pasticci dolci -torte/ Senza categoria

Torta soffice soffice della mia infanzia, profumata alla vaniglia

image_pdfimage_print

 

Mia mamma non è mai stata una grande fantasiosa in cucina…brava si, nulla da eccepire…
…figlia di un cuoco e di una contadina che cucinava proprio per dovere, ha preso un pò da tutti e due.
Il nonno non l’ho mai conosciuto…so che andava a servizio come cuoco in una facoltosa famiglia milanese, e poi preparava i pranzi di nozze per le persone qua del paesello (che all’epoca si componeva di poche cascine e qualche casa…), piatti realizzati prevalentemente con pollami arrosto o ripieni, salumi fatti in casa, zuppe, tortellini cotti nel buon brodo, insomma pietanze contadine proprie della tradizione lombarda, preparate con prodotti stagionali e offerti dall’orto, dal pollaio o dalle stalle dei parenti degli sposi.
La nonna Gina invece, sapeva fare solo pochi piatti, ma fatti a modo (mitico il suo risotto “giallo”…). 
Quando il nonno era in vita, era lui che di solito cucinava per tutti…è stato però per diversi anni molto malato, e quindi a questo punto è stata la Gina a doversi arrangiare e racimolare per tutti, nonostante la miseria del tempo di guerra e il lavoro duro coi turni in tessitura, per mantenere la famiglia.
La mamma, rimasta senza padre in tenera età, ha imparato dalla nonna a cucinare i piatti della tradizione…in cucina è brava, non esagera in condimenti (oltretutto ora il colesterolo impera, e bisogna fare attenzione!), però le cose che fa sono più o meno sempre quelle: a volte si stupisce della varietà di versioni in cui io cerco di cucinare un certo ingrediente…lei una volta che impara un piatto…beh, quello resta e, oserei dire…quasi per sempre! 
Inoltre vuole sempre alleggerire tutto e poi si lamenta se le torte non le riescono bene…per forza, va bene usare ingredienti leggeri, e diminuire i dosaggi di burro…uova…zucchero.. ma qualcosina ce la vogliamo mettere in sto dolce…o no?!
Vabbè…

Da piccola, con lei, facevamo le torte usando quasi sempre i ricettari cartacei (ve li ricordate?!) della mitica Mariarosa…la base era più o meno la stessa, poi si poteva osare con qualche variante, tipo succo d’arancia o mele in inverno e frutta tipo pesche o albicocche in estate….
Resta il fatto che, comunque, rimaneva un dolce di base molto semplice, soffice e squisito…gli ingredienti erano assolutamente di qualità, le uova freschissime (direttamente dal pollaio dello zio o comperate al mercato!), latte intero, burro, farina buona, e, ingrediente da non scordare, fecola di patate, che lo rendeva morbidissimo.

 

 

Che bei ricordi!
Un dolce simile, ho provato a riproporlo anche io (con la variante di aggiungere un pò di essenza di vaniglia), proprio per riportare a galla i miei ricordi di bambina…
…io e mia mamma in cucina, con il frullino a mano rosso e bianco, a gonfiare l’impasto nella ciotola…

Aria, questi ricordi passati li voglio raccontare a te, per il tuo contest un pò vintage in collaborazione con Wald!

 

 

 

Ingredienti:
120 g zucchero fino tipo zefiro
100 g farina 00
100 g fecola di patate, per me San Martino
1 bustina di lievito per dolci per me San Martino
70 g burro, più una piccola noce per imburrare la teglia
3 uova
30 g ricotta freschissima
6 cucchiai di latte
zucchero a velo per spolverizzare la superficie, per me San Martino

