in cucina con il tè/ pasticci da bere/ sponsored

Birra bianca al tè Earl Grey

birra bianca al tè
image_pdfimage_print

Qualcuno di voi ha avuto modo di partecipare all’Oktoberfest?!
Io mai, anche se mi piacerebbe tanto andarci, il contesto dev’essere bellissimo!
Ammetto che la birra si, mi piace, ma ultimamente per i miei problemi di intolleranza ai lieviti, devo ahimè limitarla altrimenti…son dolori.
E non lo dico in senso lato…proprio dolori sono, perchè la mia colite non perdona, e quindi devo accontentarmi di vederla sorseggiata e gustata dal marito, che invece di problemi, beato lui, non ne ha!
Ho quindi fatto degustare a lui questa variante di birra bianca aromatizzata al tè Earl Grey, anche se lo ammetto, pure io l’ho appena assaggiata, trovandola davvero buona e molto particolare.
Certo, ogni volta anche io sono la prima, in questa rubrica, a scoprire insieme a Gabriella dello Chà Tea Atelier, nuovi gusti ed accostamenti…noi ci proviamo, studiamo, pensiamo, e…sperimentiamo.
Lei è la mente ed io il braccio (una bella squadra, oserei dire!) e così nascono le nostre ricette, quelle che vedete in questa rubrica, e che molto spesso stupiscono noi per prime, proprio per i risultati imprevedibili che otteniamo!
Volete sapere come ho fatto?!
Beh, è davvero facilissimo….

 

 

Innanzitutto procuratevi una buona Birra bianca Belga e dell’ottimo tè Earl Grey; qui passo come sempre la parola a Gabriella per la descrizione di questo tè, che io adoro e che è fra i miei preferiti in assoluto.

 

tè Earl Grey

 

L’Earl Grey, è la miscela di tè neri aromatizzati al bergamotto più conosciuta e bevuta al mondo.
Prende il nome dal conte Charles Grey, primo ministro britannico nel 1830, che ricevette in dono questo tè dalle intense note agrumate.  
In commercio esistono moltissime varianti e in principio si trattava solo di miscele di tè neri; attualmente sono chiamati Earl Grey anche i blend a base di tè verde, bianco e wulong.
Il nostro Earl Grey è ottenuto dalla miscelazione di tè neri indiani e cinesi aromatizzati naturalmente al bergamotto della Calabria.
 

Per la preparazione si consiglia:
3 grammi ogni 150 ml
acqua a 90-95°
3 minuti d’infusione

 

chà tea atelier logo

 

tè Earl Grey

 

Procedimento:
Preparare uno sciroppo con 220 g di zucchero e 250 ml di acqua; portare ad ebollizione, poi mescolare per circa 3-4 minuti (in modo da renderlo sciropposo) e togliere dalla fiamma.
Far raffreddare ed ecco pronto lo sciroppo di zucchero… si conserva in un contenitore ben chiuso in frigorifero per circa un mese, pronto per essere utilizzato quando volete.

Preparare successivamente una tazza di tè Earl Grey come da spiegazione di Gabriella, poi lasciare anch’esso a raffreddare ben bene in frigo.

Miscelare tè e sciroppo di zucchero in queste dosi: 50 ml tè Earl Grey e un cucchiaio colmo di sciroppo; unire poi il tutto a 140 ml di birra bianca belga, che avrete tenuto in frigo.
Amalgamare ben bene e servire la birra al tè freddissima…magari accompagnandola a salumi, formaggi e buonissimi panini Laugenbrot…presto vi metterò la ricetta sul blog, li ho fatti per la prima volta e mi sono venuti davvero molto bene!

 

 

Che ne dite?!
Io e Gabriella speriamo di avervi lasciato un’idea originale per variare la solita birretta 😉
Noi ci vediamo sempre su queste reti il prossimo mese sempre con questo appuntamento!
A prestissimo, un abbraccio

You Might Also Like

20 Comments

  • Reply
    edvige
    26 ottobre 2017 at 18:40

    Molto interessante questo abbinamento. Birre con varie “contaminazioni” le trovi già pronte specialmente in Austria trovi una varietà pazzesca ma chi ama la birra non le prende. Io ci ho provato e le ho trovate niente male (anche ai lamponi …). Bevo pochissima birra adoro la Guiness non fredda e la rossa, le bianche non tanto e poi quella di Weizen frumento che gusti con il limone come la Corona anche se è diversa. Oktoberfest … si una volta era molto bello come una grande festa ora invece tutto è travisato si beve troppo con le conseguenze…e si mangia anche troppo è un tripudio quasi al gozzovigliare credimi te lo dico perchè ci sono stata con mio fratello che vive in Germania da oltre 30 anni. E’ comunque un esperienza senz’altro entri in un mondo molto particolare. A Trieste nel passato reminescenze austro esisteva proprio la fabbrica di birra la Dreher e quindi il loro locale dove i triestini andavao quasi ogni sera come un Oktoberfest :((.
    Ciaoo cara preso nota e buona serata.

