Crema dessert al tè Bancha Fiorito

E siccome mercoledì è stato il compleanno del mio piccolo e amatissimo blog (undici anni ormai, sembra ieri…), ecco che un dolcetto per festeggiare ve lo dovevo proprio regalare!
Che ne dite di uno di questi adorabili bicchierini di Crema dessert al tè Bancha Fiorito?
Li ho preparati in occasione della rubrica “in cucina con il tè” che ormai da diversi anni ogni mese vi fa compagnia, realizzata a quattro mani da me e da Gabriella dello Chà tea Atelier di Milano.
Trovo che siano primaverili, delicati e deliziosi; perfetti da offrire ad amici in visita, da gustare come merenda pomeridiana o anche dopo una cena leggera o un pranzo…sono adattissimi ad ogni occasione!
Io ho voluto dargli un tocco ancora più speciale aggiungendo appena un pizzico di vaniglia bourbon, ma questo tè è davvero delicato e profumatissimo, tanto che la mia aggiunta si può tranquillamente evitare.
Che ne dite, vi piacciono?!



crema dessert al tè Bancha Fiorito

Passo come sempre la parola a Gabriella che vi parlerà di questo tè che io adoro e che trovo stupendo anche da bere…

crema dessert al tè bancha fiorito

Il Bancha fiorito è una miscela di tè verde giapponese, tè verde al gelsomino, pezzi di ciliegia, rosa canina, fiori di gelsomino, peonie e rose.
Dal profumo inebriante della primavera.
Per la preparazione:
2-3 g/150 ml acqua naturale
a 80° infusione per 2’30” – 3’

crema dessert al tè bancha fiorito


Print Recipe
Crema dessert al tè Bancha Fiorito
Questi bicchierini di crema dessert al tè Bancha fiorito, sono delicati e deliziosi, da gustare in qualsiasi momento
crema dessert al tè bancha fiorito
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 1 ora in frigo
Porzioni
bicchierini monoporzione
Ingredienti
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 1 ora in frigo
Porzioni
bicchierini monoporzione
Ingredienti
crema dessert al tè bancha fiorito
Istruzioni
  1. Scaldare il latte in un pentolino antiaderente senza portarlo ad ebollizione; spegnere la fiamma, aggiungere le foglie di tè e lasciare in infusione 7-8 minuti, o ancora meglio sino a completo raffreddamento. Filtrare, eliminare il tè e mettere da parte un attimo il latte in una ciotola.
  2. In un'altra ciotola sbattere con una frusta vigorosamente 1 uovo intero ed un tuorlo, aggiungere lo zucchero ed ottenere una bella crema spumosa; unire successivamente anche la farina e continuare ad amalgamare con la frusta.
  3. Aggiungere il latte a filo sempre amalgamando, unire anche la vaniglia e mettere sul fuoco, a fiamma bassa, mescolando continuamente per evitare la formazione di grumi. Il composto si addenserà pian piano e, una volta arrivato a bollore, sempre mescolando lasciar sobbollire per circa 3 minuti, poi spegnere la fiamma .
  4. Distribuire la crema ottenuta dentro a sei bicchierini monoporzione e lasciar raffreddare a temperatuta ambiente, poi mettere 1 ora in frigo a solidificare appena (la consistenza rimarrà comunque cremosa e morbida). Una volta trascorso questo tempo, decorare a piacere con fiori commestibili e servire.
Condividi questa Ricetta

crema dessert al tè bancha fiorito

Non trovate che siano anche molto romantici, oltre che delicati e profumati, questi bicchierini di Crema dessert al Tè Bancha Fiorito?
Decorati poi con qualche fiore commestibile, beh….saranno ancora più belli, perfetti per festeggiare, come nel mio caso, un anniversario o un’occasione speciale.
Ora scappo e vi auguro un sereno fine settimana, che sia ricco di sole e di cose belle, relax e serenità 🙂
A presto




Blinis con mousse di formaggio, tè e salmone

Buon mercoledì amici ed amiche, e così anche febbraio pian piano se ne sta andando…
Ammetto che ne son solo felice, non sopporto i mesi invernali e non vedo l’ora che arrivi la primavera. Sì, lo so, sono un po’ un disco rotto, ma che ci posso fare se non mi piace l’inverno?!
In questi giorni le temperature più tiepide mi han fatto ben sperare, e messo un po’ di voglia di fare in più, quindi mi son messa all’opera ed ho preparato questi blinis con mousse di formaggio, tè e salmone, per l’appuntamento mensile con la rubrica “In cucina con il tè”, realizzato insieme all’amica Gabriella Lombardi dello Chà Tea Atelier.
Già in passato avevamo sperimentato l’accostamento tè e formaggio, qui, e devo dire che mi era piaciuto un sacco… stavolta però ho realizzato una sorta di crema/mousse amalgamando il tè polverizzato direttamente col formaggio, che poi abbiamo gustato insieme a del freschissimo salmone sopra a questi deliziosi blinis di farina di ceci.
Un accostamento non particolarmente usuale per una tradizionalista come me, ma che in realtà ho apprezzato e che probabilmente ripeterò 😉



Per questa ricetta ho utilizzato il tè Russian Caravan, un blend che mi è piaciuto un sacco anche da bere e sorseggiare così in purezza.
Un tè che si accompagna benissimo a tanti piatti secondo me…ebbene sì, potrà sembrare insolito, ma bere tè ai pasti in accompagnamento a piatti salati, beh, è possibile ed assolutamente gradevole.
Ce lo vedo perfettamente anche con un buon taglio di carne magari cotta in umido o arrosto…

Tè Russian caravan

Ecco che come sempre passo la parola a Gabriella che ci descriverà questo tè nei dettagli…

Il tè Russian Caravan, è una miscela di tè neri che rievoca i tempi passati, quando il tè veniva trasportato dalla Cina alla Russia a bordo di carovane, seguendo una rotta lunga 11 mila miglia e oltre 16 mesi necessari per percorrerla.
Esistono diverse varianti in commercio di questa gradevole miscela; quella scelta da noi è a base di Keemun cinese, Darjeeling e Assam indiani.
Al gusto vivace di moscatello e alle dolci note maltate dei tè indiani, si uniscono in modo equilibrato le delicate e piacevoli note affumicate del Keemun cinese.

Per la preparazione:
2-3 g/150 ml
90°
3’ infusione

blinis con mousse di formaggio, tè e salmone


Print Recipe
Blinis con mousse di formaggio, tè e salmone
Questi blinis con farina di ceci, abbinati ad una mousse di formaggio e tè con del salmone, sono golosi, saporiti e perfetti per uno spuntino con amici, un brunch o per accompagnare un aperitivo!
Blinis con mousse di formaggio, tè e salmone
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 1 ora
Porzioni
blinis piccoli- 4 un pochino più grandi
Ingredienti
Per i blinis
Per la mousse
Per finire
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 1 ora
Porzioni
blinis piccoli- 4 un pochino più grandi
Ingredienti
Per i blinis
Per la mousse
Per finire
Blinis con mousse di formaggio, tè e salmone
Istruzioni
  1. Preparare i blinis versando in una ciotola la farina di ceci, aggiungendo l'acqua ed amalgamando bene con una frusta per evitare grumi: si dovrà ottenere una morbida pastella, che andrà coperta con un foglio di pellicola alimentare e lasciata riposare per circa un'ora - un'ora e mezza.
  2. Una volta trascorso questo tempo, unire il sale ed il bicarbonato, sempre amalgamando bene. Ungere leggermente d'olio un padellino antiaderente e versare il composto con il cucchiaio, formando una piccola frittatina; quando in superficie si sarà riempita di bollicine, girarla e cuocerla dall'altro lato. Continuare così sino all'esaurimento della pastella. Lasciar intiepidire.
  3. Preparare la mousse amalgamando il formaggio morbido con una piccola frusta per renderlo bello spumoso, aggiungendo un buon pizzico di tè polverizzato al mortaio (tenerne un pochino da spolverizzare poi sui blinis alla fine). Creare con due cucchiaini delle quenelle di formaggio, che andranno adagiate su ciascun blini, finendo poi con un po' di salmone arrotolato come a formare una piccola rosa.
  4. Servire spolverizzando ogni blini con un altro pizzico di tè e, a piacere accompagnando con un'insalatina di radicchio tenero o cicorino rosso.
Condividi questa Ricetta

Blinis con mousse di formaggio, tè e salmone

Semplicissimi da fare, da comporre e da presentare…deliziosi da gustare sorseggiati insieme ad una buonissima tazza di tè, oppure anche con delle bollicine, per chi vuole stare più sul tradizionale! Ora scappo perchè in questi giorni sono particolarmente presa; sono tanto stanca, spero nel fine settimana di potermi riposare un po’…soprattutto di poter staccare con la mente, perchè quella lavora sempre troppo ahimè!
Sarò l’unica? Chissà…
Un grande abbraccio e a prestissimo!




