Corolle alle fragole e crema alla vaniglia

 Alzata e piattino La Porcellana Bianca

 

Finalmente sono arrivate le fragole, yesss!!!

Fragole: primavera.
Fragole: allegria.
Fragole: solarità.

Adoro le fragole, forse perchè sono nata in primavera, non so…mia mamma diceva che da bambina ne mangiavo a dismisura; nel giardino-orto degli zii ce n’erano tantissime e…quante ne abbiamo mangiate io e mia cugina! (vabbè, abbiamo mangiato anche un sacco di altra frutta, fra cui le pere acerbe…ma quella è un’altra storia…)

Ho ancora un ricordo vivido di me bambina, forse in seconda o terza elementare, portata a casa dal bidello tuttofare della scuola, sulla canna della bicicletta da uomo, perchè piena di puntini rossi….orticaria.
E indovinate un pò…dopo una mega mangiata di fragole!

Il vizio non mi è passato, tanto che appena le vedo comparire sui banchi del mercato, mi affretto a comperarne, oserei dire a chili…
Mi piacciono in macedonia, con lo yogurth, col gelato, dentro ad una torta, semplici con una spruzzata di limone o anche da sole, risciacquate sotto il getto dell’acqua fresca.
Ho provato anche a surgelarle…effettivamente sono perfette se d’inverno si vuole fare un dolce alla frutta o una composta: da mangiare così, effettivamente perdono un pò in consistenza, ma il sapore…beh, quello delle fragole di stagione, è impagabile.

Ho attaccato questa mia smodata passione anche a mia figlia, che, come me, ne mangerebbe a chili.

…tale madre…tale figlia!

 

 

Ho voluto creare queste piccole corolle soffici di pan di spagna, per ottenere dei mini dolcetti da gustare in un sol boccone, assolutamente voluttuosi e golosi, da assaporare in perfetta beatitudine.

Ho pensato di partecipare con queste dolcezze al contest sui finger food indetto da Monique del blog Mielericotta e Paola del blog La bottega delle Dolci Tradizioni, denominato per l’appunto, “in un sol boccone”, in collaborazione con Peroni.

 

 
 

 

Una coccola assolutamente perfetta per chi amo…
…ma anche per me!

Ingredienti per il pan di spagna (per circa 8/10 corolle):

125 g zucchero semolato
125 g farina bianca 00
3 uova freschissime
un pizzico di vaniglia bourbon
1 pizzico di sale fino
1/2 bustina lievito per dolci
 
Per la crema:
200 g di formaggio Camoscio d’oro spalmabile
2 cucchiai da tavola di zucchero a velo
i semini di mezza bacca di vaniglia
qualche goccia di estratto di vaniglia naturale
 
un cestino di belle fragole sode
 
Preparazione:
Per prima cosa preparare il pan di spagna.
Accendere il forno e portarlo alla temperatura di 180°.
Nel K.a con le fruste a filo, montare le uova con lo zucchero per qualche minuto a velocità sostenuta ( si possono tranquillamente montare a mano o anche con le fruste elettriche). Unire poi il pizzico di sale, la vaniglia e la farina, sempre continuando a montare per qualche minuto. Il composto ottenuto deve essere bello spumoso.
Prendere una teglia bassa rettangolare(la mia misurava 37×26 cm), rivestirla di carta forno, e versarci il composto.
Infornare e cuocere per dodici-quindici minuti (controllate…ogni forno è diverso), deve diventare bello dorato.
Sfornare e lasciar raffreddare.
Una volta raffreddato, staccare il pan di spagna dalla carta forno, poggiarlo su un piano di lavoro e con uno stampino a forma di fiore, ritagliare delle corolle in numero pari. (le mie avevano un diametro di cm 6)
Preparare la cremina: amalgamare in una ciotolina il formaggio con lo zucchero a velo, i semini di vaniglia e l’estratto.
Pulire le fragole e farle a fettine.
Prendere metà delle corolle di pan di spagna e spalmarci sopra un  poco di cremina alla vaniglia. 
Adagiarci sopra qualche pezzettino di fragola e appoggiarci sopra l’altra corolla senza crema, in modo da creare dei piccoli “sandwiches fragolosi”.
Procedere così fino ad esaurimento delle corolle, e,  finire con un cucchiaino di crema e qualche pezzettino di fragole in superficie.
 
 
 
 
 
 
 
 
Spolverizzare con abbondante zucchero a velo al momento di servire; è possibile prepararle anche qualche ora prima e conservarle in luogo fresco, avendo l’accortezza di mettere lo zucchero a velo solo all’ultimo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 Buona dolce primavera, a tutti!
Col cuore