Ciambelline romane all’anice e marsala

Queste ciambelline romane all’anice e marsala sono perfette da servire dopo cena, inzuppate dentro ad un buon vino dolce

Buongiorno a tutti e buon lunedì, come state? Io abbastanza bene, a parte che ho la casa sottosopra per dei lavori, ma presto tutto sarà finito e sarò felice di ritrovare un ambiente bello pulito e luminoso!
Nel frattempo vi racconto questa bella ricettina che ho realizzato qualche tempo fa e che volevo proprio fare, avendone assaggiato una versione simile ad un ristorante come dolcetto dopo cena servito con del vin santo…
Sono delle ciambelline golose, profumate al marsala e all’anice, facilissime da fare e golosissime da gustare, perfette in ogni occasione, anche da regalare, perchè no!
Già da tempo son solita realizzare queste, che mi piace pensare dentro a qualche pacchettino natalizio da regalare a chi amo… questa versione che però vi presento oggi, è ancora più aromatica ed assolutamente golosa: provare per credere!
Amo alla follia questi biscotti croccanti e perfetti per l’inzuppo, tanto profumati, e che si conservano a lungo se riposti in una scatola di latta o di vetro ben chiusa.
Io ve li consiglio…preparatene in quantità e conservateli a lungo, per avere per un bel po’, quando vi va, una piccola coccola golosa pret a manger 😉



ciambelline romane all'anice e marsala

La ricetta è una versione rivisitata delle famose ciambelline laziali dei cinque bicchieri…però, per trovare una consistenza che mi piacesse maggiormente ho fatto alcune modifiche mie sulle dosi, e questo è quello che ho ottenuto 😉
Spero comunque vi piaccia, provatele e poi ditemi

ciambelline romane all'anice e marsala


Print Recipe
Ciambelline romane all'anice e marsala
Queste ciambelline romane all'anice e marsala sono ottime da inzuppare in un buon vino dolce, perfette da regalare e sgranocchiare quando vi va!
ciambelline romane all'anice e marsala
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Tempo Passivo 30 minuti
Porzioni
teglie
Ingredienti
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Tempo Passivo 30 minuti
Porzioni
teglie
Ingredienti
ciambelline romane all'anice e marsala
Istruzioni
  1. In una capiente ciotola mescolare farina, semi di anice e zucchero, insieme al pizzico di sale fino. Fare un buco nel mezzo e versarci dentro l'olio ed il marsala, rimescolando...iniziare poi ad impastare ottenendo un morbido composto abbastanza malleabile.
  2. Coprire con un panno e mettere in frigo per una mezz'oretta a compattare leggermente. Una volta trascorso questo tempo, accendere il forno e portarlo a 150° con funzione ventilata. Togliere l'impasto dal frigo ed iniziare con le mani a formare le ciambelline: prelevarne una dose della misura di una noce, farne un serpentello ed arrotolarlo su se stesso, formando una ciambellina, da adagiare su una teglia coperta di carta forno.
  3. Preseguire così formando una ciambellina dopo l'altra, ed adagandole ben distanziate fra loro, fino a finire l'impasto...a me son venute due teglie belle piene. Cuocere per circa 15 minuti, si devono dorare ma non troppo; togliere le teglie dal forno e lasciar raffreddare completamente prima di riporre in scatole ben chiuse.
Recipe Notes

Si possono realizzare anche con del vino bianco al posto del marsala; si conservano per settimane se tenute al riparo dall'umidità, e ben chiuse in scatole ermetiche o sacchetti.

Condividi questa Ricetta

E con queste golose immagini io vi saluto augurandovi una settimana piena di belle cose, di sole e di primavera!
E se volete altre ricette di ciambelline, la mia amica Miria sul suo blog ne ha tantissime; questa è una di quelle che presto vorrò provare a fare, deve essere favolosa!
Vi abbraccio a presto….




Pan de Mej

Stavo riflettendo sul fatto che, sembra strano ma è così, a casa mia non ci sono mai state particolari tradizioni pasquali legate al mio paese d’origine.
So che qualcuno sbarrerà gli occhi, ma a parte il mangiare delle verdure amare e verdi in occasione del pranzo pasquale con agnello o capretto, gli asparagi con le uova sode e la mitica colomba come dolce, non avevamo un piatto particolare.
Nonna non c’è più, e devo dire che lei non era una gran cuoca…aveva un marito cuoco sì, che però è morto molto giovane e lei, ai tempi lasciava a lui la cucina con molto piacere; una volta rimasta sola, con due figli piccoli da crescere, la guerra finita da poco, il lavoro in tessitura ed una vita piena di fatica e di pochi soldini che giravano in casa, ha sempre fatto quello che poteva per rimediare un pasto decente.
Mia mamma mi ha trasmesso le tradizioni che girano in torno alle festività natalizie, molto sentite da noi, e di tanti altri piatti lombardi, ma in merito alla Pasqua tutto tace.
Voglio però oggi, in occasione di una bella iniziativa in collaborazione con altre amiche blogger,(trovate tutte le info su Istagram!) regalarvi comunque un dolce che fa parte della tradizione lombarda, un sempreverde che in tutte le occasioni è perfetto in tavola…il Pan de Mej.



Pan de mej

Semplicissimo da fare, questo dolce ha una sua storia…solitamente è tradizione mangiarlo il giorno di San Giorgio (23 di aprile) ; questo quello che ci riporta Wikipedia al riguardo:
Il pan meino (o Pan de Mej in lombardo , letteralmente “pane di miglio”), è un dolce tipico, diffuso specialmente nelle province di Milano, Lodi, lecco e Como.
Si tratta di una piccola tortina, dalla consistenza di una frolla, tonda e dolce, aromatizzata ai fiori di sambuco. Vi sono due leggende circa la nascita di questo dolce: la prima narra che il pan meino fu inventato nella prima metà del XIV secolo dagli abitanti delle campagne milanesi per festeggiare la sconfitta dei briganti allora presenti per le campagne milanesi ad opera di Luchino Visconti.
La seconda fa risalire l’invenzione del dolce a semplice accompagnamento alla tazze di panna tradizionalmente offerte alla popolazione dai lattai nel giorno di San Giorgio, loro protettore: il 23 aprile è quindi tradizionalmente preparato il pan meino.
La ricetta del dolce prevede la farina gialla mischiata a farina bianca con uova, latte, panna, burro, zucchero e soprattutto fiori di sambuco che conferiscono il particolare aroma alla preparazione….al tutto viene data una forma circolare schiacciata per passare quindi alla cottura.