Preparazione:
Imburrare e infarinare leggermente uno stampo, il mio da budino scanalato di Guardini.
Accendere il forno e portarlo alla temperatura di 180°.
Lavorare burro, ricotta e zucchero con delle fruste (la mamma usava quelle a manovella!!!), unire i rossi d’uovo leggermente sbattuti in una ciotolina a parte.
Unire al composto le due farine setacciate col lievito, sempre amalgamando ben bene con le fruste.
Montare anche i bianchi a neve ed unirli al composto con una spatola in silicone mescolando dal basso verso l’alto, facendo ben attenzione a non smontarli.
In ultimo unire qualche goccia di estratto di vaniglia naturale, non vanillina o aroma chimico…
Versare il morbido composto così ottenuto nello stampo precedentemente imburrato ed infarinato, infornare a 180° ventilato per 35 minuti circa (provare a punzecchiarlo con lo stuzzicadente per verificarne la cottura).
Lasciar raffreddare, sformarlo e spolverizzarlo con abbondante zucchero a velo.

Ho preso spunto da una ricetta su un vecchio numero di Cucina del Corriere della Sera, che poi ho rielaborato un pò a mio piacimento…non avendo i ricettari di Mariarosa!

 

Sulla tavola, piatti, brocca e bicchiere GreenGate

 

Assolutamente sofficiosa e deliziosa.
Piena di ricordi dei tempi passati…dei mitici anni settanta dove ero una bambina piena di sogni!!!
Quando guardare Carosello o la mitica coppia Sandra e Raimondo…beh, era davvero una gioia. 
A volte vorrei tanto tornare indietro…ma non si può…

Buon lunedi, buon inizio settimana; che sia dolcissima e piena di cose belle…la mia sarà un pò incasinata, ma sopravviveremo, eheheh..
A prestissimo!

 

You Might Also Like

82 Comments

  • Reply
    Annalisa T
    14 Aprile 2014 at 11:03

    Favolosa e buonissimaaaaaa !!!! Brava !!!!!!!
    Complimenti per il Blog !
    Mi sono iscritta tra le tue lettrici !
    Ti mando anche i link ai miei Blog se ti fa piacere vederli !
    E se hai voglia di iscriverti anche tu mi farebbe piacere !!!!!!!
    http://foodwineculture.blogspot.it/
    e questo di Ricette dei Bimbi
    http://aboutcookingandmore.blogspot.it/
    Ciao e complimenti ancora !!!

  • Reply
    LaRicciaInCucina
    10 Aprile 2014 at 6:18

    "Maria Rosa, Maria Rosa quante cose sai far tu!". Oddio i ricettari di Maria Rosa!!!! La mia prima torta (la ricordo ancora: una torta soffice al caffé) la feci proprio guardando uno di quei ricettari! Si attaccò tutta alla teglia :-)))…ma riuscimmo comunque a salvarne la parte centrale ed era buonissima.
    Le ricette legate ai ricordi hanno una marcia in +. E che meraviglia la tua torta!!!
    Un abbraccio

  • Reply
    Ileana Pavone
    9 Aprile 2014 at 13:11

    Simo mia cara, questo post è bellissimo.
    Profuma di ricordi, di cose belle, di famiglia..
    Anche io cerco di alleggerire sempre i dolci, ma a volte capita anche a me di aver voglia di un dolce semplice, ricco, ma con ingredienti genuini..e profumato alla vaniglia!
    La tua torta è una delizia 🙂
    Un bacio grande mia cara :*

  • Reply
    Federica Simoni
    9 Aprile 2014 at 10:26

    che bel post Simo il tuo, io i nonni non li ho proprio conosciuti quindi ricordi zero:-(
    bella la torta sa di casa, di famiglia! baciiii

  • Reply
    veronica
    8 Aprile 2014 at 21:17

    incollata a leggere tutto il post pieno di ricordi ,anche mia mamma figlia di uan grandissima cuoca e sarta cucina soloper dovere
    io ho i ricordi di mia nonna ho vissuto con lei ,e stata la mia mamma fino a 14 anni fa quando mi ha lasciata 🙁
    io ho i tuoi ricordi e ora ho le lacrime agli occhi ricordando profumi e sapori semplici di una volta …
    grazie grazie di cuore

