A colazione con le brioches di Dida

La colazione, come già detto più e più volte, è il pasto che preferisco. Purtroppo però durante la settimana rimane un pò sacrificata dal fatto che si è sempre di corsa, l’orologio incombe, insomma non la gusto come vorrei!
Per questo, se posso, nelle mattine del week end, soprattutto il sabato, cerco di preparare qualcosa di particolarmente sfizioso per coccolarmi e coccolare i miei cari.
Queste brioches viste da Dida qui, (credo fosse una ricetta di Romy…)mi avevano subito colpito…in più, il bello era poter utilizzare la pasta madre, che, da me, rende il suo meglio coi dolci che con il pane!!!!!
Ecco la ricetta presa pari pari dal blog della dolce Dida, che ringrazio…
Ingredienti:
200 g pasta madre

400 g farina 00
100 g zucchero
50 g burro morbido
200 ml latte intero
3 tuorli d’uovo
un pizzico di sale
Ho sciolto la pasta madre nel latte tiepido. Poi ho aggiunto tutti gli altri ingredienti, per ultimi sale e burro ed ho lavorato tutti gli ingredienti a mano
Una volta ottenuto un impasto morbido, lo si mette a riposare in una zuppiera infarinata, coperto da un canovaccio, in un luogo caldo, per due ore.
A questo punto rilavorate velocemente la pasta e datele la forma di un filoncino: ponetelo su una placca infarinata e mettetelo di nuovo a riposare in un luogo riparato ( va beneissimo anche il forno spento! ), per cinque ore, io ho fatto riposare tutta la notte.
Tagliate quindi a pezzi il filoncino, con un coltello ben infarinato , con delicatezza, e formate le brioches.
Spennellatele di tuorlo mescolato a pochissimo latte, e cospargete di abbondante granella.
Io non avevo più tuorli, e le ho spennellate solo con latte……
Nel frattempo preriscaldate il forno statico a 200°.
Infornate per trenta minuti, ricondandovi, però, di abbassare il forno a 170°, negli ultimi dieci minuti.
Sfornate e raffreddate su una gratella.

Avete visto che sofficità all’interno??…
…provate ad immaginarle con una bella tazza di caffèlatte fumante…e della marmellata fatta in casa…un velo di burro…
..un bicchiere di succo d’arancia…
Non vedo l’ora che arrivi sabato mattina!
…ma manca poco, domani è solo venerdì!