libri che ho letto/ Pasticci di frutta e verdura

Un filo d’olio…..

image_pdfimage_print
 
 
 
 

 

Buona domenica a tutti!
Oggi un post veloce ma intenso.

Avete mai pensato cos’è per voi un filo d’olio?
Io si…
E’ quel qualcosa in più che rende speciale un piatto…una semplice preparazione…un piatto povero che con esso acquista sapore e corposità.
E’ quel tocco che a volte sa completamente trasformare una pietanza.

E’ anche il titolo di un libro bellissimo che ho appena finito di leggere e che ho letteralmente “divorato”.

L’autrice ripercorre la sua infanzia e giovinezza trascorsa a Mosè, in Sicilia, fra profumi, colori e sapori…giochi e passatempi…affetti e sentimenti profondi.
I ricordi riaffiorano fra le pagine di questo libro, ricordi legati alla famiglia, zii e cugini compresi, insieme alle pietanze meravigliose e succulente preparate coi prodotti freschi dell’orto offerti dalla stagione.
Un libro che vi coinvolgerà e rapirà, letteralmente…spero…come è stato per me!

da La Feltrinelli.it

Memoria familiare, nostalgia dell’infanzia, romanzo autobiografico. 
“Un filo d’olio” è tutto questo. 
E anche un ritratto della Sicilia anni Cinquanta in una famiglia dell’aristocrazia terriera. Simonetta Agnello Hornby ha raccontato la Sicilia con storie forti e personaggi leggendari, dalla Mennulara, alla zia marchesa, alla monaca Agata, attraversando l’Otto e il Novecento. Ora è il ricordo autobiografico che si fa protagonista in uno scenario, quello della casa di campagna, dove l’autrice ha trascorso le estati della sua infanzia e giovinezza. 
Si chiama Mosè il luogo dell’anima di Simonetta Agnello, nome biblico derivante dal primo proprietario – un’opera pia – della antica masseria che ha resistito alla guerra. A pochi chilometri dai templi dorici dell’antica Akragas Mosè accoglie da maggio a ottobre la famiglia Agnello. 
Simonetta rivive e racconta quelle estati, i riti del viaggio, l’arrivo – ogni volta una emozione rivedere l’enorme gelso, le aie assolate, gli ulivi argentati, le stanze fresche, cercare i nidi tra le persiane, attendere gli ospiti, le visite, i cugini. I giochi, gli svaghi che si ripetono sempre uguali. E nel racconto affiora il lessico familiare, i parenti e le loro mille storie, i contadini, la servitù, figure che si sono impresse nella memoria dell’autrice e da cui ha tratto spunto per i romanzi in cui storia e tradizione si combinano con una intensità evocativa tale da far pensare ad alcuni classici della letteratura siciliana. Fra i ricordi più vivi quelli legati ai riti del cibo e della sua preparazione, piatti legati alla tradizione familiare, agli aromi pungenti della campagna, alle verdure spontanee e ai segreti mai svelati. 
E sono le ricette della sorella Chiara – inseparabile compagna al Mosè – che incorniciano ogni capitolo di questo affresco, dal caffè dal profumo speziato, riservato alle occasioni speciali, alla tuma tiepida e croccante. 

Mi sono trovata, a volte, sfogliando le sue pagine a ripensare alle mie estati in montagna con la nonna e gli zii…a tutte le emozioni e ai ricordi legati a questi momenti passati, alla nostalgia di quei profumi, come quello delle more raccolte al torrente oppure di latte e biscotti la sera, quando io e la nonna eravamo stanche (si camminava tantissimo!) e lei non aveva voglia di mettersi ai fornelli! Oppure ancora dell’erba appena tagliata durante le passeggiate serali alla Chiesetta della Madonna miracolosa…..

 

 

E questo è il mio contributo a questo titolo:

…questi crostoni, semplicissimi dimostrano come un filo di olio buono può rendere anche la preparazione più semplice, un vero capolavoro.
Ho preso del pane rustico e l’ho leggermente tostato per qualche minuto su una griglia.
Qualche fettina di caciotta toscana Altamaremma, dolcissima….un pò di radicchio tagliato finemente…una passata sotto al grill per pochissimi minuti…e un velo di olio buono.