  • Reply
    CONTROTUTTI
    8 Aprile 2014 at 18:16

    le torte soffici a nostro parere hanno un sapore senza fine, se poi sono legati a ricordi…senza tempo

  • Reply
    Alice Comisso
    8 Aprile 2014 at 15:40

    È sempre bello leggere i racconti di famiglia. Ogni tanto penso a come sia nata la mia passione per la cucina e allora cerco di ricordarmi chi cucinava e come lo faceva…la torta deve essere buonissima! Mi hai fatto tornare in mente i ricettari di Mariarosa! Da qualche parte li devo avere! È quasi magico sfogliare i ricettari cartacei e vecchi, i quadernetti scritti a mano…

    • Reply
      pensieriepasticci
      9 Aprile 2014 at 6:37

      ho deciso…oggi vado da mia mamma a cercarli anche io…
      Buonissima giornata!

  • Reply
    Maddalena Laschi
    8 Aprile 2014 at 14:21

    Cara Simo, dolce Simo, ogni cosa sai far tu, qui la vita è sempre rosa, solo quando ci sei tu!!!!!
    a dire il vero, io sono come la tua mamma, quando faccio i dolci, poche uova, poco zucchero, niente burro e poi quello non mi si gonfia…ma va????? la tua torta invece è bellissima, ti abbraccio!

    • Reply
      pensieriepasticci
      9 Aprile 2014 at 6:37

      guarda che io so fare ben poco mia cara, le mie preparazioni son sempre mooolto semplici e alla portata…in questo caso i ricordi han dato quel tocco in più!
      un abbraccio amica mia

  • Reply
    Fr@
    8 Aprile 2014 at 13:51

    Un post dolce in tutti i sensi. I dolci dei ricordi sono sempre più buoni.

  • Reply
    pensieriepasticci
    8 Aprile 2014 at 13:48

    Graziella, Chiara, Lara, Lucy, Cherry…un abbraccio e grazie ragazze!

  • Reply
    Clara pasticcia
    8 Aprile 2014 at 12:57

    Che ricordi ricchi di emozione e di tenerezza Simo … mi incanti quando ti racconti e poi anche tramite le ricette. Una meraviglia!! E poi … ho lo stesso stampo!!!! <3 Ti stringo e ti abbraccio

  • Reply
    cherry
    8 Aprile 2014 at 12:34

    Questo è proprio uno dei dolci che piacciono a me.. Semplici, soffici, una vera coccola per il palato e ancora di più per il cuore.. Bravissima! E splendide anche le stoviglie a pois sullo sfondo :))

  • Reply
    lucy
    8 Aprile 2014 at 12:32

    inutile… sono proprie e torte sofficiose, rustiche che piacciono tanto a me!!!

  • Reply
    Lara Bianchini
    8 Aprile 2014 at 12:01

    che bei ricordi… il frullino a mano io non lo ricordo perché mia mamma non le faceva le torte… però il periodo è quello!!! Te la rubo perché è proprio la classica torta che piace a me

  • Reply
    Chiara Setti
    8 Aprile 2014 at 11:13

    Che bei ricordi Simo! E che raro che fosse un uomo a cucinare a quei tempi….
    La tua Tortina è ottima e sa proprio di casa!! Un bacione

  • Reply
    eli
    8 Aprile 2014 at 10:25

    Io i ricettari cartacei li uso ancora eccome, anzi rendo cartacee anche le ricette di intenet, non so perché, ma non mi piace leggere la ricetta dal tablet, la voglio stampata e …piena di patacche!
    Così stamperò anche la ricetta della tua torta dei ricordi che mi piace proprio perché semplice.
    Anche io ho il vizio di alleggerire tutto se non di sostituire addirittura gli ingredienti ahahahahaha un vizio da…creativa pasticciona!
    Un bacio!

    • Reply
      pensieriepasticci
      8 Aprile 2014 at 13:46

      ma poi come ti vengono???? Quelle di mia mamma son buone nè, ma a volte così gnucche…eheheheh baci cara

  • Reply
    Graziella
    8 Aprile 2014 at 9:37

    mi sa che è buonissima, la voglio provare.
    baci
    graziella

  • Reply
    pensieriepasticci
    8 Aprile 2014 at 9:02

    grazie Giovanna e Zonzo Lando…vi abbraccio!