Biscotti di frolla montata al tè Zagara

Buongiorno amici ed amiche, come state?
Spero tutto bene…io sono un po’ in crisi perchè non amo l’inverno ed il freddo di questi giorni mi sta provando parecchio.
La poca luce, le temperature bassissime, le gelate mattutine…no, non fanno per me, e mi scombussolano molto. L’unica cosa positiva è che le giornate si sono leggermente allungate e questo è abbastanza piacevole…ieri tornavo a casa ed erano le cinque, ancora il sole non era ancora sceso, e dentro di me ero felice nell’ ammirare un tramonto fatto di colori meravigliosi…arriverà la mia amata primavera, vero?! Non vedo l’ora, credetemi!
Cerco (per consolarmi un poco, quando posso), di trovare qualche momento tutto per me: amo sopra ogni cosa l’ora del tè pomeridiano (forse nella vita passata ero una nobildonna inglese?! ahahahah chi può saperlo!).
Amo godermi, sempre se posso e riesco, questo momento con tutti i riti del caso…teiera e tazze abbinate (ne ho una collezione, le adoro!), fiori sulla tavola (freschi o secchi), un buon libro per darmi l’ispirazione giusta e per trovare il giusto relax, magari una musica soft in sottofondo, e per finire un dolcetto particolare e goloso.
Questi biscotti di frolla montata al tè sono la mia coccola perfetta…non trovate anche voi?!

 

 

 

Come ogni mese, questa ricettina è stata ideata insieme a Gabriella dello Chà Tea Atelier, grande amica, esperta di tè e Tea Sommelier.
I biscotti di frolla montata, scioglievolissimi al palato e golosi all’ennesima potenza, vengono in questa ricetta resi ancora più profumati e speciali proprio grazie alla presenza di tè polverizzato nell’impasto, insieme ad un pizzico di scorza d’arancia grattugiata.
Già in passato avevo realizzato dei biscotti con il tè polverizzato all’interno: li potete trovare qui e qui, se volete creare qualche altra variante golosa 😉

Il tè utilizzato in questa ricetta è lo Zagara, profumato all’arancia, delicato ed aromatico…
Qui Gabriella ci spiegherà al meglio anche come prepararlo.

Il tè Zagara è una raffinata miscela di tè verde giapponese Sencha e di tè bianco cinese Bai Mu Dan, impreziosita con scorze e fiori d’arancio. Questo tè regala in tazza tutta la delicatezza e persistenza tipiche della Zagara, il fiore dell’arancio, e porta la primavera siciliana a casa nostra tutte le volte che lo infondiamo.

Per la preparazione si consiglia:

acqua : 85°
quantità: 2-3 grammi ogni 150 ml
tempo di infusione: 2’-3’

Per la preparazione a freddo si consiglia:
2 cucchiai ogni litro d’acqua, infusione a freddo in frigorifero per tutta la notte; al mattino filtrare.

 

 

Ringrazio Ale del blog “Dolcemente Inventando” perchè la ricetta base l’ho presa da lei…è una bravissima pasticcera ed un’amica speciale, grazie di cuore!

 

Biscotti di frolla montata al tè Zagara


Print Recipe
Biscotti di frolla montata al tè Zagara
Questi biscotti di frolla montata al tè Zagara, sono deliziosi, profumati e golosissimi, perfetti per una merenda all'ora del tè!
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 12-15 minuti
Porzioni
teglia
Ingredienti
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 12-15 minuti
Porzioni
teglia
Ingredienti
Istruzioni
  1. Accendere il forno e portarlo ad una temperatura di 180° statico. Rivestire con carta forno una leccarda. Polverizzare con un mortaio il tè Zagara ed amalgamarlo allo zucchero a velo.
  2. Lavorare a crema il burro col pizzico di sale (potete usare anche una planetaria col gancio a foglia) poi unire la scorza d'arancia grattugiata e lo zucchero a velo, sempre amalgamando. Unire il bianco d'uovo e mescolare sino a completo assorbimento; all'inizio potrà sembrare che l'impasto si smonti, ma non bisogna demordere, pian piano verrà inglobato alla perfezione.
  3. Unire alla fine la farina setacciata, sempre amalgamando, fino ad ottenere un morbido composto omogeneo. Io per formare i biscotti ho usato la sparabiscotti, ma è possibile anche usare la sac a poche con una bocchetta grande a stella o a vostro piacimento.
  4. Versare quindi l'impasto nella sparabiscotti o in una sac a poche come sopra descritto, e formare tanti biscottini direttamente sulla teglia rivestita; infornare quindi a 180° per circa 12-15 minuti, devono dorarsi appena. Molto importante controllare bene la cottura...dipende sempre dal forno, magari basta qualche minuto per rovinare la cottura, quindi teneteli d'occhio!
  5. Una volta cotti, spegnere il forno, farli raffreddare un poco, poi adagiarli su una gratella per completare il raffreddamento.
Recipe Notes

Si conservano in una scatola o in un vaso ermetico ben chiuso, lontano dall'umidità per una settimana, anche qualche giorno in più!
Grazie ad Alessandra per la ricetta originale, dalla quale ho preso spunto

Condividi questa Ricetta

 

Volevo anche parlarvi di questo delizioso libro in lingua inglese che mi ha accompagnata in questa merenda: si intitola “Making Winter”, l’autrice è Emma Mitchell ed è, come lei lo definisce, una piccola guida per sopravvivere ai mesi freddi dell’Inverno.
E’ bellissimo anche solo da sfogliare per le meravigliose foto e per i progetti al suo interno…infatti è possibile realizzare tanti piccoli lavoretti all’uncinetto, piccoli gioiellini fatti a mano, disegni, erbari, ricette comfort food.
Avevo visto questo libro da Paola e, me ne sono immediatamente innamorata…pensate che uno dei progetti è una simpatica mangiatoia per gli uccellini selvatici che rimangono senza cibo durante i mesi freddi, so che lei insieme ai suoi bimbi l’ha realizzata!
Io invece ho adocchiato una meravigliosa sciarpa che ho intenzione di uncinettare sicuramente, inoltre mi è venuta una voglia matta di riprendere in mano gli acquerelli per colorare foglie, fiori e bacche multicolori; o anche imparare a costruire una piccola ghirlanda per decorare la porta di casa…sfogliatelo anche voi e ve ne innamorerete (peccato solo per la lingua inglese, che io non mastico al meglio!).

 

 

Quindi che state aspettando?
Preparate il bollitore, apparecchiate la tavola, mettetevi comode e…mi raccomando godetevi al meglio questa merenda incantevole!
Io vi aspetto sempre qui; nel prossimo post volevo parlarvi delle mie ultime letture, per raccontarvi ciò che mi ha particolarmente colpito positivamente e che mi ha appassionato: è da un po’ che non lo faccio, e nel frattempo ho letto parecchio, quindi….

Alla prossima!

