Home Alla mensa coi Santi Ciambella dei Re Magi, ricetta ligure per l’Epifania

Ciambella dei Re Magi, ricetta ligure per l’Epifania

Dolce italiano della tradizione

di Simona Milani
Ciambella dei Re Magi

La Ciambella dei Re Magi, ricetta ligure per l’Epifania, è tipica della zona di Ponente; leggera, soffice, golosa, ha in sè una dolce sorpresa

Buongiorno amici e Buon anno nuovo!
Oggi, eccezionalmente sono qui il giorno 4 di gennaio, per presentare la mia ricetta dedicata all’Epifania nella rubrica “Alla mensa coi Santi“, scritta sempre con le amiche Miria e Monica.
Una rubrica che riparte anche quest’anno nuovo nel migliore dei modi, col botto direi…
Ebbene sì, stavolta vogliamo parlare di ricette dedicate alla festività dell’Epifania, il secondo Natale, giorno della venuta dei Re Magi ad adorare il piccolo Gesù nella grotta di Betlemme.
Io ho voluto proporre un dolce, che mi ha colpito al primo sguardo…
Un dolce tipico della zona del Ponente Ligure, la Ciambella dei Re Magi.
Sofficissima, poco dolce ma perfetta da gustare così o anche inzuppata in un buon vinello dolce, nel latte o in accompagnamento al tè della merenda.
Ovviamente non potevo non prendere spunto da due liguri per eccellenza, Luca e Monica del blog Fotocibiamo, con la loro ricetta.
Questa ciambella, davvero deliziosa, è tipica proprio di questo giorno di Festa, così come anche tanti dolci Europei realizzati proprio per questa ricorrenza.
Un esempio?! La Galette de Rois francese, il Bolo Rei del Portogallo, il Roscon de Reyes spagnolo, il Dreikönigskuchen svizzero o la Vasilopita greca, che hanno preparazioni simili.
Tutti questi dolci hanno in comune la caratteristica di avere una piccola sorpresa all’interno (un piccolo oggetto) e chi la troverà nella sua fetta, sarà eletto Re o Regina della festa.

Ciambella dei Re Magi

In generale, la maggior parte dei dolci preparati in occasione della Befana si caratterizzano proprio per la presenza di una sorpresa nascosta
Secondo un’antica tradizione, ad esempio, nascondere una fava nell’impasto rappresentava un gesto beneaugurante e un simbolo di ricchezza e salute.
Sempre in Liguria, ma questa volta a Levante, in occasione del 6 gennaio si preparano gli anicini, ovvero dei biscotti profumati all’anice, ingrediente che dona all’impasto un aroma molto intenso.

Questo dolce è un lievitato da forno a forma di ciambella, con uvetta, granella di zucchero e canditi.
La forma e l’aspetto della torta richiamano da un lato la corona reale e, dall’altro lato, la ricchezza e la fastosità dei Re Magi.
I canditi, che decorano la superficie della ciambella, simboleggiano pietre preziose e gioielli che solitamente caratterizzano una corona, appunto regale…
La mia versione ha uvetta all’interno (poca) ed è decorata con ciliegie essiccate, canditi colorati e zucchero in granella.

Ciambella dei Re Magi – ricetta del Ponente Ligure

Simona Milani
La Ciambella dei Re Magi, ricetta ligure per l'Epifania, è tipica della zona di Ponente; leggera, soffice, golosa, ha in sè una dolce sorpresa
Preparazione 15 min
Cottura 35 min
Tempo totale di lievitazione e riposo 3 h 30 min
Portata Colazione, dolce, ora del tè
Cucina dolce, Italiana, tradizionale
Porzioni 14 porzioni

Equipment

  • planetaria
  • forno

Ingredienti
  

Per il lievitino

  • 100 g farina manitoba
  • 100 g latte
  • 12 g lievito di birra fresco

Per l'impasto

  • 400 g farina 0
  • 130 g zucchero semolato
  • 90 g burro a temperatura ambiente
  • 80 g latte più un poco per spennellare la superficie
  • 70 g uvetta sultanina
  • 2 uova
  • 1 pizzico sale fino
  • 1 cucchiaino scorza di limone non trattato finemente grattugiata

Per decorare la superficie

  • q.b ciliegie disidratate o candite
  • q.b canditi misti
  • q.b granella di zucchero

Istruzioni
 

  • Per prima cosa preparare il lievitino; mettere in una ciotola ben capiente il latte intiepidito, il lievito sbriciolato e la farina, mescolando velocemente con una forchetta.
    Chiudere con pellicola e lasciar riposare in un luogo tiepido per circa 40 minuti; in questo modo il lievito si attiverà, permettendo un'ottima lievitazione alla ciambella.
  • Trascorso questo tempo, mettere nella ciotola della planetaria col gancio da impasto, la farina, lo zucchero, le uova, la scorza grattugiata del limone ed il lievitino, iniziando ad impastare.
    Mentre la planetaria lavora, aggiungere poco alla volta il burro morbido a piccoli pezzetti, sempre impastando e successivamente il latte, regolandovi bene perchè potrebbe anche essere poco oppure troppo.
    Mettendone pochino alla volta, sarete in grado di valutare se e quanto ne occorrerà: ogni farina ha il suo assorbimento e l'impasto dovrà essere morbido ma non appiccicoso e si dovrà incordare al gancio della planetaria).
  • Quando l'impasto inizierà ad incordarsi al gancio, ovvero ad aggrapparsi staccandosi completamente dalle pareti della ciotola, aggiungere il sale e l'uvetta, poi continuare ad impastare ancora per qualche minuto.
    Formare una palla, adagiarla nella ciotola dell'impastatrice, coprirla con pellicola e metterla a lievitare per 40 minuti in luogo tiepido ed al riparo dalle correnti d'aria.
  • Trascorso questo tempo trasferire l'impasto su una spianatoia leggermente infarinata, formare una palla e pirlarla in modo da ottenere una forma tonda perfetta, poi formare un buco al centro dando la forma di una ciambella.
    Trasferire la ciambella ottenuta su una teglia grande ricoperta di carta forno, mettendo al centro un piccolo stampino in acciaio o alluminio per mantenere la forma del buco in fase di successiva lievitazione e cottura.
  • Porre la ciambellona a lievitare al caldo nel forno spento ma con la luce accesa per circa un paio d'ore, comunque sino al suo raddoppio.
    Una volta ottenuto questo risultato, spennellare la ciambella con un po' di latte, ed adagiarci sopra le ciliegie candite, i canditi misti e spolverizzare il tutto con lo zucchero in granella.
  • Cuocere in forno pre-riscaldato a 180° con funzione statica per circa 35-40 minuti; una volta cotta la ciambella, sfornarla e metterla a raffreddare su una gratella, prima di servirla.