  • Reply
    Simona Mirto
    8 Aprile 2014 at 7:45

    I ricettari Mariarosa! mamma ce ne ha tramandato qualcuno… ci raccontava delle sue giornate a far dolci con le sue sorelle e la sua mamma…ma purtroppo adesso non ne ho più nemmeno uno… ricordo anche quelli della Bertolini…. quando mamma ci dava il via, preparavo qualcosa con mia sorella seguendo le indicazioni di quei libretti… e di quelli ne ho uno ben conservato insieme a qualche vecchio testo… sono tra i libri di cucina più preziosi che ho… un pò come torte semplici, fatte di pochi ingredienti e aromi essenziali, quelle di cui non ci stanchiamo mai… un pò come questa:* grazie per questo post:* bacione simo:**

    • Reply
      pensieriepasticci
      8 Aprile 2014 at 9:02

      grazie a te cara per aver condiviso i tuoi ricordi con me…devo capire se mia mamma ha fatto piazza pulita (la sua specialità! sob!) anche dei ricettari della Bertolini e di Mariarosa…molto probabile mi sa….
      bacio

  • Reply
    Zonzo Lando
    8 Aprile 2014 at 7:26

    Uhhh me la ricordo pure io la Mariarosa. Che ricordi che mi hai fatto venire in mente!!!! Grazie 🙂 Una delizia questa torta, non sai che darei per un assaggio adesso 😉 Bacioni e buona giornata

  • Reply
    Giovanna
    8 Aprile 2014 at 6:55

    Ricordo eccome Maria Rosa, I dolci classici pieni di ricordi come la tua torta sono quelli che preferisco in assoluto!

  • Reply
    pensieriepasticci
    8 Aprile 2014 at 6:27

    ragazze belle, vi ringrazio di cuore…è sempre bello e piacevole ogni tanto tuffarsi nei ricordi!
    Simo, Alice, Ivana Ely,Luisa, Bielinka, Carmen, Danuela, Emanuela…un grande abbraccio

  • Reply
    Emanuela - Pane, burro e alici
    8 Aprile 2014 at 5:27

    Quanta dolcezza nel tuo racconto, nei tuoi ricordi…La tua torta appartiene a quel genere di dolci che io adoro! 😉
    Un bacione!

  • Reply
    Daniela
    7 Aprile 2014 at 21:07

    Che bei ricordi! Ma sai che mi sono rivista? La frusta a mano, sempre la stessa base per i dolci e il ricettario con la mitica Mariarosa 🙂
    Un delizioso dolce bello sofficioso e ricco di amore!
    Un bacio

  • Reply
    carmencook
    7 Aprile 2014 at 20:56

    Adoro i dolci dei ricordi!!
    Mi sembra quasi di poter sentire il profumo della vaniglia!!!
    Complimenti Simona!!
    Un caro abbraccio e buona serata
    Carmen

  • Reply
    bielinka
    7 Aprile 2014 at 20:06

    Questa bella torta! una buona settimana! 🙂

  • Reply
    Mamilu
    7 Aprile 2014 at 19:57

    Ciao Simo che bello questo post di ricordi!!! Ed il tuo dolce leggero e delicato come una carezza!!! La mia mamma uguale uguale lei e' poi un po' fissata con la sostituzione del burro con l'olio ed in alcuni casi fa benissimo:)! Le tue crespelle sono state moltttttooooo apprezzate per cena;)!!! Un bacione luisa

  • Reply
    Ely Valsecchi
    7 Aprile 2014 at 19:13

    Simo che bei ricordi… Anche la mia mamma non ha molti piatti ma quelli che fa sono buonissimi 🙂 e tu ci hai fatto rivivere un po della tua infanzia…. Una torta meravigliosa davvero… Un bacione

