Mazzancolle Whiskey e lime

Chi mi conosce sa quanto adori Lorraine Pascale.
Bellissima, filiforme, ricca di fascino, classe, simpatia e bravissima in cucina…insomma un sogno, per una pasticciona come la Simo!
Quante volte mi son trovata a guardare, riguardare. e riguardare ancora le sue trasmissioni sul Gambero Rosso e a sentire le sbuffate di mio marito:-“Ma questa puntata la potrei interpretare anche io, la so a memoria…”-
Vabbè, lo so, si forse le ho viste…uhm…dunque vediamo…non so neppure quante volte ormai, ma non mi stanco…che ci posso fare se la adoro?!
Oltre che essere catalizzata dalle sue ricettine che trovo assolutamente alla mia portata, essendo quasi tutte di facile realizzazione, rimango anche incantata a guardare la sua bellezza, quelle meravigliose mani affusolate che si muovono con maestria fra taglieri, padelle, impasti e sac a poche…la sua figura aggraziata che si muove fra i banchi del mercato e fra il bancone della cucina, forno e quant’altro…
Un pò di sana invidietta ogni tanto mi pervade, non propriamente un’invidietta cattiva, no dai…piuttosto una vocina sottile sottile si insinua nelle mie orecchie quasi a volermi dire, ripetendolo come un mantra ossessivo: guarda quanto è brava, quanto è bella e soprattutto…quanto è magra!
Ecco, adesso io vorrei tanto capire una cosa (so che questa non è la priva volta che lo dico, ma perdonate la ripetitività…sto invecchiando!): come fa?! A non mettere neppure mezzo etto, no dico, ma come fa?!!!!!
I suoi dolci sono grondanti di buon burro e di quante bontà si possano trovare a livello commestibile…la panna, il mascarpone, la pancetta e il cioccolato sono i primi fra gli ingredienti da lei utilizzati.. ebbene Lorraine, fra tutte le tue ricette, potresti fornirmi anche quella per mantenerti così meravigliosa?!
Ultimamente urge alla grande, help!!!!

IMG_3576-1

La Simo, fra le altre cose, ha comprato tutti i suoi libri; ne ha in inglese ed anche in italiano. L’inglese non è di certo il suo fiore all’occhiello, anzi diciamo che non ci capisce un acca, a parte le basilari frasi apprese a scuola tempo fa… ormai molto tempo fa.
Con l’aiuto della tele però, della rete, della figlia che studia al liceo linguistico, del marito che invece lo parla alla stragrande, riesce piuttosto bene a destreggiarsi fra queste pagine un  pò incomprensibili, cavandone fuori molto spesso dei piatti assolutamente meravigliosi.
Come questo, appunto.

Devo dire che il pesce qua da me si cucina davvero ben poco; una volta provati questi gamberi, beh…è difficile tornare indietro, si cade in una spirale di perversione incredibile. Del tipo che ogni volta si vorrebbe avere una ciotolina di salsina nappata e calda per intigerceli alla grande: e non dico bugie!
Fra le tante cose io non bevo alcoolici, a parte qualche volta la birra e un buon bicchiere di vino, quindi non immaginavo di amare così tanto questo insieme di sapori: qua il whiskey si fonde con il lime e lo zucchero, a creare un gusto davvero sublime. Lorraine ci mette anche abbondante peperoncino, io invece non ne ho messo, ma voi siete liberissimi di farlo, se vi va!

IMG_3574-1

Mazzancolle al Whiskey e lime
un antipasto, un secondo piatto...davvero speciali!
Write a review
Print
Ingredienti per 3-4 ciotoline
  1. Una ventina di mazzancolle sgusciate e pulite dal filamento nero, a cui però va lasciata la codina
  2. 20 g zucchero muscovado
  3. 70 g zucchero di canna chiaro
  4. 70 ml Whiskey
  5. 2 lime
  6. 1 cucchiaio di olio vegetale
Preparazione
  1. Per prima cosa lavare ed asciugare i lime. Grattugiare la parte verde della buccia di un lime e spremere il succo di tutti e due; mettere da parte.
  2. Preparare la salsina così: in un pentolino possibilmente antiaderente, mettere i due zuccheri, il Whiskey, il succo dei lime e portare ad ebollizione, sempre mescolando delicatamente; regolare la fiamma a livello medio e far addensare il liquido per diversi minuti, mescolando in continuazione ( lo zucchero si deve caramellare).
  3. Spegnere la fiamma ed aggiungere la scorza dei lime grattugiata.
  4. Accendere il forno e portarlo a 180°.
  5. In una padella che può resistere al forno, mettere un filo d'olio e le mazzancolle; accendere la fiamma e farle rosolare qualche minuto per parte. Versarci sopra tre quarti della salsa ed infornare per 6-7 minuti.
  6. Servire dentro a delle ciotoline individuali, con a parte la rimanente salsina intiepidita, per poterci immergere le mazzancolle a piacere.
Notes
  1. Strepitose anche da servire eventualmente su crostoni di pane baguette o filone, leggermente tostati sotto al grill...provate e poi mi direte....
Adapted from una ricetta di Lorraine Pascale, da me leggermente modificata
Adapted from una ricetta di Lorraine Pascale, da me leggermente modificata
Pensieri e pasticci https://www.pensieriepasticci.it/

Non smetterete di intingerle quelle mazzancolle,  credete a me.
E farete scarpetta anche di quella liquorosa e goduriosa salsina…assolutamente irresistibile. E farete anche un figurone con amici…davvero in quattro e quattr’otto!

IMG_3568-1

E adesso vi saluto, augurandovi un sereno inizio settimana.
Visto che la Quaresima è iniziata, la Simo ci riprova con la dieta, eh?! Non fateci caso, sono fatta così…incostante e pasticciona, purtroppo non ho scampo: ci provo a diventare precisa e perfetta, ma non ce la faccio, davvero!
Pigliatemi così come sono, eheheh…
Alla prossima!
Bacioni

08E2796ECBC9AA89D26349E6FB14FA4C