Semplicemente meraviglioso………..

Auguro a voi tutti un buon inizio settimana.
Le giornate ormai sono lunghe e luminose, il sole scalda e ci rende sempre più positivi…la primavera sta prepotentemente arrivando e con essa scalpita la voglia di uscire e liberarsi dei gioghi dell’inverno e del freddo.
E se volete divertirvi un pò, guardate questo link… oggi inizia l’estate di Algida!

Alla prossima…con una data per me molto importante!

 

You Might Also Like

45 Comments

  • Reply
    le mezze stagioni
    26 Marzo 2012 at 22:02

    Ciao Simo! Buon inizio settimana! Notte 🙂

  • Reply
    Nus In Cucina
    26 Marzo 2012 at 21:58

    Quante cose belle che leggo e vedo anche oggi!!! 😉

  • Reply
    Tiziana
    26 Marzo 2012 at 21:06

    le cose semplici di una volta sono le nostre basi.. e se le basi son buone come questi crostoni.. che meraviglia!!!

  • Reply
    elenuccia
    26 Marzo 2012 at 20:03

    Ti dico solo che sono rimasta ipnotizzata a guardare la prima foto per almeno mezz'ora.

  • Reply
    Lucia
    26 Marzo 2012 at 16:56

    Mamma mia, che super post! L'ho letto e riletto e in certi passaggi mi sono perfino emozionata… perché una pugliese come me "il filo d'olio" ce l'ha nel cuore, ce l'ha… assieme alle immense distese di ulivi e al mare 🙂

  • Reply
    Mammazan
    26 Marzo 2012 at 14:57

    Puoi capire cosa significa per me non solo un filo d'olio ma un ruscello… Da buona meridionale altro non uso sia a caldo che a freddo e particolarmente gradita è la vista di questo "crostino" semplice eppur denso di sapore!!
    Il libro mi interessa molto ..vedo se lo trovo!!
    Un abbraccio piccolo fiore!!!

  • Reply
    Letiziando
    26 Marzo 2012 at 14:53

    Seplice e gustosissimo con tutti ingredietni di prima qualità 🙂

    Un bacione e grazi eper la dritta del libro…pare davvero interessante.

  • Reply
    Acquolina
    26 Marzo 2012 at 14:46

    i ricordi dell'infanzia sono sempre così intensi, bellissimo il tuo post!
    un bacio! 🙂

  • Reply
    ✿Tina✿
    26 Marzo 2012 at 14:35

    crostoni deliziosi,mi hai incuriosito sul libro…mi piacerebbe leggerlo:)

  • Reply
    dario
    26 Marzo 2012 at 14:19

    mmmm, mi ispirano molto sia il libro che i tuoi crostoni!!!!!!!!
    ciaooooo
    baci

  • Reply
    Federica Simoni
    26 Marzo 2012 at 13:03

    ammazza Simo che buoni!!!!!!!!!bravissima!buona settimana!!!!!!!!!

  • Reply
    Patrizia
    26 Marzo 2012 at 12:39

    Avevo già adocchiato questo libro e credo proprio che lo comprerò…deve essere una lettura davvero dolcissima…Intanto però mi gusto questi semplici ma gustosissimi crostoni che mi piacciono proprio tanto!! Un bacione e buona settimana a te…

  • Reply
    Ros
    26 Marzo 2012 at 11:34

    questo libro mi manca e mi hai incuriosita!! l'olio di ottima qualità rende i piatti unici dal sapore inconfondibile e questi crostoni ne sono la testimonianza 🙂

  • Reply
    'Le ricette dell'Amore Vero' di Claudia Annie
    26 Marzo 2012 at 11:33

    che meraviglia di crostone e di post! complimenti, un bacio e buon inizio settimana! 🙂

  • Reply
    La cucina di Esme
    26 Marzo 2012 at 10:31

    hai proprio ragione la qualità dell'olio fa la vera differenza!

