Pasticci di frutta e verdura

Sugo alla crudaiola

sugo alla crudaiola

 

…..ecco, mi vedo…io, una bambina di circa 9/10 anni, due bei codini ed una facciotta paffuta,una bella biciclettina verde smeraldo con un mitico cestino davanti, che, un pò affannata, attraversa il paese pedalando a più non posso per andare dalla nonna a prendere i pomodori………….
……si, ogni giorno “la volata dalla nonna Gina” era d’obbligo…io abitavo in un palazzo, lei in una bella villettina insieme alle sue sorelle, la Tilde e la Alda…una casa modesta, con un fazzoletto di orto intorno, dove mio zio Vittorio (il marito della Alda) piantava di tutto e di più.
 

 

Nel periodo estivo poi, i pomodori abbondavano…che bello il rito della salsa fatta da lui, messa poi nelle bottiglie riciclate della birra……….
….così, lei, la nonna Gina, dentro ad un sacchetto marrone del pane, mi regalava qualche cosina da portare a casa..due o tre pomodori, qualche zucchina, un mazzetto di prezzemolo…due chiacchiere, un bacio, “Ciao nani, stag attenta, nè in su la strada….”e via, ripedalando a manetta verso casa!!!

 

Spessissimo questi pomodori (che non erano mai perfetti, sempre bitorzoluti e storti, frutto degli esperimenti dello zio Vittorio con le sementi!!!) finivano nel mitico passaverdure a manovella della mamma, che preparava uno splendido sugo freddo fatto così….

 

 

 

Ingredienti:pomodori belli maturi, anche bitorzoluti, non fa nulla…
rosmarino, santoreggia, timo, basilico..la mamma le teneva nel vaso sul balcone!
sale fino, olio di oliva extravergine, parmigiano grattuggiato, pinoli.
La mamma lavava bene i pomodori e poi li tuffava in un padellino con dell’acqua bollente per alcuni attimi…li toglieva e li spellava senza nessuna difficoltà…li tagliava in due, li privava dei semini e li metteva a scolare su uno strofinaccio per una bella mezz’oretta, in modo che perdessero un pò della loro acqua.
Con la mezzaluna tritava finissimamente le erbe aromatiche (io e mia sorella eravamo un pò schizzinosette e non ci piaceva sentirle sotto ai denti…), poi le metteva in una terrina…sopra questa terrina poi appoggiava il mitico passaverdure dal pomello rosso (come il pomodoro, eheheheh) e cominciava a girare, girare; il risultato che fuoriusciva dai buchini era un meraviglioso passato di pomodoro, bello corposo e vellutato…si univa alle erbe tritate già presenti nella terrina, poi lei univa un pizzico di sale fino, olio di oliva, una bella manciata di parmigiano grattuggiato e qualche pinolo..(“non tanti perchè costano, nè?!”)…

 

 

Che gusto, che buona!!!!
Solitamente ci condiva i tortiglioni (chissà perchè solo quelli e spaghetti in casa mia…?!!) e tutti ci andavamo a nozze…
Ed alla fine il godimento puro: una bella scarpetta con i pezzi di pane!!!
Grazie Sigrid…per avermi fatto ricordare….anche la mia dolcissima nonna che da Agosto non c’è più.

 

You Might Also Like

27 Comments

  • Reply
    le pupille gustative
    12 Ottobre 2008 at 18:00

    I ricordi sono tra le cose più belle che possediamo. Grazie, il tuo ricordo è davvero molto delicato e dolce, bellissimo come la ricetta. Un bacio grande

  • Reply
    Gunther K.Fuchs
    9 Ottobre 2008 at 16:12

    un apasta con un sugo cosi non può che essere fantastica, un bacio

  • Reply
    Mara
    9 Ottobre 2008 at 14:28

    ciao Simo… c’è un messaggio per te nel mio blog…
    Baci…
    Pan di Panna

  • Reply
    Raffaella
    9 Ottobre 2008 at 12:29

    Mitiche le nonne, le loro ricette restano sempre nel cuore!

  • Reply
    marypoppins
    8 Ottobre 2008 at 16:02

    una ricetta che fa bene al cuore!
    Mary

  • Reply
    Carla
    8 Ottobre 2008 at 13:55

    Ciao simo, bella e dolcissima la tua storia:) come pure la ricetta dei ricordi….
    Un bacione e un in bocca al lupo!
    Carla

  • Reply
    Paola
    8 Ottobre 2008 at 12:42

    Una bella storia di dolci ricordi!!!