Pan de mej

Io ho voluto realizzarli utilizzando una vecchia ricetta di mia mamma (lei va a occhio!) ma confrontandola anche con le dosi riportate da questo libro che trovo stupendo, una specie di bibbia delle ricette lombarde e soprattutto milanesi…anche se ora sono praticamente ligure, (le mie origini sono comunque queste e non posso negarlo!) lo uso spessissimo per prendere spunto e ricordare vecchi sapori…
Quindi, se amate i dolci rustici e “poco-dolci”, perfetti da gustare con un buon bicchierino di Bianco dolce, Moscato o Marsala, ecco che avete trovato il posto giusto: questi miei Pan de Mej vi piaceranno un sacco!
La tradizione li vuole accompagnati da una buona panna liquida, a casa mia si mangiavano così in purezza (mia mamma li serviva insieme ad una fresca e primaverile dadolata di fragole, ma era solo una sua idea, che però non si può disdegnare assolutamente 😉 )

Pan de mej


Print Recipe
Pan de Mej
I Pan de Mej sono dei dolcetti tipici della tradizione lombarda a base di farina di mais, e leggermente aromatizzati dai fiori di sambuco
Pan de Mej
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 25-30 minuti
Tempo Passivo 1 ora e mezza
Porzioni
pezzi
Ingredienti
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 25-30 minuti
Tempo Passivo 1 ora e mezza
Porzioni
pezzi
Ingredienti
Pan de Mej
Istruzioni
  1. Setacciare insieme i tre tipi di farina e fare una fontana su una spianatoia o un piano di lavoro; romperci in mezzo le uova, unirci un cucchiaio di fiorellini di sambuco, lo zucchero semolato, un pizzico di sale ed il burro fatto fondere nel microonde o a bagnomaria.
  2. In una tazzina intiepidire il latte e scioglierci il lievito; iniziare ad impastare il tutto, aggiungendo anche il latte ed il lievito, ottenendo un morbido composto; formare una palla e metterla in una capiente ciotola a lievitare ben coperta in un luogo tiepido per circa un'ora e mezza.
  3. Una volta trascorso questo tempo, accendere il forno e portarlo ad una temperatura di 190° con funzione statica. Ungere ed infarinare una placca da forno, formare con l'impasto delle palle di 8-10 cm circa di diametro, come dei piccoli panini; adagiarle sulla teglia ben distanti fra loro, schiacciarle leggermente al centro e spolverizzarle con abbondante zucchero semolato (a piacere con altri fiorellini di sambuco).
  4. Infornare e cuocere con funzione statica a 190° per 25-30 minuti; devono dorarsi ma non troppo. lasciarli raffreddare e spolverizzare con abbondante zucchero a velo
Recipe Notes

La tradizione consiglia di servirli con della panna liquida o da inzuppare nel latte, ma sono ottimi anche così...a me piace anche accompagnarli con del buon vinello dolce tipo Moscato, o del Marsala.

Condividi questa Ricetta

Pan de mej

La consistenza di questi grossi biscotti, o piccole tortine come dir si voglia, è sbriciolosa e friabile, un po’ rustica proprio grazie alla farina gialla all’interno, e i fiori di sambuco lasciano quel lieve profumo delizioso che li caratterizza…molti mettono i fiorellini anche in superficie, io li ho messi solo all’interno (ne avevo pochi e questo non è il momento della fioritura, è ancora presto purtroppo…).
A casa mia li hanno graditi tantissimo, li rifarò…hanno quel profumo di infanzia e del ricordo!
Io vi esorto a dare un’occhiata ad istagram per scoprire ciò che io e le altre 5 amiche blogger stiamo preparando per voi…
Buon inizio di settimana pieno di cose belle, vi abbraccio




Cookies al farro miele e cioccolato

Tanti pensieri in questi giorni affollano la mia mente…pensieri sul mio futuro, qui nel blog e nel web.
Sono stata presa a fare alcune cose a casa, e sono stata volontariamente più lontana da tutto questo meccanismo… ammetto che mi ha fatto molto bene, come prendere una bella boccata d’aria fresca.
Non che io ne sia stata mai dipendente, sia ben chiaro…però ogni tanto avere la mente affaccendata in altre cose, fa solo bene.
Spesso mi domando se abbia un senso continuare con questo spazio, visto che, purtroppo, la meritocrazia non esiste più e tantissime cose, rispetto a qualche tempo fa in quest’ambito sono cambiate (meglio non entrare nel dettaglio, ma se qualche altra amica blogger mi starà leggendo, avrà capito cosa intendo)….cerco di dare sempre il meglio di me stessa, anche solo per quell’unico lettore affezionato che mi sia rimasto; e continuo perchè sono animata da una vera, sana e grande passione.
Perdonate lo sfogo, ma in questi giorni ho riflettuto tanto e su tante cose!
Comunque sia, in questi casi meglio pensare a qualcosa di dolce…che ne dite di questi cookies al farro, miele e cioccolato?
Ho preso spunto da una ricetta della dolcissima Jasmine (se non la conoscete, beh, vi invito ad andare a trovarla…) poi l’ho un poco rielaborata per trovare questa golosa alternativa che vi presento….perfetti da inzuppo, eccoli qui!



cookies al farro, miele e cioccolato

Sono rustici e golosi quanto basta, perfetti da godersi a colazione inzuppati in una tazza di buon latte o anche per merenda, insieme ad un tè fumante…o ancora messi nella cartella per una pausa merenda a scuola, o per uno spuntino al lavoro…insomma, sgranocchiati quando più ci piace!
Trovo che una coccola golosa ( e con un po’ di cioccolato) aiuti anche a rimetterci in pace col mondo; non lo pensate anche voi?! ….almeno ci si prova…

Ringrazio la Rigoni di Asiago per avermi fatto provare questo “Mielbio miele di Asiago”


