo, LDL colesterolo, Trigliceridi, e alcuni parametri
pro-infiammatori, quali Inteleuchina-6, Perossidi plasmatici, e LDL ossidate (
responsabili della formazione della placca aterosclerotica, abbiamo dimostrato
grazie ad una cluster analisi, che l’utilizzo di 4 cucchiai al giorno, esercita
un ruolo preventivo verso ipercolesterolemia e ha un effetto antinfiammatorio,
oltre che antiossidante innalzando la capacità antiossidante plasmatica. 
Contrariamente l’olio di palma, svolge un effetto pro-infiammatorio, innalzando
tutti i parametri lipidici, perossidi, IL-6, LDL-ossidate ed abbassando la
capacità antiossidante nel plasma dei soggetti studiati. 
Tutto questo si
correla a modifiche della membrana cellulare che risultando più ricca di grassi
saturi, risulta fortemente instabile da comprometterne la funzionalità. 
Questo
studio dimostra che in un regime alimentare finalizzato a raggiungere uno stato
di salute ottimale,  è molto importante
scegliere i grassi “giusti”, più che limitarne le quantità: un corretto uso
giornaliero dell’ EVO, che prevede almeno 4 cucchiai al giorno, esercita un ruolo
protettivo molto efficiente oltre che conferire una buona difesa antiossidante.

Successivamente abbiamo apprezzato anche l’intervento del presidente di Alce Nero e Mielizia, il quale ci ha spiegato quella che è la loro filosofia, in merito alla produzione di olio extravergine d’oliva, le filiere, etc…

L’olio extravergine di oliva biologico di Alce Nero è prodotto da Finoliva,azienda socia, nata nel 1999, che controlla e lavora il prodotto conferito dai soci del C.N.O. (Consorzio Nazionale Olivicoltori) trasformando le migliori olive biologiche provenienti dai territori più vocati del nostro paese come la Toscana, la Puglia, la Calabria e la Sicilia, in un olio ricco di sapore. 
La produzione avviene con il tradizionale metodo della spremitura a freddo e decantazione naturale che preserva le qualità delle olive, valorizzandone il gusto.

 

Sani, puliti e buoni, ma non solo. Tutti gli oli extravergine di oliva di
Alce Nero garantiscono in più la possibilità di rintracciare la loro origine e
la loro storia. La tracciabilità dell’olio permette di colmare la
distanza tra produttori e consumatori, dando ai primi la possibilità di rendere
pubblica la qualità del loro prodotto e ai secondi la certezza di tale qualità.
Basta infatti digitare  nel riquadro
presente sul sito (www.alcenero.com) nella
sezione olio extravergine di oliva, il numero di lotto indicato sulla retro
etichetta di ogni bottiglia per conoscerne la precisa provenienza e scoprirne
le caratteristiche sensoriali.
 
 
 
La dottoressa Luana Leo Imperiale ci ha insegnato come degustare l’olio extravergine, come  cercare di capirne le differenze e a distinguerne la qualità….

 

 

Dopodichè abbiamo assistito ad uno show cooking dove il bravissimo Chef Max Mariola e il grande Maestro Pasticcere Maurizio Santin, ci hanno preparato dei golosissimi assaggi, ovviamente tutti a base di olio Evo….

Max ci ha fatto gustare una meravigliosa focaccia pugliese insieme ad un profumatissimo pesto “espresso”….

 

 

Maurizio Santin invece ha preparato dei bicchierini  f a v o l o s i, con una base di torta tenerella e croccante, ricoperti da una ganache realizzata con cioccolato bianco, vaniglia ed olio extravergine d’oliva….lascio che le immagini parlino da sole………….

 

 

E poi…che dire…siamo saliti in terrazza dove ci aspettava un ricco buffet in un ambiente a dir poco favoloso……..qua, fra una chiacchiera e un panzerottino, un bicchierino e una focaccina, il tempo è volato, purtroppo……

 

 

 

 

Che dire….
Grazie ad Alce Nero per avermi dato questa bellissima opportunità…grazie a Silvia e a Nicole che mi hanno gentilmente invitata e grazie anche alla mia pasticcionissima e adorabile compagna Monica per avermi fatto trascorrere delle ore serene e allegre (scusa se ti ho tediato un pò, nè?!)…credetemi lei è davvero così, vulcanica e simpaticissima, come appare nel blog!

Avrei voluto lasciarvi una ricetta…ma che dire: l’olio buono io lo uso per tutte le mie preparazioni in cucina, il modo migliore per gustarlo, però è solo e semplicemente questo……..

 

 

Ora scappo, ci vediamo la prossima settimana con una serie di belle ricettine che ho pronte per voi….
a presto, vi aspetto!

 

You Might Also Like

21 Comments

  • Reply
    Lara Bianchini
    20 Maggio 2013 at 6:14

    un'esperienza bellissima, sia per la scienza che le nozioni non sono mai troppe, che per la fantascienza (Santin che cucina… uno spettacolo interstellare), fortunella sei, un bacione.

  • Reply
    Aria
    19 Maggio 2013 at 8:39

    e mache meraviglia! le mie due pasticcione preferite in una volta sola!!!

  • Reply
    Ilaria Renzi
    18 Maggio 2013 at 21:41

    Deve essere stata davvero una bella giornata. Quante cose buone devi aver assaggiato… 🙂
    Buona domenica.