 




Rotolo al tè con crema di yogurt e ribes

Eccoci giunti all’antivigilia di Natale…siete pronti?
Con i regali e tutta la preparazione dei vari menù e buffet con parenti ed amici?
Io ancora ho un po’ di cose da sbrigare, ma sono direi a buon punto…per chi invece non è ancora pronto o è indeciso su cosa fare magari come dolce in questa giornata festiva, beh, ecco un’idea bella e golosa, un dolce al cucchiaio che si mangia prima con gli occhi!
Per l’appuntamento mensile con la rubrica “In cucina con il tè” ecco quindi il mio rotolo al tè con crema di yogurt e ribes, delicato e goloso, bello e scenografico oltre che buonissimo!
Son certa che portandolo in tavola lascerete i vostri ospiti stupiti ed affascinati dalla sua bellezza…ma anche dalla sua bontà, essendo davvero squisito.
Da quando Gabriella dello Chà Tea Atelier mi ha fatto scoprire questo favoloso tè Matcha Hojicha, comunemente chiamato Roasted Matcha, l’ho impiegato in diversi dolci golosi (come ad esempio questo ciambellone che è stato felicemente terminato inzuppandolo nel latte a colazione).
Questa volta l’ho messo nell’impasto del rotolo per creare un bellissimo contrasto con la crema dolce al suo interno, e poi ho voluto decorare il dolce finito con una cascata di ribes rossi e scintillanti, che oltre a renderlo ancora più goloso l’hanno vestito a festa, rendendolo più Natalizio che mai!
Può sembrare complesso da fare, ma credetemi non è così: è facilissimo e, se c’è riuscita una pasticciona come me, può farcela chiunque.

 

rotolo al tè con crema di yogurt e ribes

 

Passo la parola come sempre a Gabriella che vi parlerà di questo specialissimo tè che ho utilizzato, il tè Matcha Hojicha o Roasted Matcha.

 

tè roasted matcha

 

Il Matcha Hojicha (o Roasted Matcha) è una polvere di tè verde giapponese finemente macinata come il Matcha, ma a differenza di quest’ultimo che resta di un colore verde intenso, viene tostata e ha un colore marrone cioccolato.
Ha un profumo intenso ed è molto versatile nell’uso in cucina.
Il Matcha Hojicha può diventare un cappuccino dalle note di nocciola molto avvolgenti o può essere utilizzato negli impasti sia dolci che salati.
Si prepara per discioglimento e non per infusione.
Versate la polvere in una ciotola; aggiungete acqua a circa 80° e quindi mescolate energicamente con il chasen, il tradizionale frustino in bambù.

 

rotolo al tè con crema di yogurt e ribes

 

Print Recipe
Rotolo al tè con crema di yogurt e ribes
Il rotolo al tè con crema di yogurt e ribes è un dolce scenografico ma semplicissimo da fare, perfetto per la tavola delle feste e che vi stupirà!
rotolo al tè con crema di yogurt e ribes
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 12 minuti
Porzioni
porzioni
Ingredienti
Per il rotolo
Per il ripieno e la decorazione
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 12 minuti
Porzioni
porzioni
Ingredienti
Per il rotolo
Per il ripieno e la decorazione
rotolo al tè con crema di yogurt e ribes
Istruzioni
  1. Accendere il forno e portarlo ad una temperatura di 200° statico. Preparare la pasta biscotto: con delle fruste elettriche o nella planetaria con la frusta a filo, montare le uova con lo zucchero, sino a farle diventare spumosissime. Unire la farina pian piano setacciata con il lievito e il tè Roasted Matcha, sempre con la frusta in azione: dovrete ottenere un composto spumoso e morbidissimo.
  2. Rivestire una teglia di circa 30x 40 (ma anche leggermente più piccola va bene) con carta forno e versare l'impasto livellandolo ben bene; infornare per circa dieci-dodici minuti, poi spegnere. Sfornare, rovesciare la teglia su un panno umido e staccare delicatamente la carta forno; arrotolare il pan di spagna insieme al panno e far raffreddare.
  3. Lavare, asciugare con tanta delicatezza i rametti di ribes; tenerne alcuni interi per decorare il rotolo alla fine, e per gli altri, separare le bacche e metterle da parte. In una ciotola amalgamare lo yogurt col formaggio spalmabile, la vaniglia, lo zucchero a velo ottenendo una morbida crema.
  4. Srotolare la base di pasta biscotto ormai raffreddata e spalmare con la crema allo yogurt tutta la superficie, poi allo stesso modo cospargere con le bacche di ribes tenute da parte.
  5. Ri-arrotolare quindi la pasta biscotto farcita aiutandosi con il panno, poi avvolgere il rotolone ottenuto con carta forno o pellicola alimentare ben stretta, e fare riposare un'oretta in frigo. Prima di servire, togliere il rotolo dalla pellicola, adagiarlo su un bel piatto da portata, spolverizzarlo con zucchero a velo in quantità a piacere, e guarnire con i rametti di ribes e qualche zuccherino natalizio.
Recipe Notes

Se vi dovesse avanzare, conservate tranquillamente il vostro rotolo farcito in frigo per alcuni giorni, tenendolo in un contenitore ermetico ben chiuso.

Condividi questa Ricetta

 

 

rotolo al tè con crema di yogurt e ribes

 

Che ne dite, non è bellissimo?
Non vi viene voglia di rubarne una fetta dal monitor 😉 ???
Vi consiglio di provarlo, vi piacerà sicuraente….Gabriella vi aspetta come sempre nel suo Atelier per mostrarvi il tè che abbiamo utilizzato per la realizzazione, ma anche tantissime altre squisitissime e profumate varietà e miscele.
Ora vi saluto, ci rivediamo dopo Natale e colgo l’occasione per farvi il mio personale e sincero augurio…che possiate trascorrere un Natale sereno, in pace con chi amate, sperando soprattutto che possiate ricevere il regalo più bello (sia spirituale che materiale) che desiderate.
Io in cuor mio come sempre innanzitutto chiedo la salute e la serenità per me e la mia famiglia…se poi arriverà anche qualche bel regalino materiale, beh…non lo butto certo via, eh… ahahaha!

 

Il Natale è una sera di dicembre,
il silenzio che dilaga per le strade,
una fiamma custodita tra le nostre mani,
un fiume solitario che torna alla sua sorgente.
la gioia di donare qualcosa e la gioia di ricevere.
(Fabrizio Caramagna)

 

Un abbraccio e auguri davvero sinceri a tutti voi, che ogni giorno mi fate il regalo più bello e cioè quello di seguirmi con affetto!

Ancora Buon Natale




Tagliatelle alla crema di tè e nocciole

In questi giorni il tempo è grigio e triste; il sole non c’è, si ha voglia di stare in casa e di coccolarci quando si può e con quello che si ha a disposizione…un libro, una coperta calda e soffice, una tazza di buon tè o caffè bollente, un buon bagno caldo con sali profumati o essenze, della musica a piacere, un film alla tv…
Anche un buon piatto caldo lo trovo perfetto per coccolarmi quando ne ho bisogno…ma soprattutto quando mi sento un po’ spenta, mi piace mettere le mani in pasta, in tutti i sensi.
Vado in cucina e mi metto a cuocere qualcosa; ultimamente ho riscoperto il piacere di fare la pasta, impastarla e realizzarla con le mie mani, e mi vengono in mente tanti bei ricordi di quando ero piccina, quando insieme alla mamma facevamo spesso i ravioli, soprattutto per le feste.
Amavo girare la manovella della mitica Imperia per fare prima la sfoglia e poi riempire la base dei ravioli col ripieno (che inevitabilmente spesso finiva anche in bocca, gnammm); mamma usava uno stampo chiamato “Raviolamp” che io amavo e che, sinceramente, credo sia ancora esistente e comunque assolutamente ancora presente nella sua dispensa, nonostante gli anni, ahahahah!
Qualche giorno fa quindi, mentre fuori piovigginava, con un po’ di semola ed acqua, mentre ascoltavo della musica in sottofondo, ho realizzato queste tagliatelle che poi ho pensato di condire in un modo speciale.
Insieme a Gabriella dello Chà Tea Atelier infatti, per l’appuntamento mensile della nostra amata rubrica “In cucina con il tè”, pensavamo ad un primo piatto…realizzare qualcosa con il tè che non sia un dolce è sempre impresa un po’ ardua, ma a me è venuta un’idea e quindi l’ho voluta mettere in pratica.

 

Tagliatelle alla crema di tè e nocciole

 

Nei miei millemila libri di cucina che conservo stipati ovunque (mea culpa), ricordavo un librino di Food Editore dove avevo visto una pasta mantecata con una crema profumata al tè; detto fatto, ho provato, e, devo dire che il risultato è stato davvero speciale: ecco le mie tagliatelle alla crema di tè e nocciole.
Ho ottenuto un primo piatto dal gusto delicato e molto particolare, con un profumo un po’ tostato e leggermente erbaceo; combinato con la nocciola, devo dire che è davvero perfetto.
Il tè che ho utilizzato è il Genmaicha con Matcha: ora lascio la parola a Gabriella che vi spiegherà meglio di cosa stiamo parlando.