Print Recipe
Cookies al farro miele e cioccolato
Questi deliziosi cookies al farro miele e cioccolato sono perfetti da gustare inzuppati in una bella tazza di latte, ma anche golosi da sgranocchiare così, quando ci va
cookies al farro, miele e cioccolato
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
teglia
Ingredienti
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
teglia
Ingredienti
cookies al farro, miele e cioccolato
Istruzioni
  1. Accendere il forno e portarlo a 180° funzione statica. In una ciotola sbattere l'uovo con il miele utilizzando una frusta, in modo da rendelo bello spumoso; unire poi l'olio e continuare ad amalgamare.
  2. Setacciare la farina di farro unendo il lievito e la cannella, poi aggiungerla pian piano al composto, abbandonando la frusta ed utilizzando un cucchiaio di legno o una spatola in silicone; unire in ultimo le gocce di cioccolato e amalgamare ancora un poco.
  3. Porzionare l'impasto con un cucchiaio da gelato e formare delle palline, che poi andranno posizionate su una leccarda ricoperta di carta forno. Appiattirle col palmo della mano e, con i rebbi di una forchetta, formare una decorazione a reticolo.
  4. Infornare e cuocere per 15 minuti circa, si devono dorare ma non troppo. Spegnere il forno, strarre la teglia e lasciar completamente raffreddare su una gratella per dolci.
Recipe Notes

Io ho utilizzato il miele Mielbio Miele di Asiago, gentilmente offerto dall'azienda Rigoni

Condividi questa Ricetta

Ve li consiglio davvero questi cookies perchè sono golosi ma non troppo pesanti, croccanti ed “inzupposi” al punto giusto, e vi faranno fare anche un’ottima figura se vorrete confezionarli in un bel sacchettino o in una scatola colorata per regalarli a chi amate, amici, parenti o conoscenti!
Da Jasmine, su Tortinsù, ci sono tantissime idee di biscotti che voglio provare (lei li adora e ne prepara di rustici e croccantissimi proprio come piacciono a me!) ma se cercate qualche altra idea potrete anche vedere questi qui che ho fatto ormai tantissimo tempo fa e del quale ne siamo ghiottissimi 😉
…perdonate le foto, ero davvero alle prime armi, parliamo di ormai nove anni fa, il tempo vola!

Un caro saluto e buon fine settimana, ricco spero di sole e cose belle per tutti




Biscottini al cocco e Nocciolata

E sempre per San Valentino, da mettere in tavola a colazione insieme alle cioccolate sullo stecco, ecco un’altra ideuzza facilissima ma golosa: i biscottini al cocco e nocciolata, un’idea sicuramente non nuova, sempre vista in rete, ma mai realizzata….
…ho fatto benissimo a provarci, amici miei!
Il connubio cocco e cioccolato mi è sempre piaciuto un sacco e devo dire che qui ci sta alla grande…nel giro di pochissimo porterete in tavola un dolcino goloso ma non pesante, e rallegrerete la colazione di chi amate! Basterà alzarvi una mezz’oretta prima, allestire una tavola romantica con qualche fiore e un po’ di cosucce golose, un vassoietto con questi biscottini e il gioco è fatto!
Pensate che sono talmente facili da fare che potranno realizzarli anche i bambini…magari per fare una sorpresa a mamma e papà…che bello sarebbe, non trovate?!



Biscottini al cocco e cioccolato

Come si fa? Più facile a farsi che a dirsi…inizio col dirvi cosa vi occorrerà:
– Una confezione di biscotti Pavesini o similare
– Bevanda al cocco q.b
– cocco in farina q.b
Nocciolata Rigoni di Asiago con o senza latte a piacere (la mia era quella tradizionale)

Prendete una piccola ciotolina e versateci un poco di bevanda al cocco; aprite il barattolo della nocciolata, scartate i pavesini, poi in un piatto piano mettete un po’ di farina di cocco e preparate un vassoietto o una piccola teglia vuota per adagiarci i vostri biscottini: ora siete pronti per assemblare il tutto!

biscottini al cocco e nocciolata

Prendete due Pavesini e farciteli all’interno con abbondante nocciolata, spalmandola ben bene, poi uniteli premendo leggermente fra loro; rotolate velocemente il biscotto farcito nella bevanda al cocco (fate velocemente perchè il liquido si assorbe subito e più ne assorbe più il vostro biscottino rischia di diventare poi molliccio e poco gustoso) e successivamente passatelo nella farina di cocco, rotolandolo e facendo aderire bene su tutti i lati.
Una volta pronto il primo biscottino, adagiatelo nella teglia vuota e procedete così a farne un altro e poi un altro ancora, sino ad esaurimento di tutti gli ingredienti.

Biscottini al cocco e Nocciolata

Potete preparare in anticipo i vostri biscottini e metterli in frigo sino al momento di servire…altrimenti serviteli subito appena pronti, belli fragranti e golosissimi!
Che ne dite?!
Insieme ad una bella tazza di cioccolata…la colazione è assicurata 😉 ahahahah ho fatto pure la rima!
Se vi può interessare qualche altra ricettina sfiziosa, magari per il menù romantico dall’antipasto al dolce, andate a trovare Miria QUI…ha realizzato una raccolta strepitosa!
Io intanto vi saluto ed auguro un buon S.Valentino a tutti <3 <3




Biscotti di frolla montata al tè Zagara

Buongiorno amici ed amiche, come state?
Spero tutto bene…io sono un po’ in crisi perchè non amo l’inverno ed il freddo di questi giorni mi sta provando parecchio.
La poca luce, le temperature bassissime, le gelate mattutine…no, non fanno per me, e mi scombussolano molto. L’unica cosa positiva è che le giornate si sono leggermente allungate e questo è abbastanza piacevole…ieri tornavo a casa ed erano le cinque, ancora il sole non era ancora sceso, e dentro di me ero felice nell’ ammirare un tramonto fatto di colori meravigliosi…arriverà la mia amata primavera, vero?! Non vedo l’ora, credetemi!
Cerco (per consolarmi un poco, quando posso), di trovare qualche momento tutto per me: amo sopra ogni cosa l’ora del tè pomeridiano (forse nella vita passata ero una nobildonna inglese?! ahahahah chi può saperlo!).
Amo godermi, sempre se posso e riesco, questo momento con tutti i riti del caso…teiera e tazze abbinate (ne ho una collezione, le adoro!), fiori sulla tavola (freschi o secchi), un buon libro per darmi l’ispirazione giusta e per trovare il giusto relax, magari una musica soft in sottofondo, e per finire un dolcetto particolare e goloso.
Questi biscotti di frolla montata al tè sono la mia coccola perfetta…non trovate anche voi?!

