Labneh, formaggio cremoso magro fatto in casa

Il labneh, formaggio cremoso fatto in casa, si realizza con lo yogurt; buonissimo da gustare da solo o con spezie ed erbe fresche, ottimo in qualsiasi piatto

Voi lo conoscete il labneh?
Io ne avevo sempre sentito parlare e, mille volte, mi ero riproposta di provare a farlo….semplicissimo da realizzare e buonissimo da gustare, perfetto da utilizzare in mille preparazioni, son certa che vi piacerà un sacco!
Già in qualche post vi avevo raccontato che, ultimamente a seguito di alcuni esami del sangue fatti, è emerso che ho il colesterolo ed i trigliceridi un poco alti, quindi il mio medico mi ha messa a dieta, togliendomi tanti cibi, e fra questi anche parecchi tipi di formaggio.
Ammetto che questa è stata la rinuncia più difficoltosa per me, in quanto non sono una assidua consumatrice di carni, salumi, prodotti commerciali ricchi di grassi…sapete che faccio in casa quasi tutto; la carne la mangio sì, ma prevalentemente bianca e comunque ho notevolmente ridotto il suo consumo.
Il formaggio invece, beh…lo adoro…se volete farmi felice regalatemi una mozzarella di bufala e sarò al settimo cielo!
Ovviamente però, di fronte al responso avuto, la mia alimentazione si è rivoluzionata, soprattutto in merito a questa categoria alimentare: addio capresi, addio fettina di emmenthal ogni tanto, oppure il tocchetto di parmigiano che onora il detto lombardo che dice:” la buca l’è minga straca se la sa nò de vaca” .
Così, mi è balenata l’idea di provare a realizzare questo Labneh, formaggio cremoso magro
Mi son detta: siccome si realizza con lo yogurt, se ne acquisto uno magro, non dovrebbe crearmi dei problemi; inoltre dovrebbe comunque rimanere ricco di fermenti lattici buoni per l’intestino (il mio poi fa sempre le bizze, quindi…)
Et voilà!
Che ne dite?!
Io l’ho amato alla follia!



labneh formaggio cremoso magro fatto in casa

Ha un gusto lievemente acidulo, praticamente se vi piace lo yogurt è perfetto per voi.
Potete salarlo (io l’ho fatto!) oppure no (se poi desiderate utilizzarlo magari per qualche preparazione dolce…)
Rimane cremosissimo, una sorta di quark o similare, che, spalmato su una fetta di pane tostato con fette di pomodoro o zucchine grigliate e qualche trito di erba aromatica, beh…ma che ve lo dico a fare?! E’ super!
Provatelo, realizzarlo è anche divertente, sapete?!
Innanzitutto vi lascio anche qualche informazione circa le sue origini, cliccando qui…ma adesso vi spiego in pochissime parole come l’ho realizzato!

Innanzitutto procuratevi del buon yogurt greco magro freschissimo: io ne ho presa una confezione da 500 grammi.
Si può, come dicevo sopra, realizzare anche senza sale, ma io gliene ho aggiunto mezzo cucchiaino scarso, ed ho mescolato ben bene.
Mi sono procurata delle garze molto grandi, le mie erano circa 30 x 30, ma va bene anche del tessuto di mussola fine, in fibra assolutamente naturale; con la garza ho rivestito un colino a maglie fitte facendola sbordare per bene, e ci ho rovesciato dentro il mio yogurt salato.
Ho chiuso le estremità della garza con spago da cucina, stringendola un po’ e formando un saccottino…
Ci ho poi messo un piccolo peso sopra (nel mio caso ci ho appoggiato un piattino e sopra un’arancia 😉 ) in modo da schiacciarlo un po’, per far colare tutto il liquido all’interno, ho posato il colino sopra ad una ciotola (per poter contenere il liquido in fase di sgocciolamento) ed ho riposto in frigorifero.
Deve rimanere al fresco per 1 o 2 giorni, sino al completo sgocciolamento ed al raggiungimento della consistenza desiderata (ogni tanto se volete potete controllare e strizzare un poco il saccottino).
Una volta pronto, toglietelo dalla garza e posatelo in un contenitore ermetico: è pronto per essere utilizzato in mille modi!
Da mangiare fresco così, profumato da erbe aromatiche, olio, sale e pepe…usato come farcitura per involtini di salmone o di verdure; io l’ho anche usato per…sorpresa, lo vedrete fra qualche giorno!

Si conserva dentro ad un contenitore ben chiuso sino ad un massimo di tre o quattro giorni; e non buttate il liquido…è una sorta di latticello perfetto per realizzare pancakes, dolci, frittelle, ed anche il pane
Che ne dite non è meraviglioso?!
Vien voglia di intingerci dentro un dito, ehehehe…
Ammetto che da ora avrò qualche senso di colpa in meno quando lo mangerò…ed anche il mio organismo mi ringrazierà, ne son certa!
Buon venerdì a tutti amici ed amiche…
…e fatemi sapere se vorrete sperimentarlo anche voi!
Vi auguro un sereno fine settimana e vi mando un abbraccio.
Alla prossima!