  • Reply
    dolci a ...gogo!!!
    26 Marzo 2012 at 9:09

    L'olio da sapore a tutto rende speciale ogni piatto come questi tuoi crostoni irresisitibili e il libro corri ricco di emozioni!!bacioni,Imma

  • Reply
    Ale
    26 Marzo 2012 at 8:49

    IL libro è molto bello, anch'io l'ho letto….e mi sa che anche la bruschetta non sia da meno"!☺ Buon inizio settimana

  • Reply
    sandra
    26 Marzo 2012 at 7:21

    Simone, ha trovato parole meravigliose…. il filo d'olio, di quello buono -come dicevano i nostri vecchi- poche cose sono migliori… e che ricordi meravigliosi e dolcissimi! Grazi di questo bel post, mi hai commosso, grazie
    Sandra

  • Reply
    carlottalittlekitchen
    26 Marzo 2012 at 6:52

    Ottima idea regalo per un'amica sicula. Simo, grazie mille! Vieni in fiera a Milano il I aprile a Fa' la cosa giusta? Io e la Dani presentiamo il nostro I libro: dai, …ti aspettiamo!

  • Reply
    verderame
    26 Marzo 2012 at 6:48

    che scelgo tra libro e crostone? il problema non si pone perchè assolutamente vorrei provare al più presto tutti e due, come sei coinvolgente, ciao Marina

  • Reply
    Francesca
    26 Marzo 2012 at 5:17

    Bruschettine veloci ma piene di gusto! Mmmmmm

  • Reply
    Maddalena & Manuela
    25 Marzo 2012 at 21:17

    Questo post è bellissimo e non potremmo essere più daccordo riguardo al filo d'olio.
    Per noi poi che coltiviamo gli ulivi e produciamo olio extravergine a novembre la prima bruschetta è sempre una senzazione unica ogni anno!!!
    Ciao a presto!

  • Reply
    Pippi
    25 Marzo 2012 at 20:50

    Simo….. abbiamo comprato lo stesso libro….. :-*

  • Reply
    Lauradv
    25 Marzo 2012 at 20:33

    Grazie per la segnalazione del libro e per la ricetta di questi crostoni che devono proprio essere sublimi!

  • Reply
    Susanna
    25 Marzo 2012 at 19:57

    Oh si Simo, se so cosa sia un filo d'olio! Soprattutto da quando lo raccogliamo con fatica e tanto amore dai nostri piccoli ulivi, lo seguiamo fino al frantoio e non lo perdiamo d'occhio finchè non è in bottiglia, verde intenso e dal profumo erbaceo.
    Da allora non ne spreco neanche una goccia. Troppo lavoro dietro e troppo buono!
    Ho fatto ieri dei crostoni simili, davvero speciali per riciclare il pane del giorno prima.
    Buonanotte Susanna

  • Reply
    Ambra
    25 Marzo 2012 at 19:56

    Ciao tesoro! Che bello deve essere questo libro…adesso mi hai fatto venire voglia di leggerlo!! Senti ma che voglia ho di mangiarmi un crostone?? MMMM…tentatrice! Ti mando un bacio enorme! PS Forti le fragole essiccate! Smack!

  • Reply
    giulia
    25 Marzo 2012 at 19:39

    Bhe', hai detto esattamente tutto quello che penso sull'olio, e' un ingrediente speciale. E anche il libro e' molto interessante ^^
    Un abbraccio

  • Reply
    giulia
    25 Marzo 2012 at 19:39

    Bhe', hai detto esattamente tutto quello che penso sull'olio, e' un ingrediente speciale. E anche il libro e' molto interessante ^^
    Un abbraccio

  • Reply
    ingorda
    25 Marzo 2012 at 19:02

    Ho letto anche io questo libro è meraviglioso come lo sono questi crostoni. Peccato che ho appena finito di mangiare.
    Passa da me… se ne hai voglia .. ho postato una ricetta con l'altro tuo regalo.
    Un bacio

  • Reply
    ingorda
    25 Marzo 2012 at 19:02

    Ho letto anche io questo libro è meraviglioso come lo sono questi crostoni. Peccato che ho appena finito di mangiare.
    Passa da me… se ne hai voglia .. ho postato una ricetta con l'altro tuo regalo.
    Un bacio

  • Reply
    sarapatch
    25 Marzo 2012 at 19:00

    Hai ragione Simo,a volte basta una cosa cosi semplice per rendere una cosa qualsiasi meraviglia!e che bei ricordi hai condiviso con noi,i tuoi post sono sempre emozione…
    Buona settimana

  • Reply
    pensieriepasticci
    25 Marzo 2012 at 18:49

    Grazie amiche mie!