 

 

 

Come ogni mese, questa ricettina è stata ideata insieme a Gabriella dello Chà Tea Atelier, grande amica, esperta di tè e Tea Sommelier.
I biscotti di frolla montata, scioglievolissimi al palato e golosi all’ennesima potenza, vengono in questa ricetta resi ancora più profumati e speciali proprio grazie alla presenza di tè polverizzato nell’impasto, insieme ad un pizzico di scorza d’arancia grattugiata.
Già in passato avevo realizzato dei biscotti con il tè polverizzato all’interno: li potete trovare qui e qui, se volete creare qualche altra variante golosa 😉

Il tè utilizzato in questa ricetta è lo Zagara, profumato all’arancia, delicato ed aromatico…
Qui Gabriella ci spiegherà al meglio anche come prepararlo.

Il tè Zagara è una raffinata miscela di tè verde giapponese Sencha e di tè bianco cinese Bai Mu Dan, impreziosita con scorze e fiori d’arancio. Questo tè regala in tazza tutta la delicatezza e persistenza tipiche della Zagara, il fiore dell’arancio, e porta la primavera siciliana a casa nostra tutte le volte che lo infondiamo.

Per la preparazione si consiglia:

acqua : 85°
quantità: 2-3 grammi ogni 150 ml
tempo di infusione: 2’-3’

Per la preparazione a freddo si consiglia:
2 cucchiai ogni litro d’acqua, infusione a freddo in frigorifero per tutta la notte; al mattino filtrare.

 

 

Ringrazio Ale del blog “Dolcemente Inventando” perchè la ricetta base l’ho presa da lei…è una bravissima pasticcera ed un’amica speciale, grazie di cuore!

 

Biscotti di frolla montata al tè Zagara


Print Recipe
Biscotti di frolla montata al tè Zagara
Questi biscotti di frolla montata al tè Zagara, sono deliziosi, profumati e golosissimi, perfetti per una merenda all'ora del tè!
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 12-15 minuti
Porzioni
teglia
Ingredienti
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 12-15 minuti
Porzioni
teglia
Ingredienti
Istruzioni
  1. Accendere il forno e portarlo ad una temperatura di 180° statico. Rivestire con carta forno una leccarda. Polverizzare con un mortaio il tè Zagara ed amalgamarlo allo zucchero a velo.
  2. Lavorare a crema il burro col pizzico di sale (potete usare anche una planetaria col gancio a foglia) poi unire la scorza d'arancia grattugiata e lo zucchero a velo, sempre amalgamando. Unire il bianco d'uovo e mescolare sino a completo assorbimento; all'inizio potrà sembrare che l'impasto si smonti, ma non bisogna demordere, pian piano verrà inglobato alla perfezione.
  3. Unire alla fine la farina setacciata, sempre amalgamando, fino ad ottenere un morbido composto omogeneo. Io per formare i biscotti ho usato la sparabiscotti, ma è possibile anche usare la sac a poche con una bocchetta grande a stella o a vostro piacimento.
  4. Versare quindi l'impasto nella sparabiscotti o in una sac a poche come sopra descritto, e formare tanti biscottini direttamente sulla teglia rivestita; infornare quindi a 180° per circa 12-15 minuti, devono dorarsi appena. Molto importante controllare bene la cottura...dipende sempre dal forno, magari basta qualche minuto per rovinare la cottura, quindi teneteli d'occhio!
  5. Una volta cotti, spegnere il forno, farli raffreddare un poco, poi adagiarli su una gratella per completare il raffreddamento.
Recipe Notes

Si conservano in una scatola o in un vaso ermetico ben chiuso, lontano dall'umidità per una settimana, anche qualche giorno in più!
Grazie ad Alessandra per la ricetta originale, dalla quale ho preso spunto

Condividi questa Ricetta

 

Volevo anche parlarvi di questo delizioso libro in lingua inglese che mi ha accompagnata in questa merenda: si intitola “Making Winter”, l’autrice è Emma Mitchell ed è, come lei lo definisce, una piccola guida per sopravvivere ai mesi freddi dell’Inverno.
E’ bellissimo anche solo da sfogliare per le meravigliose foto e per i progetti al suo interno…infatti è possibile realizzare tanti piccoli lavoretti all’uncinetto, piccoli gioiellini fatti a mano, disegni, erbari, ricette comfort food.
Avevo visto questo libro da Paola e, me ne sono immediatamente innamorata…pensate che uno dei progetti è una simpatica mangiatoia per gli uccellini selvatici che rimangono senza cibo durante i mesi freddi, so che lei insieme ai suoi bimbi l’ha realizzata!
Io invece ho adocchiato una meravigliosa sciarpa che ho intenzione di uncinettare sicuramente, inoltre mi è venuta una voglia matta di riprendere in mano gli acquerelli per colorare foglie, fiori e bacche multicolori; o anche imparare a costruire una piccola ghirlanda per decorare la porta di casa…sfogliatelo anche voi e ve ne innamorerete (peccato solo per la lingua inglese, che io non mastico al meglio!).

 

 

Quindi che state aspettando?
Preparate il bollitore, apparecchiate la tavola, mettetevi comode e…mi raccomando godetevi al meglio questa merenda incantevole!
Io vi aspetto sempre qui; nel prossimo post volevo parlarvi delle mie ultime letture, per raccontarvi ciò che mi ha particolarmente colpito positivamente e che mi ha appassionato: è da un po’ che non lo faccio, e nel frattempo ho letto parecchio, quindi….

Alla prossima!