 

 

tagliatelle alla crema di tè e nocciole

 
 

In questa ricetta abbiamo deciso di utilizzare il tè Genmaicha con Matcha; una combinazione molto gustosa, realizzata con Sencha Primaverile di alta qualità, Matcha Cerimoniale proveniente da Nishio, Aichi,  riso tostato e popcorn.
Una delizia per il palato e per l’organismo grazie ai ricchi antiossidanti e aminoacidi.
In tazza presenta un colore verde intenso. Il sapore dolce e delicato del Matcha si combina, in perfetto equilibrio, con le note erbacee del Sencha e la tostatura del riso.
Regala un retrogusto persistente di nocciole tostate. Da provare!

Preparazione occidentale
2 g per 150 ml – 2’ – 75°

Preparazione orientale
4-5 g per 150 ml – 50’’ – 75°.
Ripetere l’infusione 3-4 volte.

 
 
Tagliatelle alla crema di tè e nocciole
 
Print Recipe
Tagliatelle alla crema di tè e nocciole
Queste tagliatelle alla crema di tè e nocciole sono perfette per un pranzo in famiglia...dal gusto delicato ed anche un po' tostato, vi sorprenderanno!
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Porzioni
porzioni
Ingredienti
Per le tagliatelle
Per il condimento
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Porzioni
porzioni
Ingredienti
Per le tagliatelle
Per il condimento
Istruzioni
  1. Per prima cosa preparare le tagliatelle: in una ciotola mettere la semola e versare pian piano l'acqua leggermente intiepidita; iniziare ad amalgamare prima con una forchetta, poi con le mani ottenendo un impasto sodo e malleabile. Disporlo su un piano di lavoro ed impastare con vigore per alcuni minuti.
  2. Con la macchinetta per la pasta tirare delle sfoglie e poi realizzare delle tagliatelle, che andranno posate su un piano di lavoro leggermente cosparso con un po' di semola, e successivamente coperte con un panno da cucina. Sgusciare e tostare le nocciole, pestandone qualcuna grossolanamente al mortaio e metterne da parte circa 4 cucchiai.
  3. Preparare 300 ml di tè utilizzando la miscela di Genmaicha con Matcha, utilizzando 5 g di tè, con acqua a 75° lasciando in infusione 3 minuti circa prima di filtrare. Versare il tè in una padella antiaderente ben capiente. Cuocere le tagliatelle in abbondante acqua salata tenendole ben al dente, poi scolarle ben bene e versarle nella padella con il tè.
  4. Finire di cuocere la pasta nel tè, facendolo restringere un pochetto, poi aggiungere un pizzico di sale e il formaggio spalmabile, creando una morbida emulsione cremosa ed avvolgente sulla pasta. Mantecare bene aggiungendo una noce di burro, poi impiattare e spolverizzare ogni piatto con abbondanti nocciole tostate e un pizzico di tè Matcha, servendo caldissime.
Condividi questa Ricetta
 
 
Tagliatelle alla crema di nocciole e tè
 
 
 
Che ne dite, non è un piatto speciale?
Se non volete fare voi le tagliatelle, nulla vi vieta di utilizzarne di già pronte…le mie sono a base di semola ed acqua, senza uova, però usare la fantasia in cucina è sempre bello, quindi sperimentate e poi ditemi!
Io intanto vi saluto, un’altra settimana è praticamente volata (ma solo a me sembra che il tempo voli senza che me ne renda conto?! Ditemi che non sono la sola, vi prego…) e un’altro week end è alle porte; ci stiamo avvicinando sempre di più al mese di dicembre e all’arrivo dell’inverno (che proprio non riesco a farmi piacere!) , me ne devo fare una ragione ahimè…
Vi mando un abbraccio e passate delle belle giornate di relax se potete, facendo ciò che vi piace e godendovi la famiglia e tutto quello che di bello sta intorno a voi!
Alla prossima
 



Quadrotti soffici al tè chai glassati al caffè

Buondì amici ed amiche e felice lunedì!
Sapete quanto ami il tè…. lo adoro, e adoro tutto il suo mondo fatto di teiere, tazze, rituali, atmosfera hygge, insomma non voglio dilungarmi oltre ma chi mi segue da un po’ ha già capito tutto…
…e sempre chi mi segue e mi conosce, sa che amo il caffè, ma che, per ragioni di salute non posso berlo come vorrei, anche se rimango ogni volta estasiata dal suo profumo ed aroma, e comunque mi piace impiegarlo in dolci e dolcetti.
Sino a qualche tempo fa pensavo che tè e caffè non potessero in nessun modo legarsi fra loro, invece mi son dovuta ricredere quando ho deciso di sperimentare questi deliziosi e simpatici dolcetti, questi quadrotti soffici al tè chai glassati al caffè…una delizia.
Perfetti per il caffè fra amiche e anche per un tea time in compagnia, (ma perchè no, anche da tuffare nel latte a colazione!) son dei dolcetti soffici, adattissimi all’inzuppo, golosi e piccini quanto basta per soddisfare quella improvvisa voglia di dolcetto sfizioso!
Il tè chai ha piacevolmente aromatizzato in maniera speziata e delicata l’impasto della base; per la glassatura, il caffè e un pizzico di cardamomo polverizzati han fatto il resto.
Ovviamente questa ideuzza è venuta a me insieme a Gabriella dello Chà Tea Atelier…abbiamo pensato quindi di inserirlo nella rubrica “In cucina con il tè”, rubrica mensile che a voi piace sempre un sacco e che a noi diverte tantissimo creare volta dopo volta, cercando sempre sfiziosi abbinamenti per mettere un pizzico di tè in cucina dove possibile 😉
Tornando però ai nostri quadrotti, ho capito che: conciliare tè e caffè, può sembrare impossibile ma non lo è affatto, e adesso ne ho la certezza.

 

quadrotti soffici al tè chai glassati al caffè

 

….passo quindi come sempre la parola a Gabriella che vi racconterà qualcosina in più sul tè che ho impiegato ( e che adoro, ndr)

 

 

chai tea

 

Ispirato alla tradizionale ricetta indiana, il Chai è un tè nero miscelato a spezie, che porta alla mente i colori e i profumi dell’India in tutte le sue sfumature.
Ne esistono infinite varianti, questa è quella selezionata da Chà Tea Atelier: tè nero Assam, cannella, zenzero, chiodi di garofano, cardamomo, finocchio, anice.
Come tutti i Chai indiani si presta anche ad essere assaporato con zucchero o miele e un’aggiunta di latte.

Per la preparazione del tè caldo si consiglia:
2-3 grammi ogni 150 ml di acqua
acqua a 90-95°
3-5 minuti d’infusione

 

quadrotti soffici al tè chai glassati al caffè

 

Print Recipe
Quadrotti soffici al tè chai glassati al caffè
Questi quadrotti soffici al tè chai glassati al caffè, sono dei dolcetti perfetti per un coffee break, ma anche per un tea time con amici!
quadrotti soffici al chai glassati al caffè
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 25-30 minuti
Tempo Passivo 20 minuti
Porzioni
quadrotti
Ingredienti
Per la torta
Per la glassatura
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 25-30 minuti
Tempo Passivo 20 minuti
Porzioni
quadrotti
Ingredienti
Per la torta
Per la glassatura
quadrotti soffici al chai glassati al caffè
Istruzioni
  1. Scaldate il latte in un pentolino senza farlo bollire, spegnete la fiamma ed aggiungete il tè chai, lasciandolo in infusione per una decina di minuti circa. Filtrate, eliminate il tè e mettete da parte altri dieci minuti (il latte deve raggiungere la temperatura ambiente).
  2. In una ciotola sbattete le uova con lo zucchero, rendendole belle spumose, aggiungete pian piano sempre sbattendo il latte e l'olio, poi unite la farina setacciata con il lievito e il pizzico di sale, ottenendo un morbido composto. Ungete d'olio e poi infarinate leggermente una teglia rettangolare della misura di circa 25x30 e versateci il tutto, livellandolo bene.
  3. Cuocete in forno pre-riscaldato a 180° per 25-30 minuti: deve dorarsi bene, effettuate per sicurezza sempre la prova dello stuzzicadenti (se punzecchiando il dolce al centro, ne esce asciutto, è pronto...altrimenti aumentate di qualche minuto la cottura). Sfornate e lasciate raffreddare su una gratella.
  4. Tagliate a quadrotti della misura che preferite; poi preparate la glassa. In una ciotola mettete lo zucchero a velo insieme al cardamomo, poi unite il caffè una goccia per volta, sempre mescolando, sino ad ottenere la giusta consistenza...ne occorreranno circa 2 cucchiaini scarsi.
  5. Una volta ottenuta la glassa, versatela sui quadrotti, creando dei disegni a zig zag o geometrici a piacere; lasciate indurire il tutto a temperatura ambiente, poi servite.
Recipe Notes

E' possibile conservare i dolcetti per alcuni giorni in una scatola ermetica ben chiusa, in luogo fresco ma non umido.