  • Reply
    Camomilla
    8 Ottobre 2008 at 9:30

    Il tuo ricordo è dolcissimo, io ho il nonno che ancora oggi alla veneranda età di 80 anni, prepara la passata di pomodoro e le marmellate… il profumo che si sprigiona nella cantina di casa è unico!
    Un bacio bella, buon mercoledì

  • Reply
    Sabrina
    8 Ottobre 2008 at 8:09

    Bellissimi questi ricordi… grazie Simona :O)
    Un raggio di sole,
    Sabrina :O)

  • Reply
    Antonella
    8 Ottobre 2008 at 6:12

    Simo….dolcissimi ricordi…
    Un bacio grande e buona giornata!!!

  • Reply
    Susina strega del tè
    7 Ottobre 2008 at 20:48

    Mhmmmmmmmmm, buona!!!! Lo sai che anche la mia nonna si chiamava Gina???????
    ^_^

  • Reply
    Faby
    7 Ottobre 2008 at 19:23

    Simo che bella questa storia d’amora per la propria famiglia e per i ricordi più cari..grazie per averla condivisa con noi e grazie per avermi fatto riprovare sensazioni di bambina insieme ai nonni!!!

    un abbraccio grande grande
    faby

  • Reply
    pensieriepasticci
    7 Ottobre 2008 at 18:58

    Grazie a tutti…ricordare a volte è piacevole, a volte no, ma nel mio caso è stato bellissimo e molto commovente…grazie che l’avete capito e mi avete capito!
    Un bacione grande grande!

  • Reply
    unika
    7 Ottobre 2008 at 15:55

    che bella storia…quante emozioni:-) un bacio grande e grazie per tutto
    Annamaria

  • Reply
    PpsLandia
    7 Ottobre 2008 at 14:15

    Ciao..
    La bellezza dei blog è anche questa!! Puoi rivivere momenti passati attraverso persone che non conosci neanche ma che soltanto scrivendo riescono a farti viaggiare nel tempo…grazie 🙂

  • Reply
    Arietta
    7 Ottobre 2008 at 12:18

    un ricordo speciale per una ricetta speciale…pomodoro e pinoli non l’avevo mai sentita…ma sarà gustosa come nei tuoi ricordi più belli! le ricette del cuore…che belle!
    baci!

  • Reply
    Giovanna
    7 Ottobre 2008 at 11:37

    Simo che belle cose che hai scritto! Grazie per aver condiviso con noi un pezzettino del tuo passato. Tanti baci Giovanna

  • Reply
    princicci
    7 Ottobre 2008 at 9:49

    ricetta e sugo da brividi!!!!!grazie per averli condivisi con noi…….claudia

  • Reply
    Dida70
    7 Ottobre 2008 at 8:38

    Ciao Simo,
    grazie per essere passata, devi essere proprio una bella persona!
    baci
    dida

  • Reply
    barbara
    7 Ottobre 2008 at 7:54

    Grazie per il sugo.. ed i bei ricordi! Smack!

  • Reply
    VANESSA
    7 Ottobre 2008 at 7:12

    ma quante belle storie d’amore e tutte sulle nonne che inevitabilmente hanno riscaldato il cuore durante la vostra infanzia…..siete proprio fortunati!!!!!!e come dico sempre raccontate spesso questi ricordi…non si fa più!

  • Reply
    manu e silvia
    7 Ottobre 2008 at 6:11

    Bellissimo questo racconto di ricordi…
    Questo sugo è davvero strano…ma dev’essere buonisismo con questi abbinamenti azzardati..
    bacioni

  • Reply
    Sachertorte
    6 Ottobre 2008 at 22:41

    Sei Grande!!!
    Sai che mi sembrava di leggere la pagina di un libro??? Bellissimo il tuo ricordo d’infanzia; oltre alle tue emozioni sembrava di percepire i profumi dei pomodori scaldati dal sole, il caldo dell’asfalto d’estate e l’abbraccio della nonna!
    Serena notte, cullata da questi dolci ricordi! Nadia

  • Reply
    Maya
    6 Ottobre 2008 at 22:03

    mamma che sughetto interessante!!! che carina questa storia… mi hai fatto sorridere!!!
    bacio

  • Reply
    Lo
    6 Ottobre 2008 at 21:49

    sei splendida Simo e mi paice tatno quando dici di te…un abbraccio

  • Reply
    ღ Sara ღ
    6 Ottobre 2008 at 19:43

    che bei ricordi Simo! i nonni sono sempre i nonni!!! e questa ricettina è fantastica!! adoro il pomodoro! Buonissima serata!

  • Reply
    Mariarita
    6 Ottobre 2008 at 19:33

    simo è la prima volta che mi vengono le lacrime agli occhi leggendo una ricetta!!!
    Una ricetta d’amore…
    GRAZIE.
    Baci
    Con affetto.
    Mariarita

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.