  • Reply
    Ivana
    7 Aprile 2014 at 18:47

    Cara Simo, mi sono ritrovata in tanti particolari del tuo racconto…. commovente, pensa che mi sembra di sentire ancora quel particolare profumo della torta nel forno, unico!!!! condivido pienamente la nostalgia, a volte così forte!!!
    Proverò la tua torta, la "torta dei ricordi". Un bacione grande, buona settimana. ^-^

  • Reply
    La cucina di Esme
    7 Aprile 2014 at 18:43

    Mariarosa certo che me la ricordo lei e la sua canzoncina! Questa te la copio, sembra favolosa …questi dolci semplici i classici da credenza sono in assoluto i miei preferiti!
    baci
    Alice

  • Reply
    Simona Roncaletti
    7 Aprile 2014 at 18:13

    Bellissimo post Simo!!! Mi è piaciuto tantissimo leggere dei tuoi ricordi, dei tuoi nonni e della tua mamma!!!! E buonissima questa torta, un dolce che sa proprio di casa!!!:)
    Un bacione!!!

  • Reply
    Maria
    7 Aprile 2014 at 17:42

    ciao cara Simo , hai ragione i dolci dell'infanzia sono quelli che rimangono nel cuore e sono sempre i piu' buoni , questa tua torta soffice mi piace molto , bravissima come sempre …….un abbraccio grande

  • Reply
    pensieriepasticci
    7 Aprile 2014 at 17:05

    Luisa, Cinzia…grazie per le vostre bellissime parole, vi abbraccio!

  • Reply
    Claudia
    7 Aprile 2014 at 17:01

    Simo.. che bei ricordi… Sai che anche la mia mamma cucina quelle 4 cose semrpe in maniera molto ma moltoleggera e si stupisce quando legge le mie ricette.. mi dice sempre "Tu hai preso da tua nonna.. lei si che aveva fantasia in cucina.." proprio eprchè lei non azzarda mai con gli ingredienti.. non modifica mai una ricetta di un libro.. e quei pochi dolci che faceva erano presi dallo stesso ricettario.. il libricino di Mariarosa .-D.. Buonissimo quelo che ci proponi oggi.. smackkk

    • Reply
      pensieriepasticci
      7 Aprile 2014 at 17:05

      evviva, mettiamo anche la tua mamma nel club!!!
      Un bacio tesoro,…la tua nonna sarebbe orgogliosa della tua fantasia in cucina

  • Reply
    Aria
    7 Aprile 2014 at 15:39

    Oh, Simo, lo sai che ti aspettavo con ansia e non mi hai delusa affatto! Il dolce parla e racconta di mani profumate di semplicità e tenerezza. Grazie per questi ricordi preziosi…quei ricettari..cosa mi hai ricordato!

  • Reply
    Cinzia
    7 Aprile 2014 at 15:38

    Sono sempre bellissimi ricordi che rimangono nel cuore…come i profunmi!!! bacio

  • Reply
    Luisa
    7 Aprile 2014 at 15:17

    Simo che bella versione di ricordi fanciulleschi che oggi ci offri e una bella fettina di questa torta la rubo con piacere ciao Luisa

  • Reply
    Cinzia Fiore
    7 Aprile 2014 at 15:03

    Che bella sorpresa il tuo blog , ho curiosato su e giu , e mi piace moltissimo !!!
    Lo trovo tenero e poetico !! Di gran gusto !
    Anche questa torta la trovo deliziosa !!!!
    Adesso sono una tua lettrice !!!

  • Reply
    Alessandra Gio
    7 Aprile 2014 at 14:26

    Semplice è semplice, ma che delizia cara Simona…e bellissima è la storia della tua famiglia, raccontata con la dolcezza che ti contraddistingue!! 🙂

    • Reply
      pensieriepasticci
      7 Aprile 2014 at 17:03

      E' proprio la semplicità che lo rende perfetto….grazie per le tue parole, un bacione
      p.s: avrei voglia di fare una bella chiacchierata con te, magari dal vivo!