Condividi questa Ricetta

 

 

quadrotti soffici al tè chai glassati al caffè

 

Il cardamomo è una spezia deliziosa, a molti può piacere o non piacere; io personalmente, a piccole dosi la trovo perfetta soprattutto nei dolci, anche a base di frutta o frutta secca, un pochino speziati; nei curry insieme a curcuma e zenzero….pensate che combatte anche l’alito cattivo, vi basterà masticare l’intera bacca, con all’interno i semi, almeno 4 volte al giorno per eliminare il problema 😉
Non sapevo che nella cucina araba venisse usato per aromatizzare il caffè…quindi questo accostamente è davvero ottimo e son certa, piacerà anche a voi!

Ora vi saluto e scappo a fare un po’ di cosette; come sempre mi trovo in mille faccende affacendata, ma mi piace così…senza far nulla proprio non sarei capace di stare eheheh, e chi mi conosce lo sa bene.
Buon inizio di settimana, io staccherò qualche giorno per poi ripartire più grintosa che mai!
A prestissimo

 




Panna cotta al cocco e tè matcha con frutti rossi

Anche se in ritardo mostruoso, (sorry!) arrivo per il rotto della cuffia a pubblicare il mio post relativo alla rubrica “In cucina con il tè” di settembre (anche se siamo al primo di ottobre, ehm…)
…è stato per me, questo appena trascorso, un mese bello sotto certi aspetti, ma anche faticosissimo per altri, presa a dover sbrigare una marea di incombenze, non tutte facili e piacevoli, ecco.
Comunque sia, il grosso è stato fatto, ora sto riprendendo pian piano i miei ritmi giornalieri, finalmente con un po’ più di calma e serenità.
Certo, la vita non è mai rose e fiori per nessuno, quindi mi aspetto comunque di dovermi rimettere a correre fra non molto ahahahahah…ma si, correre fa anche bene dopotutto (prendiamola così).
Uhm, non tocchiamo il tasto fitness…dovrei così farne di chilometri per smaltire i miei chili di troppo, ma dai, ci pensiamo un’altra volta; adesso guardiamo questa ricettina così golosa e particolare…son certa che anche voi come me capitolerete, ehehehe 😉
Vi presento, insieme a Gabriella dello Chà Tea Atelier che ogni mese mi accompagna in questa troppo divertente avventura, una panna cotta al cocco e tè matcha, decorata con ribes rossi ed una spruzzata di cacao…un dessert al cucchiaio semplice da fare e che fa la sua bella figura portato in tavola con amici!
E se ve la devo dire tutta non è neppure super calorico…ho usato una panna al cocco vegetale (acquistata in un negozio Bio) che ha svolto bene il suo lavoro e che mi ha regalato un dolcetto delicato e delizioso…ammetto che il sapore del cocco si sente solo in maniera molto lieve, quindi è adatta anche a coloro che non lo amano pazzamente, come mio marito, che ha comunque gradito.

 

Panna cotta al cocco e tè matcha con frutti rossi

 

Passo come sempre la parola a Gabriella che vi darà qualche info sul tè Matcha che ho utilizzato.

Il Matcha è ormai un famosissimo tè verde giapponese, lavorato in polvere finissima, molto utilizzato in pasticceria e in cucina da chef di tutto il mondo; si abbina particolarmente bene al cioccolato bianco, a creme a base di mascarpone e uova e a formaggi cremosi.

Da secoli è poi protagonista nella Cha No Yu, l’affascinante cerimonia del tè nipponica.

Una tazza di tè Matcha, disciolto in acqua utilizzando il tradizionale frustino in bambù (il chasen), contiene una maggiore quantità di composti fenolici antiossidanti, rispetto ad una tazza di tè preparata per infusione: un vero alleato della salute.

Per la preparazione si consiglia:

acqua: 70° – 80° C

quantità: 1 grammo ogni 150 ml

Il Matcha è l’unico tè che si prepara per discioglimento e non per infusione.
Versate la polvere in una ciotola.
Aggiungete acqua alla giusta temperatura e quindi mescolate energicamente con il tradizionale frustino in bambù (il chasen) fino ad ottenere una schiuma in superficie, la famosa “spuma di giada”.

 

 

Panna cotta al cocco e tè matcha con frutti rossi

 

Print Recipe
Panna cotta al cocco e tè Matcha con frutti rossi
Una panna cotta morbida e golosa, dal gusto delicato e particolare; buona e bella, che si mangia prima con gli occhi!
Panna cotta al cocco e tè matcha con frutti rossi
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 8 ore - raffreddamento
Porzioni
bicchierini monoporzione
Ingredienti
Per la panna cotta di base
Per la panna cotta al tè Matcha
Per decorare
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 8 ore - raffreddamento
Porzioni
bicchierini monoporzione
Ingredienti
Per la panna cotta di base
Per la panna cotta al tè Matcha
Per decorare
Panna cotta al cocco e tè matcha con frutti rossi
Istruzioni
  1. Per prima cosa preparare la panna cotta al cocco. Mettere a bagno la colla di pesce in acqua fredda, per ammollarla, circa una decina di minuti. Scaldare appena il latte vegetale, poi metterci dentro la gelatina ben strizzata e sciogliere bene.
  2. In un pentolino antiaderente, scaldare la panna con lo zucchero mescolando con una frusta, portarla ad ebollizione poi togliere dal fuoco ed unire il latte con la gelatina. Mettere i vasetti o bicchierini di vetro trasparente in posizione inclinata (sotto vi lascio l'idea che ho copiato per tenerli fermi!) in modo che quando poi si solidificherà rimarrà inclinata per un bell'effetto visivo!
  3. Versare la panna fino ad arrivare all'orlo, mettere il vasetto in frigo e lasciar solidificare per almeno quattro ore abbondanti. Successivamente preparare la panna cotta al tè matcha con lo stesso procedimento usato per quella al cocco, unendo però, stemperandola bene, la polvere di Matcha al latte di cocco tiepido prima di aggiungere la gelatina strizzata.
  4. Togliere i bicchierini dal frigo e raddrizzarli (nel frattempo la panna si dovrebbe essere solidificata). Versare la panna verde col tè matcha appena tiepida sopra a quella bianca fino a riempire il bicchierino, in modo da ottenere in bell'effetto cromatico di due colori in diagonale! Rimettere in frigo per altre tre- quattro ore a solidificare.
  5. Una volta rassodata anche la panna al tè matcha, decorare i bicchierini con una lieve spolverizzata di cacao amaro e con abbondanti frutti rossi a piacere prima di servire.
Recipe Notes

L'idea di come tenere inclinati i miei bicchierini l'ho presa da lei: guardate qui!

Se vi avanza qualche bicchierino, tenetelo in frigo senza decorarlo...si conserva ben coperto di pellicola alimentare anche un paio di giorni.
Decoratelo solo al momento di portare in tavola!

 

Condividi questa Ricetta

 

 

panna cotta al cocco e tè matcha con frutti rossi

 

Beh, io la trovo assolutamente deliziosa…
Delicata, cremosa, cromaticamente piacevole e bella da portare in tavola.
Un’altra dimostrazione che con il tè si possono realizzare piatti favolosi, dalle mille sfaccettature e creare abbinamenti insoliti ed originali.
Non ci credete?
Cliccate qui, nell’archivio della mia rubrica “In cucina con il tè”, tenuta in tutti questi anni insieme a Gabriella…ne leggerete delle belle…e buone!
…primi, secondi, dolci, antipasti, confetture e stuzzichini…col tè si può davvero fare ogni cosa.

