pasticci salati - secondi

Le uova………

image_pdfimage_print

Oggi volevo dirvi che sono felicissima perchè…mi sono fatta un regalo….e che regalo!!!!!

Ho comperato il libro di Jamie Oliver che desideravo da tantissimo…è il libro da cui è stata tratta la serie tv, (vista e stravista sul “Gambero Rosso channel”, eheheheh!!!) “Jamie at Home”.
Che meraviglia…me lo sto leggendo pian piano, pregustando ogni pagina e scoprendo tante piccole cose, tanti trucchetti e tante nozioni interessantissimi.
 

 

 

 

Un capitolo che mi ha particolarmente colpito è stato quello su le uova….l’abbiamo letto insieme, la mia bimba ed io, e ci siamo riproposte di tenerlo sempre a mente ogni qualvolta ci si trovi a doverne acquistare……
 
Vi riporto alcuni stralci di quanto scritto:
“Qui di seguito trovate le qualità di uova di gallina più diffuse. A volte può essere un pò difficile capire esattamente da dove provengono, e in quali condizioni sono state prodotte.
Perciò ecco una breve rassegna delle parole che vengono usate per le uova e su come le galline sono allevate.
 
UOVA STANDARD, LE PIU’ COMUNI
Sono le più economiche e vengono generalmente chiamate uova da batteria. vengono prodotte nelle peggiori condizioni immaginabili……
…chi può aver concepito una crudeltà del genere???
Immaginatevi la scena…(bisogna ricorrere all’immaginazione, perchè in pochi mettono piede in quei posti…)…le galline vengono tenute in gabbie di metallo, più o meno 5 per gabbia, ed hanno a disposizione uno spazio come un foglio A4. Le gabbie sono impilate l’una sull’altra, addirittura a volte a gruppi di 6, e stipate in file fittissime; i polli quindi non sono liberi di muoversi, di razzolare…stipati in questo modo, giorno dopo giorno, i poveri animali finiscono per ridursi veramente male.
…questo significa non avere rispetto per la vita di un animale….
Il numero che identifica la tipologia delle uova prodotte in questo modo, è la prima cifra della sigla stampigliata sul guscio, e cioè il 3.
 
UOVA DA ALLEVAMENTO A TERRA
Le galline sono tenute in un ambiente chiuso, piuttosto squallido, dove possono muoversi un pochino e socializzare fra loro. Di solito ci sono 9 galline per metro quadro, con accesso a nidi, lettiere e trespoli.
Le uova sono prodotte in maniera intensiva, e i becchi delle galline sono mozzati per evitare che si becchino fra loro. Perlomeno non sono in gabbia……….
La cifra corrispondente sul guscio è 2.
 
UOVA DA ALLEVAMENTO ALL’APERTO
Le galline sono allevate come nel caso precedente, ma possono razzolare all’aperto durante il giorno. Nel Regno Unito, le leggi stabiliscono che ci devono essere almeno 4 metri quadri di spazio all’aperto per gallina, ma i bravi allevatori vanno oltre questa misura.
in alcuni casi le galline vengono fatte razzolare anche in un’area boscosa appositamente realizzata. Questo consente loro di nutrirsi naturalmente, grazie al sottobosco.
La cifra corrispondente sul guscio è 1
 
UOVA DA ALLEVAMENTO BIOLOGICO
Alle galline è consentito di razzolare all’esterno, come nel caso precedente, con una dieta di erba fresca, spesso arricchita con cereali prodotti organicamente. Le galline vivono in branchi più piccoli, non sono continuamente imbottite di antibiotici (sempre che non ne abbiano bisogno), e gli alimenti geneticamente modificati sono esclusi.
La loro alimentazione deve essere certificata.
Negli allevamenti migliori si trattano animali più sani, che hanno più spazio per muoversi e che, di conseguenza, producono uova molto più sane.
La cifra sul guscio è 0
 
Purtroppo, la maggior parte delle uova vendute è proveniente da allevamenti in gabbia, ed anche la maggior parte delle stesse utilizzate come ingrediente, proviene da lì!
Infatti, (ci dovremmo tutti impegnare a non comprarle più!!), bisogna pensare a tutti quegli alimenti già confezionati che contengono quelle uova lì…..torte salate, biscotti, maionese, tramezzini, gelato di scadente qualità……ecco dive finiscono le uova di batteria.
Cerchiamo dunque di essere un pò più consapevoli………..”
Vi lascio una piccola idea da fare con le uova fresche..un simpatico rotolo di frittata veloce e saporito.
 