  • Reply
    l'albero della carambola
    7 Aprile 2014 at 14:08

    Questi dolci sono proprio la mia passione, mi conquistano al primo sguardo. Il post, poi, è davvero poetico…un abbraccio
    simo

  • Reply
    Mimma e Marta
    7 Aprile 2014 at 13:30

    Che belle parole, noi costruiamo ogni giorno ricordi simili, sperimentando torte nuove, cercando la nostra torta, la nostra pietanza…:-)

  • Reply
    Forno Star
    7 Aprile 2014 at 13:23

    La torta dell'infanzia, qualsiasi essa sia, è sempre la più buona, perché ci ricorda la nostra infanzia… <3

  • Reply
    Letiziando
    7 Aprile 2014 at 12:51

    tortina soffice per tutto il corpo: occhi, cuore, palato… le mamme son tutte uguali! Con l'aria bisogna impastare e soli albumi 😉

    un bacione e buon inizio settimana

  • Reply
    Ale
    7 Aprile 2014 at 12:26

    adoro Mariarosa e i ricettari bertolini…infatti la torta per Aria era tratta nache la mia da lì! meravigliosa, sofficissima e dolce tu a ricordare con noi vicende passate…un bacione simo!

  • Reply
    elenuccia
    7 Aprile 2014 at 12:19

    Ahhh ma allora vieni da una famiglia di cuochi!!! ecco spiegata la tua bravura. Tua mamma è un po' come la mia, non ha molta fantasia e non le piace sperimentare. Ma quelli che fa ragazzi, sono da paura. E visto che anche a casa mia impera il colesterolo lei riduce tutto, uova, burro e anche zucchero. E poi mi dice "ma a me non viene soffice come quelli che fai tu". E ti credo se usi un uovo piccolo per 300 g di farina 80g di zucchero e mezzo bicchierino di olio 😉
    Questa torta sembra profumare proprio di casalingo e genuino, la torta della domenica di quando ci si ritrovava tutti insieme a chiacchierare e a godersi una giornata di festa. Bravissima, è anche stupenda come forma

    • Reply
      pensieriepasticci
      7 Aprile 2014 at 17:00

      cuoco era solo mio nonno, che peraltro non ho mai conosciuto con molto dispiacere…
      vedo che anche la tua mamma fa parte del club, ahahahah!
      Comunque questa torta è meravigliosamente semplice e buona…provala e poi mi dirai!
      Baci cara e salutami la Svezia…

  • Reply
    Valentina Profumo di cannella e cioccolato
    7 Aprile 2014 at 12:13

    quando i dolci portano alla mente anche dei ricordi, sono ancora più buoni!! anche da me la nonna aveva i classici il risotto giallo e i piatti sempre uguali.. difficilmente venivano provate nuove ricette!! ahah
    Questa torta soffice sembra davvero deliziosa, i dolci semplici ma buoni sono i miei preferiti!! 😉
    baci
    Vale

    • Reply
      pensieriepasticci
      7 Aprile 2014 at 16:49

      vero tutto quello che dici….
      anche per la tua nonna il risotto giallo era il cavallo di battaglia?! Che bello…bei ricordi anche per te…

  • Reply
    Emanuela Martinelli
    7 Aprile 2014 at 11:51

    Simo i ricettari di Mariarosa me li riocrdo, che belli, quanto mi piacevano da matti leggevo tutte le storielle scritte dietro, che meraviglia, come questo dolce che sa di buono, sono questi i dolci che non ti stancamìno mai!!! Bacioni Manu

    • Reply
      pensieriepasticci
      7 Aprile 2014 at 16:48

      mannaggia, chissà che fine hanno fatto i miei…mia mamma ogni tanto fa piazza pulita…secondo me li ha buttati, sob!

