Pizza in teglia con pasta madre

Buongiorno a tutti, sono tornata!
Lo ammetto, stare in vacanza mi ha fatto davvero bene, ne avevamo bisogno sia io che gli altri membri della mia famiglia…a volte staccare un po’ dalla routine aiuta poi a riprendere con maggiore slancio e forza, e spero proprio che nel mio caso sarà così.
Fuerteventura è bellissima: senza andare troppo lontano ho potuto godere di panorami e spiagge mozzafiato, di  scorci da cartolina e di un clima davvero speciale; purtroppo non l’abbiamo girata tutta, del resto avevamo anche bisogno di starcene un po’ in relax, la settimana era una sola e direi che tutto sommato ci siamo comunque riusciti.
Ora son tornata nella mia casina, in questi giorni son stata un po’ presa dalle mille cose post rientro (presto comunque vi metterò qualche foto, promesso!) ma oggi ho deciso di passare per un salutino e per mostrarvi una ricettina semplice e veloce, che ultimamente, sempre grazie ai suoi consigli, è entrata a tutti gli effetti a far parte dei piatti del cuore della mia famiglia: la pizza in teglia, realizzata con pasta madre.
E’ semplicissima da fare, in quanto la base è quella della mitica focaccia che trovate qui (l’unica differenza è che non ho utilizzato l’esubero, ma della pasta madre appena rinfrescata); necessita ovviamente sempre di un po’ di pazienza per la lievitazione, ma una volta organizzati i tempi, tutto scorrerà liscio come l’olio e vi troverete a gustare una pizza soffice, piena di bei buchi e dal ricco condimento.

 

Pizza in teglia con pasta madre 1

 

Se ve ne dovesse avanzare qualche pezzo, fate come me: una volta fredda congelatela e scongelatela al bisogno; una ripassatina in forno e sarà gustosissima come appena sfornata. Io a volte ne preparo anche delle porzioni per la merenda scolastica di mia figlia, che mi garantisce, è buonissima anche messa a scaldare sul calorifero in classe 😉
Beh, piuttosto che merendine comperate, questa è un’ottima soluzione, che ne dite?

 

Print Recipe
Pizza in teglia con pasta madre
profumatissima e sfiziosa, un classico che accontenta sempre tutti!
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 25 minuti
Tempo Passivo 18 ore lievitazione
Porzioni
porzioni
Ingredienti
Per la base
Per il condimento
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 25 minuti
Tempo Passivo 18 ore lievitazione
Porzioni
porzioni
Ingredienti
Per la base
Per il condimento
Istruzioni
  1. Versare l'acqua in una ciotola, aggiungere la pasta madre e scioglierla aiutandosi con le mani, poi unire metà della farina sempre mescolando, poi l'olio, il sale e la restante farina, e impastare bene per alcuni minuti; questo è il procedimento per farlo a mano, ma è possibile usare tranquillamente l'impastatrice con il gancio apposito.
  2. Ungere leggermente con dell'olio una ciotola pulita e versarci l'impasto che rimane bello morbido. Fare lievitare coperto per 15-16 ore, o fino al raddoppio (io ho preparato tutto la sera dopo cena ed ho lasciato tutta la notte) in un luogo fresco ma non freddo.
  3. Ungere con un po' d'olio una leccarda da forno e rovesciare al suo interno l'impasto lievitato, allargandolo delicatamente con le mani; lasciar lievitare ancora circa 2 ore, o finché non avrà raddoppiato il suo volume. Preriscaldare il forno a 200 gradi.
  4. Cospargere la superficie della pizza con pomodoro a pezzettoni amalgamato con sale e olio; spolverizzare con l'origano, aggiungere la mozzarella a dadini ben asciugata dal liquido di governo ed infornare per circa 20-25 minuti a modalità ventilata. Servire ben calda.
Recipe Notes

Dalla ricetta base di Miria di Due amiche in cucina

 

 

 pizza in teglia con pasta madre

 

Beh, che ne dite, non è invitante?!
Adoro quei mille buchini che la caratterizzano!
Se la preferite più ricca, potrete aumentare la dose di formaggio…o ancora aggiungere del prosciutto, dei funghi, delle verdure, dei wurstel a dadini, insomma chi più ne ha più ne metta…. largo alla fantasia, come dico sempre!
Adoro questa pizza, perchè la posso mangiare con tranquillità, senza avere il problema di sentirmi, dopo, gonfia come un pallone (si, ho scoperto di essere intollerante al lievito di birra, purtroppo).

La mia Gina anche stavolta ha fatto egregiamente il suo dovere, brava lei!!

Ora devo scappare, il ferro da stiro mi attende per le ultime cosette da sistemare, ahimè.
Presto vi mostrerò qualche foto di Fuerteventura e della puntatina a Lanzarote che abbiamo fatto per rivedere il Vulcano Timanfaya…nel frattempo lustratevi gli occhi con questa pizza che a stomaco pieno si sta mooolto meglio, eheheh 😉
A prestissimo!

Simona