Frutta caramellata

 

 
 
 
Ancora una ricettina di Csaba.
 
Un’idea quasi più semplice da dirsi che da farsi…ma davvero golosa, per presentare la frutta in maniera un pò insolita e diversa…
Csaba se non erro, proponeva questo dessert dopo un buon primo a base di pesce, o comunque qualcosa di abbastanza sostanzioso da non rendere indispensabile la preparazione di un secondo piatto.
 
Chiedo venia, perchè io ascolto le ricette (anche questa proviene dal programma su Alice) poi però non le preparo in maniera esatta e millimetrica…apporto sempre qualche mia personale variazione.
 
Qua, ho provato a prepararla in due versioni:
la prima, più semplice e senza l’aggiunta di liquore, ma con una cucchiaiata di panna leggermente montata che l’ha resa golosissima ( l’ha mangiata anche mia figlia);
la seconda con l’aggiunta di brandy e mandorle a lamelle…che mio marito ha preferito.
(io le ho solo assaggiate entrambe, essendo a dieta……..)
 
 
 
 
Frutta caramellata prima versione
 
Ho preso delle belle prugne “goccia d’oro”, le ho lavate ed asciugate, tagliate e private del nocciolo, fatte a spicchi non troppo piccoli;
a questo punto le ho messe in una capace padella antiaderente sul fuoco vivace, con 2 bei cucchiai di zucchero a velo ed un goccino di acqua.
Ho fatto saltare, e appena lo zucchero ha iniziato a caramellarsi, ho tolto le prugne e le ho poste in un piattino da dessert…ho fatto ancora restringere il caramello per pochi attimi, e l’ho cosparso sulla frutta.
A parte ho servito una cucchiaiata di panna appena montata…ma ci sta davvero bene anche il gelato alla vaniglia o fiordilatte!
 
 
 
 

 
Frutta caramellata seconda versione
 
In questo caso ho utilizzato le prugne sia gialle che rosse; Csaba se non erro propone anche l’abbinamento prugne-pesche, che non deve essere proprio niente male!
Le ho lavate bene, asciugate e fatte a spicchi belli grossi; le ho messe nel wok con due cucchiai di zucchero (questa volta ho utilizzato quello di canna!) ed ho saltato un pochino a fiamma vivace.
Ho poi aggiunto un goccio di brandy, ed ho saltato sempre la frutta, sino a far restringere il caramello formatosi.
Ho poi spolverizzato il tutto con delle mandorle a lamelle, fatto saltate ancora un ‘altro pò, spento la fiamma e servito..questa volta così, senza nessun accompagnamento (ma come al solito panna o gelato ci stanno che è una meraviglia!)
 
Che ne dite?
“Non mi resta altro che augurarvi…
…Bon appétit!”