 




Biscotti croccanti al cacao e noci pecan

Biscotti croccanti al cacao e noci pecan

Adoro prendermi qualche momento per me, per coccolarmi con una lenta colazione mentre leggo uno dei miei amati libri,  sapendo che non mi devo mettere a correre per fare mille cose e che posso prendermela con un po’ più di calma…solitamente cerco di ritagliarmi questi attimi nei fine settimana (anche se poi alla fine faccio il doppio di quello che mi ero prefissata, chissà perchè!) o in vacanza, e, credetemi, sono davvero attimi preziosi, che sanno ritemprare, rimetterci in pace col mondo e darci una nuova carica per iniziare la giornata.
Sono un po’ “Hygge inside”io….ammetto che non amo l’inverno, e la frenesia di questi giorni del dover uscire, girare nel caos per fare mille acquisti, no, non fanno per me.
Meglio la tranquillità della propria casetta e se, proprio devo uscire, cerco di farlo nelle ore dove c’è meno confusione e dove posso godermi al meglio la mia città e quello che voglio vedere e fare.
Sì, sto proprio, decisamente e inesorabilmente invecchiando!
Qualche anno fa l’avrei pensata decisamente in maniera diversa, ma si sa, tutti cambiamo ed acquistiamo soprattutto una differente consapevolezza.
Quando posso quindi, ritornando al discorso iniziale, amo fare colazione in modo rilassato, magari con dei dolcetti fatti da me: questi biscotti croccanti al cacao e noci pecan sono stati davvero una piacevole scoperta perchè leggeri, golosi, ed anche sani! Proprio così…
Senza grassi animali, senza uova sono perfetti anche per chi è intollerante e per i vegani 😉

 

biscotti croccanti al cacao e noci pecan

 

Ho preso la ricettina dal mitico libro di cui vi parlavo già qua (quei muffins alle pere son venuti uno spettacolo!!!) ed anche questa volta le mie aspettative non son state deluse!
Ho come sempre fatto qualche piccola modifica in corso d’opera…non avevo le noci di macadamia (nella ricetta originale eran previste loro!) ma avevo le pecan, che adoro e che trovo particolarmente aromatiche e irresistibili, quindi ho utilizzato quelle; anche il latte di soia della ricetta originale l’ho sostituito con quello di riso, che mi piace di più.
Voi fate come meglio credete, sapete che la sperimentazione in cucina è sempre ben accetta!
Ringrazio inoltre Molino Rossetto per avermi fatto provare l’ottima farina macinata a pietra di tipo 2 che ho utilizzato 🙂
Vi ricordo altresì che questi biscotti potrebbero essere anche un’ottima idea regalo per Natale, magari per gli amici che amano mangiare vegano o che hanno intolleranze alle uova o ai latticini…
E non dimenticate di fare un giretto sulla mia pagina di ricette per festività e ricorrenze…vi aspetto con tante belle idee sia da regalare che da preparare per i pranzi e gli appuntamenti festivi!

 

biscotti croccanti al cacao e noci pecan

 

Print Recipe
Biscotti croccanti al cacao e noci pecan
Questi biscotti croccanti al cacao e noci pecan, sono adatti in qualsiasi momento della giornata e perfetti anche per intolleranti alle uova e lattosio!
biscotti croccanti al cacao e noci pecan
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
biscotti
Ingredienti
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
biscotti
Ingredienti
biscotti croccanti al cacao e noci pecan
Istruzioni
  1. Accendere il forno e portarlo ad una temperatura di 180° statico. In una capiente ciotola setacciare la farina con il cacao, il bicarbonato, il sale, e l'amido di mais; unire poi anche lo zucchero di canna e la vaniglia, mescolando bene.
  2. Aggiungere l'olio e il latte di riso, amalgamando sino ad ottenere un composto abbastanza omogeneo. Tritare grossolanamente le noci pecan, tenendone alcune per decorare a piacere i biscotti dopo averli formati; unirle all'impasto e formare un bel panetto.
  3. Prelevare una pallina (più o meno grande come una noce) dall'impasto, darle una forma ben tondeggiante e poi schiacciarla leggermente al centro formando il biscotto; adagiarci nel mezzo un pezzetto di noce pecan e poggiarlo su una teglia ricoperta di carta forno.
  4. Continuare così sino ad esaurimento del composto, si otterrà una teglia di biscotti (a me ne son venuti circa una dozzina): a questo punto infornare e cuocere con funzione statica per 15 minuti.
  5. Sfornare i biscotti, lasciarli intiepidire e poi metterli su una gratella a raffreddare completamente.
Recipe Notes

Si conservano in un contenitore ermetico ben chiuso in un luogo fresco ma non umido per anche una settimana, dieci giorni.
La ricetta originale prevedeva latte di soia al posto di quello di riso e noci di macadamia al posto delle pecan...se non avete queste varietà particolari di noci, vanno bene anche le noci normali.

Condividi questa Ricetta

 

 

biscotti croccanti al cacao e noci pecan

 

Ora vi lascio augurandovi una settimana ricca di cose belle; non correte troppo, mi raccomando 😉
Un abbraccio e ci vediamo presto con una serie di belle iduzze sempre in vista del Natale in arrivo…

A presto!




Biscotti per le feste : cinque idee per voi!

Buon lunedì amici ed amiche, state bene?
Io si, non mi posso lamentare…ormai il mese di dicembre ahimè…è qui.
Fra pochissimo saremo in inverno…fra pochissimo arriverà Natale!
Avete già iniziato a pensare ai regali?
A qualcosina da regalare fatta con le vostre manine?
Io ho già sistemato alcuni regali, alcuni già comprati ed impacchettati…non mi piace mai arrivare all’ultimo minuto se posso.
E per i regali fatti in casa, beh…sul blog  ci sono tante idee, ho messo a lato una bella foto di “Ricette per festività e ricorrenze“che potrete cliccare e vi si aprirà direttamente una pagina dove troverete tutto, sia dolce che salato 😉
Oggi però voglio proporvi una raccolta; ho visto che vi piacciono molto ed ho deciso quindi di farne una con “cinque idee di Biscotti per le feste”!
Che ne dite non è un’idea simpatica?
Io, regalando biscotti ho sempre fatto bella figura….tutti li gradiscono solitamente, si preparano facilmente in casa senza troppa difficoltà (sapete bene che le mie ricette non sono mai difficili, eh!) e quando li donate, fate felici chi amate!
Bando alle ciance, ecco qui le idee che ho pensato per voi…

 

Queste stelle che vedete in foto sopra, sono buonissime…profumate al tè, vegane, leggere e golosissime, faranno davvero un figurone confezionate in un bel sacchetto o in una scatola colorata!

 

Stelle di frolla vegana al tè Green Christmas

 

Questi invece li ho chiamati biscotti ubriachi, perchè contengono vino e alchermes…non pensate a qualcosa che vi possa ubriacare, ahahaha no dai…
Saranno apprezzatissimi, da me li hanno divorati, credetemi!

 

Biscotti ubriachi con noci e mandorle

 

Altri biscotti che vi piaceranno da matti, sono questi qui; ripieni di confettura, rustici ma dolci e deliziosi quanto basta, saranno come le ciliegie…uno tira l’altro!