Un abbraccio amiche ed amici, buon inizio di settimana e a presto con altre nuove e simpatiche idee!




Mini cheesecakes con coulis ai lamponi e tè “A spasso nel bosco”

In questi giorni amici ed amiche, mentre voi leggete questo post, io mi trovo in vacanza al mare…non potete immaginare quanto bisogno avevo di staccare un po’ la spina, dopo una serie di cose successe durante l’anno che mi avevano provata sotto tanti punti di vista.
In queste giornate cerco davvero di estraniarmi dalla routine cercando di vivere alla giornata e di prendermi il più possibile le dovute distanze un po’ dai doveri e dagli orari da rispettare.
Dormo, leggo, penso, ozio…questo per me è il concetto di vacanza.
I tempi dei viaggi avventurosi, in cerca di mille stancanti emozioni, sono passati ahimè…starò diventando vecchia forse, chi lo sa…sta di fatto che quello che voglio è stare con la mia famiglia e godermi il più possibile la loro presenza nella bellezza del luogo in cui mi trovo, senza cercare altro.
Datemi un libro, un ombrellone in riva al mare, un luogo dove schiacciare un pisolino…ed ecco che farete di me la persona più felice della terra.
…Se poi ci vogliamo aggiungere anche un dolcetto- coccola, beh…siamo a posto, eheheh…
Sì, oggi, per l’appuntamento mensile della amatissima rubrica “In cucina con il tè”, in compagnia di Chà Tea Atelier e di Gabriella Lombardi, parliamo di dolce!
Vi offriamo dei dolcissimi e golosi bicchierini di mini cheesecakes con coulis di lamponi e tè “A spasso nel bosco”…un nome che è tutto un programma, vero?
Un tè buonissimo, delizioso, da gustare sia caldo che fresco, e, come avete potuto vedere, perfetto anche da impiegare in qualche dolcino golosissimo!

 

mini cheesecakes con coulis ai lamponi e tè "A spasso nel bosco"

 

Ormai lo sapete, tutto ciò che è servito in monoporzione mi fa impazzire!
…la bellezza e la golosità di questi bei bicchierini non si può spiegare…provateli anche voi e mi darete ragione.
Passo a Gabriella la parola per spiegare qualcosa in merito a questo buonissimo tè, che, col suo nome, evoca passeggiate nei boschi di montagna alla ricerca di profumatissimi frutti di bosco…un tè che ha in sè i profumi e i colori delle bacche spontanee dei boschi in tarda estate, che mi ricordano le passeggiate che facevo con la nonna da bambina, quando raccoglievamo cestini di more per farne la macedonia…ah, che bei tempi!

 

 

tè A spasso nel bosco

 

Tè “A spasso nel bosco”
Chiudete gli occhi e lasciatevi trasportare dalle note aromatiche di questa miscela di tè verde Sencha, rosa canina, menta piperita, lamponi, fiori di girasole e malva.
Vi troverete immersi in una natura incontaminata, dai profumi unici che si respirano passeggiando nei boschi. La fragranza dei lamponi, rossi e succosi, è una poesia che coinvolge tutti i sensi che, durante la loro raccolta, si spande nell’aria come un dono prezioso offerto dal bosco.

Per la preparazione:

3 grammi ogni 150 ml

acqua 75°- 80° C

3 minuti d’infusione

 

 

mini cheesecakes con coulis ai lamponi e tè "A spasso nel bosco"

 

Print Recipe
Mini cheesecakes con coulis ai lamponi e tè "A spasso nel bosco"
Questi bicchierini sono golosi e profumati, una perfetta coccola che vi stupirà!
mini cheesecakes con coulis ai lamponi e tè "A spasso nel bosco"
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 2 ore - raffreddamento
Porzioni
bicchierini monoporzione
Ingredienti
Per la base
Per la crema
Per la coulis
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 2 ore - raffreddamento
Porzioni
bicchierini monoporzione
Ingredienti
Per la base
Per la crema
Per la coulis
mini cheesecakes con coulis ai lamponi e tè "A spasso nel bosco"
Istruzioni
  1. Preparare il tè, filtrare e far intiepidire, mettendone da parte 120 ml. Adagiare il foglio di gelatina a bagno in una ciotola con acqua fredda. In un piccolo robot da cucina polverizzare i biscotti; versarli in una ciotola, aggiungere lo zucchero e la vaniglia, poi il burro fuso e mescolare. Distribuire il composto ottenuto sul fondo di 4 bicchierini (o tazzine, o barattolini...) livellando bene col dorso di un cucchiaio. Mettere in frigo mentre vengon preparate la crema e la coulis.
  2. In un pentolino scaldare il tè con lo zucchero e aggiungere i lamponi; portare ad ebollizione, poi abbassare la fiamma e far restringere per una decina di minuti, sempre mescolando, a fiamma bassissima.
  3. Mentre i lamponi cuociono pian piano, preparare la crema per le mini cheesecake; in una ciotola amalgamare zucchero a velo, formaggio spalmabile, yogurt e vaniglia, creando una soffice cremina. Distribuire la cremina facendo uno strato uniforme sopra le basi di biscotto in ogni bicchierino, livellandola anch'essa ben bene con un cucchiaio; mettere di nuovo i bicchierini in frigo.
  4. Una volta cotti i lamponi, spegnere la fiamma, passare il tutto con un colino a maglie fini per trattenere i semini; nella coulis ottenuta unire il foglio di gelatina ben ammollata e strizzata. Lasciar intiepidire e poi versare distribuendo ben bene in ogni bicchierino, creando uno strato ulteriore.
  5. Lasciare per alcuni minuti a temperatura ambiente, poi mettere in frigo a rassodare per circa un'oretta, meglio due. Servire decorando con qualche lampone fresco e foglioline di menta o melissa.
Condividi questa Ricetta

 

 

mini cheesecakes con coulis ai lamppni e tè "A spasso nel bosco"

 

Che dire amici ed amiche?
Come sempre la Simo realizza cosine semplici e alla portata di tutti…nulla di complicato, ma carino da portare in tavola e piacevole per gli occhi, oltre che per il palato.
Con davvero pochi ingredienti e in pochi minuti, avrete realizzato una bontà tutta da assaporare e da amare!
Vi dò un consiglio….realizzatene in quantità e poi tenete i vostri bicchierini in frigo, ben coperti con pellicola….si conservano qualche giorno (se vorrete sarebbe bello anche prepararli in vasetti di vetro con tappo a vite, così da averli freschi e pronti al momento!) e quando avrete voglia di una fresca coccola golosa, voilà!
Saranno lì, sul ripiano del frigo, ad aspettarvi, eheheheh 😉
Una bella idea è anche quella di portarli in tavola in tazzine da caffè…stupirete i vostri ospiti!

Sono, questi, piccoli e semplici dettagli per rendere ancora più bello e goloso un dolcino davvero facilissimo e profumato…provate e mi direte.
Io e Gabriella vi salutiamo, dandovi appuntamento al prossimo mese con altre simpatiche e stuzzicanti idee a base di tè…che non è solo da bere, ma anche da impiegare in cucina!
Non ci credete?!
Basterà cliccare qui…vi si aprirà un modo…vi aspetto.

Buon inizio di settimana!




Risolatte profumato al tè Champagne e bon bon, con albicocche e timo

Ogni tanto dobbiamo fermarci e prenderci qualche momento per tirare il fiato e….ohmmmm…relax.
Respiriamo, respiriamo…
…cerchiamo di alleggerire la mente, di sentirci leggere e di non pensare per un attimo a tutti i problemi, le corse per fare mille cose, gli impegni ed anche le arrabbiature che ogni giorno ci mettono sotto torchio.
Il binomio dolcetto-libro, direi che è perfetto…chi di voi non si immagina in questo momento in uno scenario perfetto fatto di sole, al mare o in montagna, cullati da un fresco venticello e sdraiati su una morbida poltrona, con in mano un buon libro e un dolcetto fresco e goloso al proprio fianco?!
Ecco.. allora oggi vi propongo entrambe le cose…una simpatica lettura ed un dolcetto che l’accompagna; un dolcetto originale, profumato ed un po’ insolito, realizzato per la consueta rubrica “In cucina con il tè” scritta a quattro mani come sempre insieme a Gabriella dello Chà tea Atelier.
Questo risolatte profumato al tè Champagne e bon bon, con una deliziosa dadolata di albicocche e timo in macedonia, è davvero quello che ci vuole: servito in piccoli barattolini ermetici, vi darà la coccola giusta e perfetta per il vostro momento di relax.

