Pavlova alla crema e frutti rossi

Adoro durante le feste (ma non solo) portare in tavola ai miei ospiti qualcosa di goloso, ma anche scenografico e bello da vedere…qualcosa che si mangi anche con gli occhi, ecco!
Se poi è facile da fare e la resa è ottima, beh…che cosa si può volere di più?!
Qua servono solo delle uova freschissime, un buon limone biologico profumato, dei frutti di bosco sodi e succosi, e poi…un buon sbattitore che renda la meringa spumosissima: ecco qui la mia pavlova alla crema e frutti di bosco, che ne dite, non è bellissima?
Magari imperfetta, quello sì…ma le cose imperfette hanno in sè qualcosa di speciale, non lo pensate anche voi?
E da una che ha un blog che si chiama Pensieri e pasticci, beh…vedete voi, ehehehe!
Tornando a queste pavlove, dunque, io ho la mia ricetta collaudata che è quella di Csaba dalla Zorza, che ho già replicato qui e qui
Stavolta ho voluto creare un ripieno differente; adoro il loro guscio croccante ma non troppo, che contiene qualcosa di avvolgente e delizioso; ho preparato quindi una crema pasticcera al limone e poi le ho irrorate con uno sciroppo di frutti di bosco.
Ne ho aggiunto qualcuno fresco insieme a foglioline di menta e…beh, il risultato lo potete vedere da voi!
Non spaventatevi dalla lunghezza della ricetta…è più facile a farsi  che a dirsi, fidatevi.

 

pavlova alla crema e frutti rossi

 

Ho utilizzato lo sbattitore nuovissimo della linea Retro di Russell Hobbs, che mi ha montato delle meringhe perfette in un attimo, soffici come una nuvola…

 

pavlova alla crema e frutti rossi

 

Print Recipe
Pavlova alla crema e frutti rossi
questa pavlova alla crema e frutti rossi è un dessert scenografico e semplicissimo da fare, che conquisterà sicuramente i vostri commensali
pavolva alla crema e frutti rossi
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 90 minuti
Porzioni
pavlove
Ingredienti
Per le pavlove (diametro 8 cm circa)
Per lo sciroppo e decorazione finale
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 90 minuti
Porzioni
pavlove
Ingredienti
Per le pavlove (diametro 8 cm circa)
Per lo sciroppo e decorazione finale
pavolva alla crema e frutti rossi
Istruzioni
  1. Preparare i gusci di pavlova alcune ore prima, meglio ancora il giorno precedente. Per prima cosa accendere il forno a 105° funzione statica e rivestire una teglia con carta da forno. In una ciotola mettere gli albumi a temperatura ambiente. In un’altra ciotola unire i due zuccheri e mescolarli insieme. Montare con le fruste elettriche gli albumi e i due terzi dei due zuccheri amalgamati insieme, per cinque-sette minuti, ottenendo una meringa ben ferma.
  2. Unire poi lo zucchero rimanente e amalgamare con una spatola in silicone, girando dal basso verso l’alto per non smontare il tutto. La meringa diventerà lucida e compatta. Versare il composto in una sac a poche usa e getta senza la bocchetta; tagliare poi la punta in modo da creare un’apertura di circa 2 cm. A questo punto spremere la sac a poche creando 4 nidi di meringa sopra la teglia con carta forno. Infornare e cuocere per 75 minuti; togliere dal forno e lasciar raffreddare. Se si preparano il giorno prima, riporle in un contenitore ermetico e tenerle in un luogo ben asciutto.
  3. Preparare la crema pasticcera; io seguo la ricetta di Benedetta, che utilizza uova intere, ma ognuno è libero di realizzare la crema con la propria ricetta di famiglia. Versare il latte in una pentola, aggiungere un pezzo della scorza di limone e lasciar riscaldare bene sul fuoco.
  4. Prendere una pentola abbastanza capiente e iniziare a romperci le uova. Unire lo zucchero e la farina. Con l'aiuto di una frusta, mescolare bene tutti gli ingredienti fino a ottenere un composto liscio e senza grumi.
  5. Quando il latte è bollente, spegnere il fuoco, togliere la scorza di limone e unirlo un po' alla volta nella pentola, continuando a mescolare con la frusta. Quando il composto è ben amalgamato mettere la pentola sul fuoco e sempre mescolando portare ad ebollizione fino a che la crema si sarà ben addensata. Coprirla con la pellicola trasparente e metterla in frigo a raffreddare.
  6. Preparare ora lo sciroppo ai frutti rossi; lavare ed asciugare i frutti di bosco contenuti nella vaschetta, metterli in una casseruolina antiaderente, tenendone da parte qualcuno per decorare le pavlove una volta pronte. Unire lo zucchero e il succo d'arancia, con un'abbondante grattugiata di scorza.
  7. Accendere la fiamma e, mescolando con una spatola o un cucchiaio di legno, portare ad ebollizione; abbassare e cuocere, sempre mescolando, facendo raddensare un po' il tutto e creando una sorta di sciroppo/composta. Una volta pronto spegnere e lasciar raffreddare.
  8. Comporre le pavlove riempiendole di crema pasticcera a cucchiaiate (o se preferite mettetela in una sac a poche con bocchetta tonda per riempirle meglio); irrorare con qualche cucchiaio di sciroppo ai frutti rossi, decorare con qualche frutto fresco e qualche fogliolina di menta prima di servire!
Condividi questa Ricetta

 

 

pavlova alla crema e frutti rossi

 

Queste belle pavlove le trovo perfette per il vostro tea time, per una merenda festiva, per un dessert del giorno di Capodanno…insomma fate voi come vi pare, io le trovo irresistibili, non lo pensate anche voi?!
Potete preparare i gusci anche qualche giorno prima e farcirli al momento…si sposano bene con panna montata, crema chantilly, crema al formaggio, crema di yogurt o creme fraiche…frutta fresca o cotta, scaglie di cioccolato, insomma largo come sempre alla vostra fantasia!

Con questa golosissima ricettina auguro a tutti voi un nuovo anno ricco di cose belle, salute, serenità e allegria…e questo è l’augurio che vi faccio, ma che per prima faccio a me stessa…di imparare anche ad essere un pizzico più egoista e pensare un poco di più a me stessa, amarmi di più!
lo dico…ma va a finire che poi non lo faccio mai.

 

Spero che in questo nuovo anno voi facciate errori.
Perché se state facendo errori, allora state facendo cose nuove, provando cose nuove, imparando, vivendo, spingendo voi stessi, cambiando voi stessi, cambiando il mondo.
State facendo cose che non avete mai fatto prima e, ancora più importante, state Facendo Qualcosa.
Questo è il mio augurio per voi e per tutti noi e il mio augurio per me stesso.
Fate Nuovi Errori. Fate gloriosi, stupefacenti errori.
Fate errori che nessuno ha fatto prima. Non congelatevi, non fermatevi, non preoccupatevi che non sia “abbastanza buono” o che non sia perfetto, qualunque cosa sia: arte o amore o lavoro o famiglia o vita.
Qualunque cosa abbiate paura di fare, Fatela.
Fate i vostri errori, il prossimo anno e per sempre.

Neil Gaiman (dal Web)

 

Buon anno a tutti voi!