 

Biscotti di frolla al farro con confettura ai frutti di bosco

 

E che dire di questi?
Un po’ rustici perchè con la farina gialla all’interno, deliziosi e croccantissimi….fidatevi finiranno in un battibaleno!
E saranno apprezzatissimi…

 

Biscotti alla farina gialla e zuccherini

 

E per finire questi di Csaba, che trovo irresistibili proprio perchè speziati e quindi adattissimi ad un tea time di Natale!

 

Biscotti speziati croccantissimi di Csaba

 

Ecco, queste sono solo cinque idee fra le tante che nell’arco dei dieci anni di questo blog ho pubblicato…vi ricordo di cliccare sull’immagine a lato dove arriverete direttamente su una pagina in cui ho voluto raccogliere idee dolci e salate, sia da regalare che da realizzare per i vostri pranzi delle festività imminenti!
Mi raccomando, vi aspetto 🙂

A presto!




Biscotti morbidi alle mele

Come vi avevo promesso, ecco un bel dolcetto per iniziare bene la settimana.
Questi biscotti morbidi alle mele, sono stati eletti da mio marito fra i migliori mai mangiati, così credo che li rifarò, ed anche molto presto.
Nel frattempo mi sento di consigliarli anche a voi e voglio ringraziare Erika del blog “La tana del coniglio” perchè la ricetta l’ho scoperta da lei: appena li ho visti ho capito immediatamente che sarebbero stati un must qui da me, e devo dire che così è stato! Grazie Erika…
Sono davvero golosi, profumati e delicati…i pezzetti di mela all’interno li rendono morbidi e scioglievoli, insomma, provateli.
Io avevo delle belle mele annurche trovate ad un mercato del contadino, forse non perfette ma buone e succose, e, in questi biscotti hanno dato il loro massimo…
Sì, amo le mele ed i dolci con le mele danno sempre un’idea di tepore famigliare, di casa, di famiglia, di buono…nei miei fine settimana spesso non manca una bella torta alle mele soffice che cuoce in forno, o dei biscotti, come questi ad esempio, che come dicevo, prestissimo ripeterò.

 

mele annurche

 

Come dice Erika, questi biscotti danno il loro meglio con una buona tazza di tè….quindi vi consiglio di preparare un bel vassoio con una teiera fumante, la tipologia di tè che preferite, e, mentre magari vi prendete qualche minuto solo per voi con un libro o una rivista, gustatevi in puro relax questa golosa merenda, accendendo una bella candela profumata o mettendo su un po’ di musica: ecco una perfetta atmosfera Hygge che nelle stagioni fredde da il meglio di sè.

 

biscotti morbidi alle mele

 

Print Recipe
Biscotti morbidi alle mele
Biscotti morbidi e profumati, con le mele all'interno, perfetti per l'ora del tè ma anche per una merenda golosa!
biscotti morbidi alle mele
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 15-20 minuti
Porzioni
teglie
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 15-20 minuti
Porzioni
teglie
biscotti morbidi alle mele
Istruzioni
  1. Nella ciotola della planetaria versare 250 g di farina 00 (presi dal totale degli ingredienti), lo zucchero di canna, il burro freddo tagliato a pezzettini, l'uovo leggermente sbattuto e il lievito per dolci. Lavorare il tutto con il gancio a foglia fino ad ottenere un impasto morbido, ma consistente.
  2. Tagliare a dadini le mele, dopo averle detorsolate e sbucciate. Raccoglierle in una ciotola e irrorarle con poco succo di limone. Scolare i dadini di mela dal succo e trasferirli all'interno dell'impasto. Rilavorare bene il tutto aggiungendo i restanti 110 g di farina, poca alla volta, fino a quando non si otterrà un impasto consistente e non appiccicoso.
  3. Prelevare delle piccole quantità di impasto e lavorarle velocemente con le mani fino a formare delle palline; rotolarle prima nello zucchero di canna e poi nello zucchero a velo. Disporle man mano su due teglie foderate con carta forno distanziandole leggermente.
  4. Cuocere in forno statico, già pre riscaldato, a 180°C per circa 15-20 minuti; i tempi di cottura possono variare in base alle dimensioni delle palline fatte; le mie erano grandi come una noce. I biscotti si dovranno dorati appena in superficie per essere pronti Lasciate raffreddare completamente prima di gustare.
Recipe Notes

Si conservano per 4-5 giorni ben chiusi in un contenitore ermetico, in luogo fresco ma non freddo nè umido.

Condividi questa Ricetta

 

 

 

Ringrazio Molino Rossetto per avermi dato modo di provare la farina 00 che ho utilizzato per realizzare queste delizie!

 

 

biscotti morbidi alle mele

 

Buon inizio di settimana a tutti allora e buona merenda…provate questi biscotti, non ve ne pentirete.
Potete anche pensare ad una simpatica idea regalo, confezionandoli su un vassoietto o servendoli dentro ad un bel barattolo colorato…si conservano per diversi giorni se tenuti ben chiusi lontano dall’umidità e in luogo fresco (ma non freddo).
Se vi va di offrirli a degli amici, state certi che farete davvero una bellissima figura 😉
Un abbraccio e solo cose belle per tutti voi




Biscotti con farina di farro, fiocchi d’avena, cacao e nocciole

Buongiorno e buon mercoledì amici ed amiche!
Oggi eccomi qui con una ricettina semplice e golosa, perfetta per rilassarci e coccolarci nel fine settimana che presto arriverà…sono dei biscotti che ho per caso adocchiato qui, sul sito della mia amica Elena e che ho realizzato con qualche piccola modifica.
Elena è una garanzia, sul dolce non la batte nessuno; ho provato varie volte a replicare alcune sue ricette ed il risultato è sempre stato ottimo.
Quindi ecco a voi i miei biscotti con farina di farro, fiocchi d’avena, cacao e nocciole, perfetti da sgranocchiare così da soli ma anche da inzuppare in un caldo tè o per accompagnare una bevanda (eh si, presto la sera qui inizierà a fare freschetto!) oppure una tisana o una bibita a vostro piacimento…
Insieme ai biscottini però, vorrei mostrarvi alcuni piccoli regalini che mi son fatta per celebrare il decimo compleanno del blog…ammetto di essermeli fatti un po’ in ritardo, ma la nonna Gina ha sempre detto “meglio tardi che mai” ed io ovviamente faccio mie queste sue sagge parole.
Guardate che belle le tazze con impresse le foto dei miei “pasticci”…vi piacciono?
Sì con Print24 potrete averle anche voi in brevissimo tempo e facilissimamente (se ce l’ho fatta io, credetemi è un gioco da ragazzi! Loro poi sono gentilissimi, se avete bisogno di assistenza ;)), con le foto dei vostri figli, una foto ricordo, una immagine che vi ha particolarmente colpito o quella che più vi garba…
Guardate quante belle cosine ho realizzato, tutte per me!