 

tè champagne e bon bon

 

Champagne e bon bon: una miscela elegante e raffinata a base di tè nero indiano della regione dell’Assam, pezzi di albicocca, fiori di verbasco e aromi.
Il sapore maltato dell’Assam accompagna brillantemente la dolcezza dell’albicocca creando un effetto intrigante, che vi conquisterà al primo sorso come un calice di champagne; da assaporare sia caldo che freddo.

Per la preparazione:

3 grammi ogni 150 ml

acqua 90°- 95° C

3 minuti d’infusione

Ottimo anche da preparare in anticipo e servire ben freddo di frigo: assolutamente dissetante!

 

tè champagne e bon bon

 

Print Recipe
Risolatte profumato al tè Champagne e bon bon, con albicocche e timo
un dessert leggero, deliziosamente profumato perfetto per le giornate calde!
risolatte al tè champagne e bon bon
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 20 minuti
Tempo Passivo 1 ora in frigo
Porzioni
piccole porzioni
Ingredienti
Per il risolatte
Per la macedonia di albicocche e timo
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 20 minuti
Tempo Passivo 1 ora in frigo
Porzioni
piccole porzioni
Ingredienti
Per il risolatte
Per la macedonia di albicocche e timo
risolatte al tè champagne e bon bon
Istruzioni
  1. Per prima cosa preparare la macedonia di albicocche; lavarle bene, denocciolarle e togliere picciolo ed eventuali piccole ammaccature o segni sulla buccia; farle a piccoli dadini e metterle in una ciotola spruzzandole col succo del limone e aggiungendo lo sciroppo d'agave. Aggiungere il tè, le foglioline del timo, mescolare bene, coprire e mettere in frigo al fresco.
  2. Versare il latte di mandorla e l'acqua in un pentolino antiaderente, aggiungere lo zucchero, la vaniglia e mescolare con una frusta. Unire il tè in foglie e mettere sul fuoco, riscaldando appena: una volta ben caldo, lasciare il tè in infusione per circa una decina di minuti, poi filtrare.
  3. Rimettere tutto sul fuoco e portare a bollore; abbassare la fiamma ed unire il riso, iniziando a mescolare dolcemente con una frusta o con un cucchiaio di legno, come per un risotto; pian piano il latte si asciugherà e il riso cuocerà, mantecandosi e creando una bella cremina morbida.
  4. Una volta cotto il riso, spegnere il fuoco e versare nelle coppette individuali (nel mio caso per renderli scenografici ho usato dei piccoli barattolini ermetici!), lasciando intiepidire; una volta arrivati a temperatura ambiente, mettere in frigo per circa un'oretta. Servire con la macedonia di albicocche e timo, a piacere decorando ancora con qualche rametto di timo fresco.
Condividi questa Ricetta

 

 

risolatte al tè champagne e bon bon

 

…e se volete una lettura semplice, leggera e perfetta per la vostra vacanza, ecco il libro che vi consiglio:

“La matematica delle bionde di Federica Brunini”

 

 

Frizzante, ironica, irresistibile: scopri la Marilyn che c’è in te!

Tubino nero e ballerine: che si tratti di un evento o di una serata romantica, è questa la “divisa” che indossa Camilla Casteldiani, giornalista di gossip trentenne un po’ frustrata.
Il suo mito è Audrey Hepburn, icona di eleganza, di cui sta scrivendo la biografia.
Ma quando, invece del ritratto di Audrey che le serve per la copertina del libro, le viene recapitato quello di Marilyn Monroe, la vita di Camilla subisce un brusco e inatteso cambiamento di stile.
Soprattutto quando la bionda più bionda del pianeta inizia a parlare, a sorseggiare champagne con la mano guantata e a elargire consigli tutt’altro che richiesti.
Dapprima la giornalista si indispettisce, ma poi, mentre piange sconsolata per la fine della relazione con Cris, non può che accettare l’aiuto della diva.
E la terapia d’urto di Marilyn ha l’effetto di un vero tornado: dal guardaroba, tutto da rifare, dal trucco e dal colore dei capelli, tutti da rivedere, all’abc per diventare sexy e conquistare un uomo al primo appuntamento.
Tra un enigmatico Mr. G che appare e scompare nella sua posta elettronica e un cavaliere misterioso che la salva da una situazione a dir poco imbarazzante, Camilla dovrà imparare a tirar fuori la bionda che è in lei.

Esplosiva, intelligente, romantica, “La matematica delle bionde” è una commedia da non perdere.

Conoscete Federica?
Io ho già letto alcuni suoi romanzi, ne ho parlato qui ed anche qui
Se volete conoscerla meglio, questo è il suo sito 😉

 

 

risolatte al tè champagne e bon bon

 

Io e Gabriella vi salutiamo e vi diamo appuntamento al prossimo mese sempre con la consueta rubrica “In cucina con il tè”…nel frattempo speriamo di trovare un po’ di refrigerio, in questi giorni si soffoca di caldo ( e detto da una che ama l’estate…è tutto dire!)
Un abbraccio, alla prossima

 




Cous cous dolce con frutta secca e tè Chai

Oggi amici ed amiche, per la rubrica “In cucina con il tè” scritta a quattro mani con Gabriella dello Chà Tea Atelier, vi lascio una ricettina che mi ha particolarmente colpita e assolutamente conquistata.
Vabbè che sono di origini lombarde e col cous cous non è che ci vada a nozze, lo ammetto, ma l’idea di prepararne uno dolce, non mi aveva neppure sfiorata.
Con il tè poi…
Gabriella mi ha dato qualche idea e così (lo ammetto sempre eh?!), molto scettica, ho deciso di provare.
Beh!
Mi sono ricreduta all’istante…
Ho gustato questo cous cous dolce, sono rimasta estasiata a goderne il profumo e beh, che vi devo dire?!
Mi è piaciuto un sacco!
E vi consiglio assolutamente, come ho fatto io, di servirlo con un’abbondante pallina di gelato, alla vaniglia o a qualche gusto delicato, abbondantemente spolverizzato con cannella o spezie per dolci.
….vedrete che bontà!

 

chai tea

chà tea atelier logo

 

Il tè Chai è in assoluto uno dei miei preferiti, così speziato, aromatico e particolare…
Io lo adoro sia caldo che freddo e mi piace in qualche modo abbinarci anche dell’arancia, che trovo perfetta, e qui mi sono sbizzarrita a sperimentare.
Lascio ora la parola a Gabriella per le spiegazioni in merito a questa intrigante miscela…

Ispirato alla tradizionale ricetta indiana, il Chai è un tè nero miscelato a spezie, che porta alla mente i colori e i profumi dell’India in tutte le sue sfumature.
Ne esistono infinite varianti, questa è quella selezionata da Chà Tea Atelier: tè nero Assam, cannella, zenzero, chiodi di garofano, cardamomo, finocchio, anice.
Come tutti i Chai indiani si presta anche ad essere assaporato con zucchero o miele e un’aggiunta di latte.