  • Reply
    Carmen
    18 Maggio 2013 at 16:48

    Che bello… Sai che mio marito produce l'olio che usiamo in casa. Ogni anno c'è il rito della raccolta delle olive che lui e mio cognato vivono con allegria e spirito goliardico. Negli anni mi ha trasmesso l'amore per questo prodotto della terra e per le sue mille virtù. Un bacio grande e buona domenica
    Carmen

  • Reply
    Ros Mj
    18 Maggio 2013 at 16:32

    Amica mia, perdonami se non sono riuscita ad essere sempre presente con i miei commenti. Ho letto tutti i post, però :-). Giorni intensi….e vedo che anche tu ti stai dando da fare! Una magnifica giornata…poi io adoro Max! E l'olio evo…preferibilmente a crudo su una bella fetta di pane, come nella tua ultima foto, è il modo migliore per apprezzarlo! Un bacio, tesoro, e buon fine settimana

  • Reply
    Luca and Sabrina
    18 Maggio 2013 at 15:20

    Esperienza di quelle che rimangono impresse e che ti arricchiscono, adoriamo questi eventi. Riconosciamo l'importanza della qualità dell'olio extravergine d'oliva e siamo molto esigenti al riguardo, sarà perchè a casa dei miei ci sono gli ulivi e in parte possiamo dire che l'olio che usiamo è quello di casa nostra, un po' perchè lo ordiniamo da aziende di fiducia e sappiamo che all'interno non ci sono schifezze varie provenienti da chissà dove. Non conosciamo l'olio dell'Alce Nero, ma tanti altri loro prodotti sì e sappiamo essere di qualità alta. Quelle coppette dello chef ci ispirano tantissimo.
    Bacioni e buon fine settimana di relax
    Sabrina&Luca

  • Reply
    conunpocodizucchero Elena
    18 Maggio 2013 at 7:47

    che giornata interessante!!! mamma mia! grazie!!!!

  • Reply
    Giovanna Bianco
    17 Maggio 2013 at 21:21

    Molto interessante questa esperienza, ti sarà piaciuta tantissimo. Complimenti.

  • Reply
    paola77
    17 Maggio 2013 at 20:47

    Ciao carissima che bellissima esperienza e quante cosine che hai assaggiato..una bacione! Notte!

  • Reply
    Angelica p
    17 Maggio 2013 at 20:07

    Ciao!
    che bella questa esperienza!di sicuro ti ha arricchito tantissimo!grazie per averla condivisa con noi!

  • Reply
    Ely Mazzini
    17 Maggio 2013 at 18:14

    Ciao Simo, che giornata fantastica, hai sicuramente vissuto una bellissima esperienza!!!
    Bacioni, a presto…

  • Reply
    Letizia - The miss tools
    17 Maggio 2013 at 16:55

    Ciao Simona, eccomi, finalmente riesco a passare. Intanto grazie per la tua partecipazione al mio Giveaway, mi fa piacere ed in piu' ho anche il piacere di conoscerti! Questo post mi ha incuriosita, non so se hai letto il mio profilo, sono una biologa, ma non avevo sentito parlare di nutrigenomica né tantomeno della capacitá degli alimenti di modificare l'Espressione genica….se ne hanno parlato a questo meeting sarebbe stato interessante per me sapere quali esperimenti ci sono in merito a cio'…. e forse ancor piú interessanti sarebbero stati i numerosi assaggini 😉 che meraviglia!
    Ti seguo con piacere, ciao!

  • Reply
    Ivana
    17 Maggio 2013 at 16:17

    Caspiterina, che bella "avventura"!!!!!!!
    Le foto hanno reso benissimo l'idea, che fantastiche le coppette, uao, da urlo!!!!! Buon w.e. ^.^

  • Reply
    Clara pasticcia
    17 Maggio 2013 at 15:47

    Che bellissima esperienza!! Complimenti, m'è piaciuto anche come lo hai condiviso!

  • Reply
    Peanut
    17 Maggio 2013 at 14:07

    Accipicchia che esperienza favolosa, e bello conoscere in modo così ravvicinato gli chef!
    ..se c'è una cosa a cui non resisto (tra le altre, che non sono poche in realtà!) è la riaggiunta del filo d'olio d'oliva a crudo su qualsiasi cosa <3

  • Reply
    Maria
    17 Maggio 2013 at 13:41

    CARA SIMO ,SICURAMENTE SARA' STATA UNA BELLISSIMA ESPERIENZA ,E QUANTE COSE BUONE DA ASSAGGIARE….UN ABBRACCIO GRANDE.

  • Reply
    Geillis
    17 Maggio 2013 at 13:35

    che bella esperienza, e quante cose buone da assaggiare!! Non conosco quest'olio, magari vedo se dalle mie parte si trova…

  • Reply
    Mamilu
    17 Maggio 2013 at 12:55

    Una bella esperienza per assaporare gusti nuovi e avere l'occasione per vedere all'opera veri Chef! Baci Luisa

  • Reply
    Martina
    17 Maggio 2013 at 12:40

    che esperienza meravigliosa!
    Un bacione cara 🙂

  • Reply
    Ely Valsecchi
    17 Maggio 2013 at 7:38

    -e' sempre interessante fare queste esperienze, anche a me era piaciuta la degustazione dell'olio! Un bacione

  • Reply
    Betty Carbuncle
    17 Maggio 2013 at 7:31

    che esperienza fantastica!

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.