 

Pensieri e pasticci

 

…bigliettini da visita semplici e delicati, con il mio logo e con i colori che amo, proprio come li volevo io…

 

Tazze pensieri e pasticci

 

tazza pensieri e pasticci

 

…e ancora queste meravigliose tazze: non sono carine con le immagini che rappresentano alcune delle mie più famose ricettine, quelle che spesso mi rappresentano anche nei social e a cui son particolarmente legata? Io le adoro!

 

 

shopper pensieri e pasticci

 

E che ne dite di queste carinissime shopper?
Fare la spesa sarà ancora più piacevole…insieme alle tazze faranno parte di regali che dedicherò alle mie più care amiche, poche ma buone, quelle che sempre hanno creduto in me e nel mio piccolo blog, che seguo e coltivo con tanta passione!

Pensavo quindi, quando sarà il momento, di regalare le tazze piene di golose bontà….intanto vi lascio la ricetta di questi buonissimi (ne parlavo all’inizio del post) biscotti con farina di farro, fiocchi d’avena, cacao e nocciole; per la merenda sono proprio perfetti!

 

Print Recipe
Biscotti con farina di farro, fiocchi d'avena, cacao e nocciole
Leggeri, golosi e croccanti, perfetti per merende e colazioni coi fiocchi!
biscotti alla farina di farro, fiocchi d'avena, cacao e nocciole
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Tempo Passivo 30 minuti
Porzioni
teglia
Ingredienti
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Tempo Passivo 30 minuti
Porzioni
teglia
Ingredienti
biscotti alla farina di farro, fiocchi d'avena, cacao e nocciole
Istruzioni
  1. Accendere il forno e portarlo a 170° con funzione statica. In una capiente ciotola sbattere ben bene l'uovo col pizzico di sale e lo zucchero; unire l'olio, amalgamare e mettere da parte.
  2. In un'altra ciotola setacciare la farina di farro col cacao amaro e il lievito, unire i fiocchi di avena, e poi versare nella ciotola con gli ingredienti liquidi, amalgamando bene. Io ho poi aggiunto granella di nocciole e gocce di cioccolato ad occhio, fino a raggiungere la consistenza di una frolla morbida ed omogenea.
  3. Formare una palla di impasto, avvolgerla nella pellicola alimentare e mettere in frigo per circa una mezz'oretta, in modo da compattare il tutto alla perfezione. Una volta trascorso questo tempo, prelevare delle piccole palline di impasto della grandezza di una noce, schiacciarle al centro in modo da ottenere dei cerchi più o meno regolari ed adagiarli su una teglia con carta forno.
  4. Infornare e cuocere per circa una quindicina di minuti, sfornare e lasciar raffreddare. Servire a piacere cosparsi di zucchero a velo, ma io ho preferito non metterlo.
Recipe Notes

Questi biscotti si conservano in una scatola ben chiusa ermeticamente in luogo fresco ma non umido per anche una settimana abbondante.
Elena utilizza farina integrale, quindi potete tranquillamente utilizzarla al posto di quella di farro.
Se per caso siete allergici alle nocciole, potete anche utilizzare noci tritate grossolanamente.

Condividi questa Ricetta

 

 

biscotti alla farina di farro, fiocchi d'avena, cacao e nocciole

 

Mi raccomando, non dimenticate di fare un giretto anche voi da Print24, troverete davvero tante idee simpatiche per personalizzare i vostri oggetti, i vostri regalini, per crearvi dei quadretti da appendere in casa, insomma resterete stupiti dal numero di cose che potrete fare, credetemi!

Buona giornata a tutti e un abbraccio, perdonate l’assenza di questi giorni ma ho avuto giornate incasinatissime ma conto di rimettermi in pista al più presto….

 

 




Treccine alla panna

Eccoci in un soffio arrivati al fine settimana, al mese di giugno, e chi più ne ha più ne metta…mamma mia ma non era ieri che eravamo a Natale?
No, scusate, non ce la posso fare, qua non ci si rende conto e fra poco passerà anche l’estate aiutooooo…
Vabbè, non voglio essere negativa, ma caspita, le giornate ed i mesi volano, com’è sta storia?!
Presto la “piccola” di casa sarà alle prese con l’esame di maturità…da poco abbiamo finito il capitolo “patente” (ansia a mille, qualcuno potrà capirmi!!) e se tanto mi dà tanto, a breve metteremo in vacanza anche il forno fino a data da destinarsi…
Eh sì, stamane son di riflessioni.
Troppe ne sto facendo in questi giorni, ma tant’è…
…che fintanto ci saranno temperature clementi ed il forno sarà a pieno regime, potremo ancora realizzare preparazioni come questa: si, ho voluto provare queste treccine alla panna, ricetta di Benedetta, che son piaciute da matti a tutti qui in casa.
Soffici, buone e golose..perfette da inzuppare a colazione, golose per merenda, insomma che ve lo dico a fare: provatele e mi saprete dire.
Io coi lievitati ho sempre qualche problemino, ho dovuto aumentare un po’ i tempi di lievitazione, ma vi lascio le istruzioni di Benedetta che è sempre molto precisa e vedrete che vi verranno uno spettacolo!