  • Reply
    eli
    25 Marzo 2012 at 18:09

    viene voglia di leggerlo quel libro!
    e viene anche voglia di farsi quel bel crostino con radicchio. Anche io sono per i piatti semplici con pochi e sapienti ingredienti!
    Buona settimana 😉

  • Reply
    l'albero della carambola
    25 Marzo 2012 at 17:39

    Sono perfettamente d'accordo sul fatto che un filo d'olio può aggiungere carattere ai piatti anche più semplici. Leggerò sicuramente il libro. Buona serata sonia

  • Reply
    Chiara
    25 Marzo 2012 at 17:15

    meravigliosooooo il tuo post!!!
    le parole, la ricetta, il filo di olio quel tocco finale che rende più buono ogni piatto, il libro…quel libro che sono mesi che guardo in libreria e ancora non ho preso 🙁
    grazieeeeee
    buona domenica!!!

  • Reply
    le mezze stagioni
    25 Marzo 2012 at 17:00

    Bravissima! Mi ci ritrovo tanto! Il filo d'olio non può mancare 😉 buona domenica

  • Reply
    Simo
    25 Marzo 2012 at 16:52

    Queste bruschette sono davvero invitanti!
    La recensione che hai fatto di questo libro mi ha fatto venir voglia di leggerlo!
    Brava! Ciao. Simo

  • Reply
    Federica
    25 Marzo 2012 at 16:21

    Un filo d'olio? Quello che mi ricorda i nonni, la raccolta delle olive e le bruschette accanto al camino. Lo stesso filo d'olio che rende i tuoi crostoni ancora piàù appetitosi. Un bacione, buona serata

  • Reply
    Ely
    25 Marzo 2012 at 15:50

    Simo questo libro è davvero meraviglioso anche io l'ho letto e mi è piaciuto tantissimo, come questo filo d'olio che arricchisce e rende speciale questo crostone! Baci

  • Reply
    Manuela e Silvia
    25 Marzo 2012 at 15:48

    Ciao simo! eh..ma quando l'olio è buono, basta davvero poco per un ottimo pranzo! queste bruschette son divine: buon pane abbrustolito, radicchio ancora di stagione, formaggio morbido e..il classico filino d'olio!
    Cosa chiedere di più? ah si..magari il libro di cui ci parli…un'idea di lettura che sicuramente teniamo presente!
    buona domenica!
    bacioni

  • Reply
    Claudia
    25 Marzo 2012 at 15:23

    Ma l'olio deve essere di qualità!!!! Quel libro… deve essere molto bello.. mi fais emrpe pensare quanto sia pigra in questi ultimi mesi.. ho mollato la lettura ed è male… baci e buona serata 🙂

  • Reply
    francy
    25 Marzo 2012 at 14:59

    Che foto invitanti…è proprio vero, le cose più semplici sono quelle più buone!!!! Io poi vivo in mezzo agli ulivi secolari, come non condividere ilpensiero!!!!

  • Reply
    Valentina
    25 Marzo 2012 at 14:31

    anche per me il filo d'olio è il tocco finale al piatto

  • Reply
    monica
    25 Marzo 2012 at 14:06

    ciao simo, bellissimo post e questa bruschetta mi attira più che chissà quale piatto di alta cucina!
    ho visto anch'io questo libro, e ci avevo già fatto un pensiero…
    ti abbraccio, passa una buona settimana!

  • Reply
    Elisa
    25 Marzo 2012 at 13:42

    Ma dai! Questo libro l'ho appena preso in prestito in biblioteca. Il tuo post mi invoglia a leggerlo ancora di più 😉

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.