Rotolo di frittata
 
Ho preparato l’altra sera questo bel rotolone……con 3 uova freschissime e da allevamento all’aperto!!! Le ho rotte in una ciotola, ho aggiunto un pizzico di sale, un pochino di parmigiano grattuggiato ed un cucchiaio di passata di pomodoro…ho sbattuto bene con una forchetta ed ho preparato una frittatona!!!!
Lasciata raffreddare, l’ho farcita con pomodorini a fettine, prosciutto cotto, e formaggio emmenthal grattuggiato a julienne…scaldata qualche minuto in forno, e…voilà…..

…un piatto veloce, economico e sano.

Da ora in poi starò attentissima quando si tratterà di acquistare uova; mai più prese a casaccio dai banchi del super, ma facendo attenzione alla sigla e alla provenienza!
fate anche voi come me.. 😉

Buona serata

 

 

 

 

You Might Also Like

21 Comments

  • Reply
    Elisa
    27 Dicembre 2009 at 0:08

    Mi hai dato una grande idea per cena, per non fare le solite cose!! Grazie
    Elisa

  • Reply
    susy
    1 Dicembre 2008 at 10:55

    Non ne sapevo nulla di questa cosa sulle uova. Grazie l’informazione e’ davvero utilissima, ciao

  • Reply
    FairySkull
    28 Novembre 2008 at 21:28

    Bel post, io ho le gallinette a casa e quando non fanno le uova le strozzerei, perche’ mi tocca comprarle !! Ciao !!

  • Reply
    armanda
    28 Novembre 2008 at 20:00

    cara Simo piace tantissimo anche a me!hai fatto benissimo farti questo bel regalo, un abbraccio baci

    ciao army

  • Reply
    Ross
    28 Novembre 2008 at 17:49

    Grazie per queste informazioni, già sono attenta di mio, quando acquisto generi alimentari, ora starò ancora più attenta.

  • Reply
    Melina2811
    28 Novembre 2008 at 8:35

    credo che anche io che non sono una gran lettrice mi appassionerei a questa lettura anche se non pensavo ci fosse così tanto da scrivere sulle uova….

  • Reply
    Mara
    28 Novembre 2008 at 6:55

    terrò a mente questa dritta che hai condiviso con noi….
    Grazie

  • Reply
    Mariarita
    27 Novembre 2008 at 22:25

    Jamie Oliver è un mito!!!
    E la tua frittata arrotolata da urlo!!!
    Baciiiiiiiii
    Mrita

  • Reply
    Dida70
    27 Novembre 2008 at 19:20

    Simo, ti sei fatta davvero un bel regalo e grazie per le informazini che hai voluto condividere con noi, sarebbe ora, infatti, che tutti ci adoperassimo per una spesa più consapevole ma il problema nasce laddove non ci sono alternative sane o per chi non è in grado di reperirle!
    buono il rotolo di frittata, io lo faccio spesso con vari ingredienti!
    un abbraccio
    dida

  • Reply
    pensieriepasticci
    27 Novembre 2008 at 18:51

    Ragazze, anch’io non ne ero assolutamente a conoscenza…solitamente fino a qualche tempo fa le uova me le dava mio zio che aveva lui il pollaio, e quindi sapevo cosa mangiavano e cosa razzolavano…ma ultimamente lo zio non c’è più, e quindi le compero…
    ..non avrei mai pensato ad una situazione così!!!!!
    Ora davvero ci sto attentissima, al super le prendo bio o di categoria 1…il problema è per le cose confezionate o che compriamo già pronte…o ai ristoranti…
    meglio non pensarci, altrimenti mi viene da star male!
    Buona serata a tutti……

  • Reply
    gioella
    27 Novembre 2008 at 17:35

    ciao simo! hai fatto bene a mettere queste info, peccato che non molti diano ascolto a queste sanissime informazioni, baci!