 

treccine alla panna

 

Print Recipe
Treccine alla panna
delle treccine dolci e soffici, golose e perfette per colazione e merenda
treccine alla panna
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 20 minuti
Tempo Passivo 3.30 ore circa
Porzioni
pz
Ingredienti
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 20 minuti
Tempo Passivo 3.30 ore circa
Porzioni
pz
Ingredienti
treccine alla panna
Istruzioni
  1. Per prima cosa, in un pentolino unire la panna e il latte. Mettere il pentolino sul fuoco e lasciare appena intiepidire qualche secondo il composto. Attenzione, deve essere leggermente tiepido non caldo! Una volta tiepido versare il tutto in una ciotola e lasciare sciogliere all'interno il lievito di birra. Quando il lievito sarà completamente sciolto, unire lo zucchero, la vaniglia, la buccia grattugiata del limone, l' uovo e iniziare a mescolare tutti gli ingredienti con l'aiuto di una forchetta.
  2. A questo punto unire la farina un po' alla volta continuando a mescolare; quando il composto risulterà più sodo, trasferirlo sul piano di lavoro leggermente infarinato continuandolo a lavorare con l'aggiunta di farina fino ad ottenere una consistenza omogenea ed elastica. Quando il panetto sarà pronto, trasferirlo in una ciotola, incidere una croce in superficie con l'aiuto di un coltello e coprirlo con pellicola trasparente. Lasciar lievitare in un luogo caldo (io nel forno spento con la luce accesa) fino al suo raddoppio, ci vorranno circa 2 ore, ma a volte (come è successo a me) anche tre.
  3. Trascorso il tempo di lievitazione, riprendere l'impasto e stenderlo su un piano leggermente infarinato con l'aiuto di un mattarello. Bisognerà ottenere una sfoglia rettangolare di circa 1cm di altezza; a questo punto con un tagliapizza incidere tante strisce che andranno poi tagliate a metà, (sennò risulterebbero troppo lunghe). Intrecciare 3 strisce alla volta, ottenendo quindi tutte le treccine (ne verranno 8-10) Trasferirle su una teglia con cartaforno e lasciarle lievitare coperte con pellicola trasparente per ancora 30 minuti circa.
  4. Infornare le treccine in forno statico a 180° per circa 20 minuti ( o in forno ventilato a 170° per circa 20 minuti). Appena sfornate, spennellarle con dell'acqua, in modo da mantenerle super soffici sia dentro che fuori. Una volta fredde, spolverizzare le treccine con zucchero a velo e saranno pronte per essere servite!
Recipe Notes

Consiglio di Benedetta: per renderle ancora più gustose, farcitele a piacere con marmellata o crema di nocciole!
Benedetta usa il lievito di birra fresco: ne utilizza 15 g: io avendo problemi con i lieviti ho preferito usare quello secco disidratato, e mi ci è voluto un po' di più per farle lievitare...
Si conservano per 3-4 giorni in una bustina di plastica x alimenti ben chiusa, o in una scatola ermetica.

Condividi questa Ricetta

 

 

treccine alla panna

 

E siccome oggi è venerdì, devo scappare a fare mille commisisoni…
Un abbraccio a tutti, perdonate la poca presenza, vi prometto di esserlo maggiormente appena sistemerò un po’ di cosette!
Buon fine settimana




Biscotti Anzac di Ottolenghi

Buongiorno amici ed amiche; dopo aver letto il libro Jerusalem di Yotam Ottolenghi, ho deciso di sperimentare alcune delle sue ricette, sia dolci che salate; complice anche la cara amica Dauliana, che ne ha sperimentate ormai un sacco con risultati sempre eclatanti, qualche giorno fa, ho voluto provare questi biscotti Anzac qui.
A dire il vero non ho capito perchè mi son venuti completamente differenti rispetto ai suoi, sta di fatto che comunque erano fantastici, rustici e ricchi, ed anche, ehm…abbastanza calorici, quindi attenzione: consumiamoli con parsimonia!
Sì, mi sono accorta sperimentando un po’ qua e un po’ là che Ottolenghi non bada a spese quando si tratta di condimenti ed affini, anzi, ci va giù abbastanza pesante, eheheheh!
Comunque sia, le pagine con i post it attaccati (sapete che tutti i miei libri hanno post it in ogni dove, ehehehe) sono davvero tante e, pian piano conto di riuscire a provarne ancora e ancora.
Beh, non voglio dilungarmi oltre, passo subito a mostrarvi la ricettuzza…se cercate un biscotto di un certo peso, beh, l’avete trovato.
Questa ricette viene da Sweet, il libro di dolci dello chef Ottolenghi che però ancora non è stato tradotto in Italiano…riprendo alcune info dal post di Dauliana, dove si dice che i biscotti Anzac sono tipici di Australia e Nuova Zelanda; il nome deriva dall’acronimo Australian and New Zeland Army Corps, tradizionalmente ricordati come i biscotti che le mogli spedivano ai soldati nei luoghi in cui combattevano perchè avevano la caratteristica di conservarsi a lungo.
Questa ricetta è comunque una rivisitazione degli originali, con qualche piccola variazione…

 

biscotti Anzac di ottolenghi

 

Li vedete?! Non sono bellissimi, lo ammetto…
Buoni però si, e molto…burro , miele e zucchero non si sprecano affatto, provateli e fatemi sapere.
Io ho usato i fiocchi d’avena di Quarker che ho trovato nell’ultima Degustabox: qui le info per averla a casa vostra quanto prima!
Ogni mese è una sorpresa… 😉

 

biscotti Anzac di Ottolenghi

 

Print Recipe
Biscotti Anzac di Ottolenghi
dei biscotti rustici, golosi e ricchi di gusto!
biscotti Anzac do Ottolenghi
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 18 minuti
Porzioni
pezzi
Ingredienti
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 18 minuti
Porzioni
pezzi
Ingredienti
biscotti Anzac do Ottolenghi
Istruzioni
  1. Accendere il forno a 170°c e foderare una placca con carta forno, Mescolare la farina, i fiocchi d’avena, il cocco, lo zucchero, la scorza di limone e l’uvetta. Mettere il burro in un pentolino e farlo sciogliere a fuoco dolce insieme al miele e l’acqua; versare il bicarbonato e mescolare energicamente per 15 secondi.
  2. Unire il composto di burro alle farine, ed impastare fino ad avere un composto compatto; formare delle palline grandi come una noce e disporle sulla placca foderata distanziandole fra loro di circa 5 cm. Cuocere 18-20 minuti, i biscotti devono essere dorati ai bordi ma morbidi al centro.
  3. Sfornare e lasciar raffreddare su una gratella.
Recipe Notes

Si conservano in una scatola ermetica ben chiusi per anche dieci giorni.

Condividi questa Ricetta

 

 

biscotti anzac di Ottolenghi

 

Behe, ora scappo, tante cose da fare mi attendono in questi giorni e il tempo è sempre tiranno ahimè.
Speriamo in un po’ di sole, primavera…pensaci tu!

Un grande abbraccio e buona giornata!