Note

  • ricetta di Fotocibiamo, meravigliosamente spiegata
  • si conserva per un paio di giorni se tenuta chiusa ermeticamente in una scatola o in un sacchetto di cellophane ben chiuso
  • è possibile anche inserire nell’impasto un fagiolo, un anellino, un piccolo monile o oggettino e, chi lo troverà nella propria fetta, sarà il Re o la regina del giorno, secondo la tradizione.
Keyword ciambella, Epifania, Re Magi
Ciambella dei Re Magi
banner santi

Come sempre questo che vedete sopra è il nostro banner; si trova a lato destro del mio blog, voi potrete cliccarci sopra per vedere tutta la raccolta delle nostre ricette.
Inoltre, ogni primo giorno del mese, la nostra rubrica arriverà puntuale da tutti voi!
Come fatto finora, ognuna di noi vi parlerà di una ricetta legata ad un Santo in particolare, cercando di comporre anche un piccolo menù…
Oltre a me che vi parlo di questo dolce per l’Epifania, Miria sempre per questa ricorrenza realizzerà il Rosca de Reyes – Ciambella dei Re – Dolce messicano per l’Epifania

Come sempre vi ricordo anche la nostra bella mappa interattiva che potrete visionare qui

Ora però è giunto proprio il momento di salutarvi…
Ho scritto molto, lo so e un po’ me ne scuso, ma tante cose c’erano da dire!
Questa è una rubrica che arricchisce tanto, noi che la scriviamo ne beneficiamo per prime.

Volevo, visto poi che l’Epifania tutte le feste se le porta via, lasciarvi qualche ricettuzza da fare con gli avanzi delle feste, panettoni, pandori & co…
Guardate qui:
Coppette di pandoro e crema al marsala golosissime ed anche belle da presentare ad ospiti ed amici
Gelato al panettone: una piacevole e inusuale maniera di riciclare il dolce de Milan
Tartufi di panettone ed arancia…stragolosi e facilissimi da fare! Provare per credere… 😉

Un abbraccio ed un saluto immenso…
A prestissimo!
Baci baci e buon 2023

simona

You may also like

10 commenti

Miria 11 Gennaio 2023 - 17:51

5 stars
I tuoi lievitati sono sempre strepitosi Simo. Mi piacerebbe molto assaggiarne una fetta, anzi anche due.

Rispondere
Simona Milani 12 Gennaio 2023 - 11:26

Devi provare a farlo, è soffice e poco dolce, perfetto davvero per colazione e che dire: lo rifarò! Bacioni amica mia 🙂

Rispondere
edvige 9 Gennaio 2023 - 17:06

Ottimo dolce purtroppo per me banditi… glicemia alta però la passo a figlia un pezzettino….. Buona prosecuzione 2023.

Rispondere
Simona Milani 11 Gennaio 2023 - 15:05

Non è dolcissimo, ammetto, ma passa pure e poi fammi sapere 😉
Un abbraccio cara!

Rispondere
ipasticciditerry 9 Gennaio 2023 - 14:20

Guarda cosa mi fai trovare … io non le cose troppo dolci, perciò capirai quanto mi piacerebbe questa ciambella. E’ avanzata una fettina per me? Buon inizio Simo, di anno e di settimana. Sono stata un pò lontana dal web, al mare e al caldo e ora si torna alla vita di tutti i giorni, Ma non mi lamento, adoro fare la nonna, credo sia il mestiere più bello del mondo. Un bacio

Rispondere
Simona Milani 9 Gennaio 2023 - 14:53

La devi provare assolutamente sai?! Poco dolce, soffice quanto basta, colorata ed allegra anche per le colazioni della settimana, lontano dalle festività!
Buon anno anche a te, sono felice di ritrovarti…hai fatto bene a staccare, lo sto facendo anche io un poco sai?!
Quando ce vò ce vò…ecchecavolo 😉
Mando un bacio enorme ai tuoi adorati nipotini ed un mega abbraccione a te <3
A presto!

Rispondere
speedy70 8 Gennaio 2023 - 14:01

Complimenti, soffice e tanto invitante!!!

Rispondere
Simona Milani 9 Gennaio 2023 - 11:38

Grazie cara, è da provare….semplice davvero ma scalda cuore e stomaco!
Un abbraccione

Rispondere
lea 6 Gennaio 2023 - 16:26

una ciambella deliziosa, buona epifania!

Rispondere
Simona Milani 9 Gennaio 2023 - 11:53

Grazie di cuore! Buonissima giornata

Rispondere

Lascia un commento

Recipe Rating




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.