  • Reply
    Lo
    27 Novembre 2008 at 16:19

    grazie Simo per le info….io uso uova bio…conosco anche i produttori….hanno una fattoria stupenda..una cascina rossa che è una poesia…ma le loro uova le trovi in tutta la provincia di varese…
    Le uso bio per tutte le cose che dicevi tu, inoltre le galline allevate in batteria si ammalano tanto e prendono un sacco di antibiotici e poi chi se li mangia quegli antibiotici? chi mangia quella uova
    un baciotto

  • Reply
    Antonella
    27 Novembre 2008 at 15:26

    Simo non ci crederai,ma sono tornata a casa da poco e ho in mano una fotocopia gentilmente datami dal titolare di un negozio di gastronomia fantastico che ho scoperto oggi…. ebbene parla di uova e categorie.La categoria 3 parla addirittura di 25 galline in un metroquadro e sono bombardate per 17 ore al giorno da luce artificiale sparata negli occhi per impedirle di dormire e produrre così uova all’inverosimile. Addirittura, da pulcini fino ai 120 giorni di vita e cioè quando diventano pollastre in grado di produrre uova,gli si fanno 20 vaccinazioni e vengono bombardati di antibiotici anche quando non serve.Sono arrivata ed ho aperto il frigo…..ho una confezione di uova di marca molto nota…..indovina il primo numero qual’è?……..3!!!
    Non le comprerò mai più!!!
    E con le prime uova decenti che troverò….proverò il tuo rotolo ;o)
    Un bacione

  • Reply
    Maya
    27 Novembre 2008 at 14:44

    proprio niente male questo strudel! brava Simo

  • Reply
    unika
    27 Novembre 2008 at 12:16

    questo rotolo è molto invitante e le tue informazioni interessanti:-)
    Annamaria

  • Reply
    roxina
    27 Novembre 2008 at 10:33

    Che bel regalo che ti sei fatta, e sottolineo che hai fatto bene! Anche io ho straguardato jamie, mi piace proprio e secondo me se fosse stato un cuoco italiano avrebbe avuto molto successo (non che non mi piacciano le cose che prepara, ma si sa che noi siamo molto esigenti e mangiare all’estero è difficile). Comunque quando è stato in giro per l’Italia mamma che cose buone che preparava!
    Cmq per le uova d’ora in poi ci farò più caso, se può essere un inizio per far qualcosa per i poveri animali maltrattati è proprio un bene non comprare più uova con il numero..non ricordo!
    Tu come stai? un bacione grande 😛
    Ps. Ottimo il rotolo, lo copio per una cena leggera e veloce! Kiss

  • Reply
    Claudia
    27 Novembre 2008 at 10:18

    Bè.. un autoregalino ogni tanto ce lo meritiamo no?.. il rotolo di frittata è davvero buono.. come antipasto poi è semplice, veloce a realizzarsi e sfizioso!!!!

  • Reply
    Danea
    27 Novembre 2008 at 10:04

    Si, avevo letto di questa differenza… bisognerebbe davvero stare tutti più attenti e magari uniti a non comprare le prime due che hai elencato!
    Buonissima questa frittatina 🙂

  • Reply
    Mary
    27 Novembre 2008 at 10:00

    Bravo Jamie Oliver sei grande….. e che bella questa ricetta , bacione!

  • Reply
    dolci a ...gogo!!!
    27 Novembre 2008 at 10:00

    io adoro jemie e lo seguo sempre e nn sapevo che ci fossero suoi libri tradotti in italiano!!!!la storia delle galline è terribile memntre la frittata è super!!abic imma

  • Reply
    manu e silvia
    27 Novembre 2008 at 9:43

    utile avere qualche informazione e consiglio in più su quello che mangiamo! bello lo strudel di frittata!!!
    bacioni

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.