Tomato soup a modo mio, ed evento Prima Polpa Mutti

La scorsa settimana sono stata invitata, insieme ad altre amiche foodblogger, da Mutti Pomodoro all’Expo per una piacevole serata, dove ho avuto il piacere di scoprire, attraverso piatti assolutamente squisiti, la bontà e la qualità della loro ottima Prima Polpa.
Ospite d’onore, insieme a Davide Oltolini e a Sonia Peronaci che hanno presentato questo piacevolissimo evento, è stato Simone Rugiati, che ha cucinato per noi alcuni piatti squisiti, tutti rigorosamente a base di polpa di pomodoro Mutti.
Era presente con noi anche Francesco Mutti, amministratore delegato dell’azienda, che ci ha un pò raccontato la storia di questa azienda, il suo modus operandi per riuscire ad ottenere un prodotto di altissimo livello e qualità.
Da 4 generazioni infatti, la famiglia Mutti, che ha fatto della qualità la propria missione, si dedica esclusivamente al miglioramento del proprio prodotto, producendo concentrato, passata e polpa di pomodoro, oggi apprezzati in tutto il mondo; il concetto di qualità eccellente che Mutti persegue non riguarda solo la lavorazione dei pomodori ma piuttosto tutta la filiera, dal campo alle tavole delle persone, sempre con un occhio di attenzione anche all’ambiente.

 La qualità del prodotto e dei processi ha un valore elevatissimo per Mutti che dal 1999 – prima in Italia – certifica i propri prodotti con il marchio “Produzione Integrata Certificata”, cui, dal 2001, si è aggiunta la dichiarazione “non OGM”, certificazione che prevede un doppio controllo, sia sulle operazioni agricole, sia su piantine, pomodoro fresco e prodotto finito.

Il concetto di qualità eccellente coinvolge anche la sostenibilità ambientale. L’azienda, consapevole dell’importanza dell’utilizzo di risorse naturali, ha dato vita ad un progetto – in collaborazione con WWF e Centro Euro-mediterraneo sul Cambiamento Climatico – per calcolare la propria impronta idrica, concretizzando degli obiettivi di riduzione del 3% lungo tutta la filiera.
L’innovativo sistema di gestione dell’irrigazione oggi coinvolge circa 50 aziende agricole situate in Emilia Romagna e Lombardia e utilizza sofisticati strumenti di monitoraggio dell’umidità del terreno – le sonde – in grado di valutare le esigenze di irrigazione e limitare così l’uso di acqua ai soli volumi e periodi necessari.
Ma non solo.
Oltre all’impronta idrica, sempre in collaborazione con il WWF, Mutti ha calcolato anche l’impronta di carbonio della propria attività produttiva; ha scelto infatti di impegnarsi per la riduzione delle emissioni dirette, attraverso l’incremento e la promozione di fotovoltaico, biomasse, efficienza energetica, energy management. Negli ultimi tre anni, Mutti ha evitato l’immissione in atmosfera di 6.041 tonnellate di CO2!

E’ iniziata quindi per Mutti il 16 luglio la campagna pomodoro 2015: 485 in totale le aziende agricole che quest’anno conferiranno il pomodoro per essere lavorato; di queste, 360 situate nella pianura padana riforniscono lo stabilimento di Parma, mentre le altre 125 nelle Regioni Puglia, Molise, Basilicata e Campania riforniscono lo stabilimento Fiordagosto, nei pressi di Salerno.

 

IMG_6661--1

Tutto questo che vi ho sopra descritto, ci è stato raccontato da Francesco Mutti durante la serata, mentre osservando Simone Rugiati all’opera nel suo show cooking, noi ospiti potevamo degustare una cena di altissimo livello e qualità…

 

collage mutti

 

Abbiamo iniziato con un Bloody Mary servito dentro alle lattine del pomodoro, per poi assaggiare un bis di antipasti, una parmigiana scomposta servita nel bicchiere, degli strepitosi Gnocchetti alla puttanesca con carpaccio di baccalà marinato al limone e rosmarino, dei Tentacoli di polpo arrostito su polpa di pomodoro Mutti allo zenzero e crumble di pane alle erbe, per terminare alla fine con una creme brulèe assolutamente divina.

 

collage mutti 1

 

collage Mutti 2

Insomma, come potete vedere tutto assolutamente ottimo…tanto che una volta a casa, ho voluto aprire la mia lattina di Prima Polpa Mutti e cucinare quello che è uno dei piatti che spesso preparo ai miei cari, e che sempre viene gradito con piacere. E’ una mia versione, non so se essere giusta o sbagliata, se essere fedele alla tradizionale ricetta americana…so che mi viene sempre benissimo e che in quattro e quatt’otto porto in tavola un primo piatto ricco di sapore e colore, perfetto caldo in inverno e tiepido d’estate…anche col pomodoro fresco viene bene, ma con una polpa così come quella di Mutti…beh, vado assolutamente sul sicuro!

 

IMG_6677-1

Tomato soup a modo mio
Serves 3
Write a review
Print
Ingredienti
  1. 700 ml Prima polpa Mutti
  2. 150 ml latte
  3. uno scalogno piccolo
  4. una carota piccola
  5. un ciuffetto di basilico e un rametto di santoreggia, più alcune foglioline per decorare il piatto
  6. una noce di burro
  7. un cucchiaio abbondante di farina di riso
  8. un cucchiaio d'olio extravergine d'oliva
  9. un pezzetto di sedano
  10. sale e pepe a piacere
  11. crostini di pane per servire
Preparazione
  1. Mettere in una casseruola antiaderente olio e burro, scaldare ed aggiungere lo scalogno tritato finissimamente con il sedano e la carota fatti a dadini piccolissimi.
  2. Far soffriggere per qualche minuto, poi aggiungere la farina di riso e tostarla un attimo.
  3. Unire la polpa di pomodoro, salare e pepare a piacere, unire il basilico spezzettato e le foglioline di santoreggia, quindi mettere il coperchio e cuocere per circa una ventina di minuti a fiamma bassa.
  4. Spegnere la fiamma, unire il latte ed amalgamare.
  5. Frullare il tutto con un frullatore ad immersione, in modo da ottenere una zuppa vellutata e morbida.
  6. Servire calda o tiepida, con qualche fogliolina di basilico e con dei crostini di pane tostato a piacere
Pensieri e pasticci https://www.pensieriepasticci.it/
 

 

IMG_6665-1

 

Con queste dosi otterrete tre porzioni abbondanti, ma anche in quattro ci si può mangiare tranquillamente…io solitamente la faccio seguire ad un tagliere di formaggi o ad una buona e fresca mozzarella di bufala con del fresco pane croccante.

 

IMG_6666-1

 

Che dire?!

Mi sembra di avervi raccontato tutto, sia della bellissima serata trascorsa in compagnia di Mutti, che della mia ricettina realizzata con la loro ottima polpa…approfitto per salutarvi ed augurarvi un sereno fine settimana, questa sarà la mia ultima prima delle tanto sospirate vacanze…non vedo l’ora!

Un abbraccio affettuoso, alla prossima!

08E2796ECBC9AA89D26349E6FB14FA4C