Per la preparazione del tè caldo si consiglia:
2-3 grammi ogni 150 ml di acqua
acqua a 90-95°
3-5 minuti d’infusione

 

cous cous dolce con frutta secca e tè Chai

 

Print Recipe
Cous cous dolce con frutta secca e tè Chai
un dolce al cucchiaio speziato, goloso ed insolito che vi stupirà!
cous cous dolce con frutta secca e tè Chai
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 5 minuti
Tempo Passivo 1 ora
Porzioni
coppe
Ingredienti
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 5 minuti
Tempo Passivo 1 ora
Porzioni
coppe
Ingredienti
cous cous dolce con frutta secca e tè Chai
Istruzioni
  1. Preparare il tè con 150 ml di acqua naturale e 3 g di tè chai, come da istruzioni e tempo di infusione spiegati sopra da Gabriella. Tagliare a piccoli pezzettini le albicocche, i fichi e i datteri, privandoli del nocciolo interno. Ottenere dalla buccia dell'arancia con un rigalimoni, qualche piccola scorzetta a julienne.
  2. Preparare il cous cous seguendo le istruzioni sulla confezione, utilizzando 100 ml di tè Chai ben filtrato al posto dell'acqua; una volta pronto, stenderlo su una teglia da forno e sgranarlo, aggiungendo il burro, cannella e vaniglia in dose a piacere, una spruzzata di succo d'arancia e le scorzette ottenute in precedenza.
  3. Completare con il miele, la granella di mandorle e la frutta secca a pezzettini; mescolare ben bene, versare in una ciotola e lasciar insaporire per circa un'oretta in frigorifero. Distribuire il cous cous in due coppe, decorare con qualche scorzetta di arancia e servire con una o due palline di gelato al fiordilatte o alla crema spolverizzato con abbondante cannella macinata.
Recipe Notes

Al posto della cannella in polvere è possibile anche utilizzare una miscela di spezie per dolci o per fare il panpepato; è possibile anche utilizzare della granella di nocciole o di noci, o anche dei pistacchi o pinoli tostati...largo alla fantasia!

Condividi questa Ricetta

 

 

cous cous dolce con frutta secca e tè chai

 

Ora vi lascio augurandovi un sereno fine settimana, e ringraziando tutte le persone che mi hanno lasciato un commento allo scorso post, sia qui che su fb: l’ho molto apprezzato.
Ricordo che l’Atelier di Gabriella è sempre disponibile a dispensare consigli sull’acquisto di un ottimo tè…anche d’estate è fantastico consumarlo, sia freddo che caldo…se cercate idee, le potrete comunque trovare qui!

Un abbraccio




Smoothie al melone, basilico e tè “Il canto delle sirene”

Buongiorno a tutti amici ed amiche, rientro alla base, dopo qualche giorno di stacco dalla routine dove ho pensato solo a liberare la mente e il cuore, a stare all’aperto, cercando di ricaricarmi il più possibile.
Ritorno con una ricetta fresca e salutare, una ricetta realizzata per la mitica rubrica “In cucina con il tè”, come sempre scritta a quattro mani con Gabriella dello Chà tea Atelier: uno smoothie al melone basilico e tè, assolutamente squisito e goloso, sano quanto basta per depurarci con gusto e prepararci alla prova costume imminente!
Ammetto che in questi giorni non ho voglia di far nulla…una specie di pigrizia immensa si è impadronita di me, ho bisogno di energia e sicuramente un buon frullato come questo me la può assolutamente dare; ho deciso di mettermi di impegno e di prepararne a iosa anche per mia figlia che è davvero stanchissima, alla soglia del famigerato esame di maturità. La scuola la sta assorbendo alla grande , le energie iniziano a mancare, la stanchezza a farsi sentire e c’è bisogno di un pieno di vitamine, di freschezza, leggerezza e colore!
Bastano pochi attimi, credetemi, e…
…un buon frullatore (io come sempre uso questo della linea Easy Prep di Russell Hobbs!), frutta fresca e golosa, in questo caso un delicato e profumatissimo tè, qualche erba aromatica…voilà!
Pronto per voi!

 

smoothie al melone, basilico e tè

chà tea atelier logo

 

Questo tè che ho utilizzato, “Il canto delle sirene”, è davvero profumatissimo, passo la parola a Gabriella che ve ne parlerà meglio..

Come il richiamo delle sirene che incantò Ulisse così questa miscela, dalle fresche note estive, vi sedurrà irresistibilmente; un blend perfettamente bilanciato a base di tè verde Sencha, melone, mango candito, mela e fragola, che si presta sia alla preparazione a caldo che a freddo o come base per tea cocktails alcolici e analcolici.

Per la preparazione:
3 grammi ogni 150 ml
acqua 75°- 80° C
3 minuti d’infusione

 

smoothie al melone, basilico e tè

 

Come ho realizzato questo smoothie?
Semplicemente preparando 150 ml di tè la sera prima, come da spiegazione sopra di Gabriella, l’ho fatto raffreddare e l’ho versato nel contenitore del ghiaccio, creando dei cubetti.
Al momento di preparare il frullato, ho messo nel mio frullatore i cubetti di tè ghiacciato, 170 g di polpa di melone retato (o Cantalupo) senza semini, un cucchiaino di sciroppo d’acero e alcune belle foglie grandi di basilico.
Ho azionato il frullatore con piccoli impulsi ed ecco che ho ottenuto uno smoothie meraviglioso, fresco e goloso…a piacere può anche essere servito con uno spiedino di frutta fresca, di melone a palline ad esempio o anche di melone bianco o pesca…largo alla fantasia!
A piacere, se preferite, potete anche non ghiacciare il tè, ma tenerlo al fresco in frigo ed aggiungerlo così al frullato, anzichè sottoforma di cubetti 😉
Che ne dite?
Non è perfetto per rilassarvi e per ricaricarvi quando siete un po’ giù?!

 

 

Due sirene in un bicchiere

 

Se poi vi va, vi lascio anche un consiglio di lettura…sotto le fresche frasche, accompagnando un ottimo smoothie delizioso e salutare, anche un buon libro ci sta alla grande: soprattutto se è questo di Federica Brunini, una scrittrice che è anche un’amica e che ho conosciuto proprio nell’atelier di Gabriella, sorseggiando insieme un buon tè in una fredda mattina d’inverno.
Già avevo avuto modo di apprezzare il suo precedente romanzo, “Quattro tazze di tempesta” …delizioso come la gelatina che gli avevo dedicata, la cui ricetta la potete trovare qui sotto…

 

In cucina con il tè: Gelatina al tè “Quattro tazze di tempesta”

 

Ora Federica ritorna alla grande con un romanzo frizzante e brioso, che profuma di smoothies, d’estate, di mare e di vacanze…volete scoprirlo con me?!

“Al b&b delle Sirene Stanche – quattro stanze su un’isola del Mediterraneo nascoste dietro a un portone turchese, una cucina sempre in movimento e una grande terrazza sul mare – non si arriva per caso.
Non è in nessuna guida turistica né lo si prenota online o con un’agenzia di viaggio: bisogna scrivere una lettera e motivare la propria richiesta, e poi attendere che una busta azzurra con il simbolo di una sirena giunga a confermare il soggiorno.
Lo sanno bene Eva, Jonas, Olivia, Lisa e Lara, i cinque nuovi ospiti che approdano sull’isola per una vacanza detox che promette di rimettere in forma corpo e anima, e di aiutarli a trovare le risposte che cercano. Ad accoglierli ci sono Dana, trent’anni e la voglia di migliorare la vita di tutti con un po’ di yoga, meditazione e i suoi celeberrimi centrifugati bio, e Tamara, pittrice di mezza età che ama il mare, il silenzio e la solitudine del suo atelier. Insieme gestiscono la locanda offrendo sessioni di yogaterapia, arte, cucina, chiacchiere e tanto relax, lontano da cellulari e tecnologia.
Ma cosa succede quando il passato irrompe scardinando il presente? Da cosa e da chi si nasconde Tamara, tanto da non lasciare mai l’isola? E chi sono Eva, Jonas, Olivia, Lisa e Lara? Sono davvero chi dichiarano di essere o mentono, prima di tutto a se stessi?
Tra giornate di sole, avventure e una nottata drammatica che tiene tutti con il fiato sospeso, gli ospiti del b&b trasformeranno la loro vacanza in una tregua necessaria in cui riscoprire chi sono e chi vogliono diventare, perché “quello che succede è l’unica cosa che sarebbe potuta accadere” e “il momento in cui qualcosa avviene è sempre quello giusto”.”

 

smoothie al melone, basilico e tè

 

Buona giornata quindi, all’insegna dell’energia, del buonumore e della vitalità!
Anche Gabriella vi saluta: vi diamo appuntamento al prossimo mese con questa rubrica sempre tanto seguita, che permette anche a noi di scatenare la nostra fantasia e di sperimentare sempre nuove miscele profumate e meravigliose.
A presto! Un abbraccio