    • Reply
      Simona Milani
      27 ottobre 2017 at 10:41

      Ecco qua una vera intenditrice di birre! Grazie cara Edwige per il tuo commento, ti ringrazio un sacco e se la provi…beh dimmi 😉
      Bacione e buona giornata

  • Reply
    saltandoinpadella
    26 ottobre 2017 at 15:34

    La birra mi piace assai, anche se non sono una bevitrice professionista 😉 davvero stuzzicante l’idea di aromatizzare con il thè. Avete mica provato come viene senza aggiungere lo sciroppo di zucchero? io bevo il thè sempre senza zucchero

    • Reply
      Simona Milani
      26 ottobre 2017 at 16:39

      Senza lo sciroppo di zucchero proprio non saprei come viene, io ho seguito le indicazioni di Gabriella che già ha preparato vari cocktail al tè.
      Tu prova, e poi fammi sapere, credo on ci siano assolutamente problemi, del resto lo sciroppo è davvero poco che non dovrebbe sentortsi tanto la differenza…

  • Reply
    Sabrina di Delizie & Confidenze
    26 ottobre 2017 at 11:17

    Wow che variante interessante!!!!
    Mi piace, da provare sicuramente ^_*
    Un abbraccio

    • Reply
      Simona Milani
      26 ottobre 2017 at 16:56

      Provala e poi dimmi se ti piace 😉
      Un abbraccio!

  • Reply
    Ivana
    26 ottobre 2017 at 10:56

    Ciao Simo, l’idea è davvero geniale, ma anche a me… la colite non da tante chance… anzi, me la fa pagare per bene, magari la farò per la mia famiglia , io sono out!!!! Bacione grandissimo, ciao stella bella

    • Reply
      Simona Milani
      26 ottobre 2017 at 16:57

      Ahahaha vedo che non son la sola ad avere questi problemi…certo che per chi se lo può permettere, è davvero una bella e sfiziosa variante per una birretta fresca e dissetante! Se i tuoi dovessero provarla, beh…fammi sapere 😉
      Baciotto

  • Reply
    ConUnPocoDiZucchero Elena
    26 ottobre 2017 at 10:45

    accipicchia che ricettina!!! ma siete delle maghette voi!! Idea bellissima e che fa venire voglia di provarla nonostante siano le 10 del mattino!!! 😀

    • Reply
      Simona Milani
      26 ottobre 2017 at 16:58

      Ci piace tanto provare e sperimentare…il tè è davvero versatile e perfetto per realizzare mille idee in cucina!
      Un grande abbraccio

  • Reply
    Alice
    26 ottobre 2017 at 10:19

    Sono andata un paio di volte nel passato a Monaco in occasione dell’Oktoberfest, ed è indiscutibilmente un momento unico da vivere, i fiumi di birra, i costumi tipici, quelle donne che riescono a portare anche 10 boccali da un litro l’uno stretti tra le loro braccia…ora però sai curiosa di assaggiare questa tua proposta, passo da te più tardi?
    baci
    Alcie

    • Reply
      Simona Milani
      26 ottobre 2017 at 17:03

      Che bello, vedi, tutta questa atmosfera dev’essere bellissima da vivere, mi piacerebbe tanto andarci anche perchè non sono mai stata da quelle parti…
      Che posso dirti della birra?! Che è da provare…
      …e poi mi dici se ti è piaciuta 😉
      Bacio e buon pomeriggio cara

  • Reply
    Piccolalayla - Profumo di Sicilia
    26 ottobre 2017 at 7:55

    La birra bianca non è tra le miei preferite ma scoprire sempre nuovi sapori e prodotti è sempre un modo per evolvere il gusto e il palato! Bellissime immagini A presto LA

    • Reply
      Simona Milani
      26 ottobre 2017 at 17:04

      Proprio questa tipologia di birra si accosta bene all’abbinamento col tè Earl Grey…direi che è da provare 🙂
      Un caro saluto e grazie :*

  • Reply
    notedicioccolato
    25 ottobre 2017 at 21:12

    Accidenti tesoro, mi dispiace per la tua colite. Periodicamente ne soffro anch’io eson dolori sì :'( Sono sincera, non amo la birra da bere mentre adoro usarla in cucina, sia col dolce che col salato. Mi stai solleticando la fantasia con questa proposta 🙂 Un bacione, buona serata

    • Reply
      Simona Milani
      26 ottobre 2017 at 17:06

      Ecco un’altra che sa cosa voglio dire, ahahahah 😉
      Anche io la uso spesso in cucina sai?! Ci sfumo le carni, ci faccio risotti, col dolce ci vado meno a nozze ma è solo che non mi ci sono mai applicata seriamente, proverò!
      Un gran bacione a te e buon pomeriggio amica

  • Reply
    Natalia
    25 ottobre 2017 at 10:38

    Non amo particolarmente la birra. Un pochino quella rossa ma giusto l’assaggio. Piuttosto preferisco usarla come ingrediente in cucina. Quindi mi piace l’idea di usarla in questo modo.

    • Reply
      Simona Milani
      25 ottobre 2017 at 12:24

      Qua rimane un po’ più delicata come gusto, diciamo così, più aromatica ed anche meno amara…è da provare, magari i puristi della birra inorridiranno, ma noi si sperimenta sempre 😉
      Ci piace! eheheheh
      Un baciotto

  • Reply
    Serena Grossi
    25 ottobre 2017 at 10:25

    Beh, adesso però mi hai proprio incuriosita… non sono una grande amante della birra chiara e nemmeno tanto dell’Earl Grey, ma la combo è interessante e, soprattutto, non avrei mai pensato che, a parte la Michelada, la birra si potesse utilizzare nei “cocktail”

    • Reply
      Simona Milani
      25 ottobre 2017 at 12:24

      Sere, noi ci abbiam provato, e ti devo dire che il risultato non era niente ma niente male 😉
      Un abbraccio cara

    Leave a Reply