  • Reply
    Elena Siano
    7 Aprile 2014 at 11:44

    Ricordi che impreziosiscono questo dolce rendendolo speciale davvero …. E' poi così vero che prima i dolci di famiglia erano quelli per sempre …e guai a cambiare … Magari tutt'al più si provava la versione del parente…poi si tornava alla vecchia versione…oggi ci bizzarria a cambiare….ma a me la prova assaggio dei miei porta sempre ansia …io adoro la morbidezza dei dolci per la fecola !! Baci

    • Reply
      pensieriepasticci
      7 Aprile 2014 at 16:48

      assolutamente vero cara!
      Io la fecola la uso poco, ma dovrei farlo più spesso, visti i risultati…
      un abbraccio!

  • Reply
    Federica
    7 Aprile 2014 at 11:01

    Che bello questo post carico di ricordi Simo 🙂
    Sai che la mai mamma si chiama Gina? Mi ha fatto un certo effetto leggere che era il nome della tua nonna. Anche lei come la tua, non è mai stata molto fantasiosa in cucina, diciamo piuttosto, forse anche perché con mio papà tradizionalista e di gusti difficili non è che possa lasciarsi andare a chissà quali ricette “strane”! Ha i suoi cavalli di battaglia e da lì poco so muove.
    Questa torta profuma proprio di buono e sembra così sofficiosa da mordere una nuvola 🙂 E’ deliziosa con la forma di quello stampo. Un bacione, buona settimana

    • Reply
      pensieriepasticci
      7 Aprile 2014 at 16:47

      il vero nome della nonna era Regina (per me Regina è bellissimo….), però da tutti era chiamata Gina
      …vedo che un pò tutte le mamme si somigliano nelle abitudini culinarie, ehehehe…salutami la tua mamma Gina, ed un abbraccio a te tesoro

  • Reply
    Giovanna
    7 Aprile 2014 at 10:15

    Simo che bel post! E che bella la tua torta, sto arrivando col tè! Un bacio

  • Reply
    Marinuccia
    7 Aprile 2014 at 10:11

    bella la tua torta.. sembra veramente soffice!!!! buon inizio di settimana!!!

  • Reply
    pensieriepasticci
    7 Aprile 2014 at 10:01

    Imma, Vaty, Miu Mia…grazie!
    Una fetta con voi la condividerei davvero volentieri…
    P.s: Vaty…
    …comunque si può anche ripetere l'esperienza, no?! io ci sto!

  • Reply
    Miu Mia
    7 Aprile 2014 at 9:48

    Chi non possiede ricordi così palpabili! Anche io mi unisco al coro di nostalgiche e se posso, assaggio una fetta! 🙂

  • Reply
    Vaty ♪
    7 Aprile 2014 at 9:17

    tesoro.. quando ci parli di te e dei tuoi ricordi, mi sembra di essere li, a sorseggiare una tisana con te, come in quel posticino a milano..
    questa sì che è una torta proprio dei ricordi.. soffice e genuina <3

  • Reply
    Dolci a gogo
    7 Aprile 2014 at 8:43

    Quanti bei ricordi tesoro dietro questo dolce ed è vero anche mia mamma cucina benissimo ma fa sempre le stesse cose guai a variare i suoi menù:D!!Mi piace troppisssssimo questo dolce perchè sa di casa e di buono!!Un bacione grande,
    Imma

  • Reply
    Serena
    7 Aprile 2014 at 7:55

    Come sempre trovo irresistibili i ricordi di famiglia… la tua mamma, poi, mi ha fatto sorridere, somiglia alla mia: "alleggeriamo tutto, vai, dimezziamo le uova, anzxi, solo albumi; niente burro, mettiamoci lo yogurt magro, invece; cioccolata, macché, se ne può fare a meno; farina integrale e niente zucchero"… "ommapperché questo dolce non è venuto un granché? E tutto diverso dalla foto…"
    La tua torta, al contrario, sembra proprio bella… e anche un po' nostalgica!

    • Reply
      pensieriepasticci
      7 Aprile 2014 at 10:00

      eheheheh…ma sono forse parenti?!
      La stessa cosa identica, credimi!!!
      baci gioia

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.